Dottor Claudio Ivan Brambilla

Dottor Claudio Ivan Brambilla, specialista in ostetricia e ginecologia.

claudio ivan brambillaIl Dottor Claudio Ivan Brambilla è specialista in ostetricia e ginecologia, professore alla Scuola di ostetricia dell’Università statale di Milano (sezione di Mantova). E’ membro del Collegio nazionale di Ginecologia e Ostetricia francese, nel ruolo di “referente per l’estero”. Ogni anno si reca ad Haiti per cooperare come medico volontario con gli ospedali locali. Ha due figli e ha fatto nascere migliaia di bambini.

Sul sito BimbiSaniebelli.it risponde a dubbi su argomenti ginecologici, contraccezione, concepimento, fertilità, gravidanza, post parto.

Link Università statale di Milano

Su BimbiSanieBelli.it – le sue risposte 

 

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Articoli di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Test di gravidanza tutti negativi: posso essere incinta?

Il dosaggio nel sangue delle beta-hCG è estremamente affidabile: se più volte risulta negativo ci si può credere.   »

A 40 anni la gravidanza non si annuncia

Quando vi sono vari fattori che giocano a sfavore della possibilità di concepire conviene rivolgersi a un centro per la diagosi e la cura dell'infertilità senza attendere troppo.   »

Posso essere incinta?

In linea teorica non si può iniziare una gravidanza avendo rapporti al di fuori del periodo fertile. Il punto è, però, che non sempre l'ovulazione si verifica nella data che si individua "a tavolino".   »

Lieve sanguinamento molti giorni prima della mestruazione

La comparsa di lievi perdite di sangue prima della mestruazione, se si verifica una sola volta, non è significativa dal punto di vista medico.   »

Sono incinta e sto bene: mi devo preoccupare?

La gravidanza non è una malattia e il fatto che dia luogo a sintomi appena accennati o assenti è una gran fortuna e non un segnale di allarme.   »

Rapporti molti giorni prima dell’ovulazione: può iniziare una gravidanza?

In linea teorica, è difficile dare inizio a una gravidanza grazie a rapporti sessuali avvenuti più di sette giorni prima della data presunta dell'ovulazione. Ma l'ovulazione può avvenire prima (o dopo) di quanto si calcola "a tavolino" e questa variabile fa la differenza.   »

Un figlio a 43 anni: quante probabilità?

Dopo i 40 anni la fertilità femminile diminuisce significativamente, tuttavia non si può escludere a priori la possibilità di dare inizio a una gravidanza, nonostante le probabilità siano modeste.   »

Preoccupata perché non è rimasta incinta (dopo due tentativi)

Non ci si deve attendere che immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio il concepimento avvenga: la natura ha i suoi tempi che non sempre soddisfano le aspettative che la coppia nutre.   »

Dubbio sulla pillola del giorno dopo

Più è rapido il ricorso alla contraccezione di emergenza meglio è sotto il profilo dell'efficacia.   »

Vaccinazione AstraZeneca e ricerca della gravidanza

Se si viene sottoposte alla vaccinazione anti-CoVid-19 è opportuno sospendere la ricerca di una gravidanza per tutto il mese successivo alla conclusione del ciclo vaccinale.  »

Pagina 1 di 32
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti