Dottor Pietro Falco

Dottor Pietro Falco, pediatra di famiglia.

pietro falco

Dottor Pietro Falco, pediatra di famiglia, è consigliere nazionale della S.I.P.P.S. (Società italiana di pediatria preventiva e sociale) ed esperto di disturbi della nutrizione pediatrica. Risponde a dubbi e domande sulla salute e l’alimentazione del bambino. Il dottor Pietro Falco ha ereditato l’amore la pediatria da suo padre, che per tanti anni è stato pediatra. Oggi racconta di avere sulle spalle la propria esperienza di medico, ma ben impresse nel cuore e nella memoria anche quella di suo padre, perché fin da bambino ha frequentato il suo studio, lo ha visto lavorare, lo ha percepito come inscindibilmente legato alla professione di medico. Fin dall’infanzia ha saputo che ne avrebbe seguito le orme e così è stato.

Su BimbiSanieBelli.it – le sue risposte 

 

 

Fonti / Bibliografia

  • Direttivo - SIPPSPRESIDENTE Giuseppe Di Mauro VICE PRESIDENTI Gianni Bona Vito Leonardo Miniello CONSIGLIERI Salvatore Barberi Simonetta Bellone Elena Chiappini Salvatore Grosso Attilio Varricchio SEGRETARIO Maria Carmen Verga TESORIERE Emanuele Miraglia del Giudice REVISORI DEI CONTI Daniele Ghiglioni Giovanna Tezza DIRETTORE RESPONSABILE RIPPS Giuseppe Saggese RESPONSABILE RAPPORTI CON ENTI E ISTITUZIONI Luca Bernardo RESPONSABILE EDUCAZIONE ALLA SALUTE […]

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Articoli di Dottor Pietro Falco

Mononucleosi: l’allattamento deve essere sospeso?

L'allattamento al seno non deve essere interrotto in caso di mononucleosi.  »

Alito spiacevole in bimba di 10 mesi

A fronte della comparsa di alitosi è bene effettuare indagini volte a escludere il reflusso esofageo.   »

Latte artificiale: troppo o troppo poco?

La conferma che il bambino mangia abbastanza è data da un aumento di peso e altezza armonico e regolare.  »

Problemi di pappa

I bambini tendono a rifiutare con determinazione le novità introdotte nella loro dieta, ma questo non deve scoraggiare.   »

Bimbo che piange in modo inconsolabile

Le crisi di pianto in un piccolissimo possono esprimere la presenza di un disturbo fisico, quindi rendono opportuna la visita pediatrica.   »

Strano prurito in testa in bimbo di quasi sei anni

Le cause della comparsa improvvisa di un prurito che interessa il cuoio capelluto possono essere numerose. L'osservazione diretta da parte del pediatra è senz'altro indispensabile per fare le prime ipotesi.   »

Bimbo di 18 mesi che cerca ancora il seno di notte

La poppata notturna a 18 mesi di vita non riveste più alcuna utilità, quindi è opportuno non concederla.   »

Sangue nel pannolino: cosa può essere?

La presenza di sangue nelle feci di un piccolino rende opportuno sottoporlo a un'accurata visita dal pediatra.   »

Piccolino che mangia poco

Più che "quanto" latte un bambino assume è importante che il suo aumento di peso avvenga in maniera costante e sia in armonia con gli altri parametri di crescita (altezza e circonferenza cranica).   »

E’ troppo piccolo il mio bambino?

La crescita in altezza è fortemente influenzata dalla genetica: se i genitori sono entrambi di bassa statura non stupisce che abbiano figli con la stessa caratteristica (sarebbe più strano il contrario!).  »

Pagina 1 di 2
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti