Dottor Luca Cegolon, MD, MSc, DTM&H, PhD

Laureato in Medicina all’Università di Padova, dove si specializza anche in Igiene e medicina preventiva e dove consegue un dottorato di ricerca in epidemiologia e prevenzione dei tumori (interazione virus-cancro).

f3c5b246-b984-4d4d-825e-6da919dd7a34

Ha conseguito anche l’abilitazione a svolgere le funzioni di medico del lavoro presso l’Universita’ di Pavia. Ha studiato presso la prestigiosa London School of Hygiene & Tropical Medicine, dove nel 2007 ha conseguito un Diploma in Tropical Medicine & Hygiene (DTM&H) e nel 2008 un Master of Science (MSc) in Public Health (general stream). Attualmente è strutturato sia come ricercatore universitario in Igiene Generale ed Applicata presso l’ Università degli studi di Trieste che come medico epidemiologo per il Dipartimento di Prevenzione dell’ Azienda Sanitaria Universtaria Giulano-Isontina (ASUGI). Precedentemente ha lavorato come dirigente medico per il Dipartimento di Prevenzione dell’ AULSS 2 “Marca Trevigiana”, come epidemiologo in ambito materno-infantile per l’ IRCCS “Burlo Garofolo” di Trieste, come Senior Public Health Environmental Scientist per il team di Extreme Events & Health Protection di Public Health England (United Kingdom), come ricercatore in epidemiologia materno-infantile per il Maternal, Adolescent, Reproductive & Child Health (MARCH) Centre della London School of Hygiene & Tropical Medicine e come epidemiologo per il Dipartimento di Prevenzione di Verona. Nel 2018 ha ottenuto all’unanimità l’abilitazione scientifica nazionale (ASN) al ruolo di professore universitario di seconda fascia per il settore scientifico-disciplinare MED-42 (Igiene Generale & Applicata).

Le sue pubblicazioni scientifiche sono reperibili in PubMed

Fonti / Bibliografia

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Articoli di Dottor Luca Cegolon, MD, MSc, DTM&H, PhD

Vaccino anti-CoVid-19: può diminuire la fertilità femminile?

E' stato escluso con sicurezza che la vaccinazione contro il coronavirus possa influire negativamente sulla fertilità femminile.   »

Vaccino anti-Coronavirus: è davvero una fake-news che causi infertilità?

Nel Web circolano bufale a volte così ben confenzionate da diventare credibili anche per persone competenti. Documentarsi sempre in modo meticoloso, prima di dare credito a ipotesi che mettono in discussione le scelte delle autorità sanitarie è quanto di meglio si possa fare per non cadere nelle tante...  »

Vaccino anti-CoVid-19: una fake news e alcune verità

In questo momento storico così delicato è irrinunciabile non credere ciecamente a tutte le notizie che circolano nel Web: l'atteggiamento giusto è quello di documentarsi consultando fonti scientificamente attendibili.  »

Vaccino anti-meningite: è opportuno farlo a 23 anni?

E' senz'altro raccomandabile sottoporsi alle vaccinazioni contro i vari tipi di meningococco anche se si è fuori dalle fasce di età a rischio.  »

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dolori mestruali spariti da quando è iniziata la ricerca di una gravidanza

29/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una spiegazione strettamente scientifica alla scomparsa della dismenorrea nel momento in cui si hanno rapporti sessuali non protetti non esiste, tuttavia il fatto stesso che a volte accada rende l'eventualità possibile.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti