Dottor Michele Franchina

Dottor Michele Franchina, professore di ostetricia e ginecologia dell’Università di Bologna

Michele FranchinaIl Dottor Michele Franchina è professore di ostetricia e ginecologia dell’Università di Bologna. Su BimbiSanieBelli.it risponde alle domande su gravidanza, parto, puerperio.

Profilo Linkedin 

Su BimbiSanieBelli.it – le sue risposte 

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Articoli di Dottor Michele Franchina

Ho 44 anni e ho avuto una figlia perfettamente sana!

Ogni paura è svanita per una nostra lettrice ultraquarantenne: la bimba che ha dato alla luce no ha alcun problema.   »

Ho 44 anni: potrà essere sano il mio bambino?

In linea teorica anche a 44 anni si può avere un figlio sano, ma per escludere con sicurezza che ci sia qualcosa che non va occorre effettuare l'amniocentesi.   »

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che tira i capelli alla mamma: che fare?

09/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Afferrare i capelli della mamma anche in maniera così decisa da provocare un forte fastidio non è espressione della volontà diel bambino di "farle del male" quanto piuttosto di un desiderio di appropriarsi totalmente di lei.   »

Epatiti dei bambini: c’entra il vaccino contro il CoVid-19?

28/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono elementi che suggeriscano una relazione tra il vaccino contro il coronavirus Sars-CoV-2 e l'epatite acuta dell'età pediatrica.  »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti