Dottor Paolo Pantanella

Dottor Paolo Pantanella, gastroenterologo e pediatra, risponde a domande su tutti i disturbi gastrointestinali (celiachia, morbo di Crohn, colici ulcerose) di adulti e bambini.

 paolo pantanellaLaureato in medicina e chirurgia, specializzato in Pediatria e in Gastroenterologia, per il desiderio di voler estendere le sue competenze anche al mondo degli adulti.
Per 10 anni Paolo Pantanella è stato consulente pediatra dell’Associazione Persone Down: in questa
struttura ho partecipato come operatore presso il Servizio di Informazione e Consulenza, dove le
famiglie che avevano appena avuto un bimbo Down venivano informate su tutele situazioni
mediche, psicologiche, evolutive e legislative che li riguardava, e poi come consulente scientifico
del Consiglio tecnico dell’Associazione Nazionale.
Dal 1994 al 1999 ho lavorato come pediatra in diversi reparti ospedalieri, prima in Oncologia
Pediatrica al Policlinico Gemelli, poi al G.B. Grassi di Ostia, poi alla Terapia Intensiva Pediatrica presso il
Policlinico Gemelli, poi al Nuovo Regina Margherita.
Dal 1999 lavoro nel reparto di Gastroenterologia prima del Nuovo Regina Margherita e poi del San
Camillo di Roma.
I campi della medicina che mi hanno più interessato sono le malattie croniche infiammatorie
intestinali (colite ulcerosa e malattia di Crohn), la celiachia, la gastroenterologia pediatrica, la
nutrizione e la dietologia, lo stile di vita che porta al benessere fisico ed emotivo.
Essendo da sempre appassionato di sport li ho praticati praticamente tutti, ma il momento più
significativo a riguardo l’ho raggiunto nel 2016, quando ho corso in 4 ore la Maratona di New
York, senza mai fermarmi: mi sono sentito come avessi vinto le Olimpiadi.
Come medico e persona umana mi trovo a mio agio nelle vesti di divulgatore medico. Inizialmente
ho pubblicato i consueti lavori scientifici medici e sono stato docente presso la Scuola Medica
Ospedaliera.
Poi ho cominciato un lungo ed emozionante percorso di coaching che mi ha portato a diventare
Coach certificato e Trainer in PNL, dopo avere superato negli Stati Uniti gli esami di Richard
Bandler, il creatore della PNL (Programmazione Neuro Linguistica). Questa straordinaria disciplina mi
ha ridestato i sopiti entusiasmi sul mio modo di essere medico e mi ha permesso di diventare un
Medical Coaching.
Dal 2015 gestisco una pagina professionale Facebook che si chiama “Un medico per amico” che
viene seguita quotidianamente da oltre 7000 persone.
Attualmente produco anche videocorsi on line: il primo si chiama “Latte e pappe” ha come oggetto la corretta alimentazione di un bambino dalla nascita al compimento del primo anno di vita, con particolare riferimento all’allattamento (al seno e non) e allo svezzamento. Il secondo videocorso si intitola “Percorso benessere” ed è costituito da 42 video in cui affronto il tema “dieta alimentare” con l’obiettivo di favorire la possibilità di sviluppare il piacere del corpo e della forma fisica. In sintesi, propongo un metodo che ogni giorno per sei settimane aiuta ad abbattere tutti gli ostacoli che si frappongono con il traguardo del corpo desiderato. 
La mia esperienza di Medical Coach mi ha permesso di organizzare seminari con gruppi di
persone con malattie croniche ( coliti ulcerose, malattia di Crohn, neoplasie mammella) allo scopo di aiutarle a stare meglio non con il ricorso a ulteriori farmaci ma grazie alla forza del gruppo e a uno stile di vita in grado di migliorare realmente la condizione di salute.
Mi sono sposato (2 volte) e ho 2 splendidi figli.
 
Su BimbiSanieBelli.it – le sue risposte

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Articoli di Dottor Paolo Pantanella

Vomito dopo il latte: cosa può essere?

L'improvvisa comparsa di crisi di vomito può dipendere da un virus. La guarigione avviene in genere in modo spontaneo, senza che sia necessario somministrare medicine.   »

Quanto tempo si deve aspettare per dire: “Sì! Potete fare il bagno!”

I bambini vorrebbero stare sempre in acqua, ma non è meglio non lasciarli entrare subito dopo un pasto? Molto dipende "da cosa" hanno mangiato.  »

Morbo di Crohn e concepimento

Se il morbo di Crohn è in remissione, non interferisce sulla ricerca di una gravidanza.   »

Malessere dopo i pasti

La comparsa di sonnolenza e gonfiore addominale dopo mangiato è quasi sempre dovuta a un eccesso di carboidrati nell'alimentazione.   »

Nausea e diarrea: cosa può essere?

Quando stomaco e intestino sono in disordine è facile che sia implicato un virus aggressivo per il tratto gastrointestinale.   »

Diagnosi difficile

Ci sono casi in cui per riuscire a fare la diagnosi bisogna procedere per esclusione. Accade, per esempio, quando dalle prime indagini effettuate non emerge nulla che possa essere in relazione con la comparsa di un dolore che non passa.   »

Ruttino: meglio non insistere per farglielo fare

Il ruttino non è il segnale automatico di buona digestione. Meglio non attuare strategie affinché il bambino lo emetta.   »

Vomito a getto: è sempre rigurgito?

Il rigurgito è considerato e definito tale sia se il latte "restituito" è pastoso sia se è ancora liquido.   »

Pagina 2 di 2
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti