Endometrite: può causare l’aborto spontaneo?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 19/02/2024 Aggiornato il 19/02/2024

L'eventualità che esista una relazione tra un'interruzione spontanea della gravidanza e l'endometrite non si può certo escludere. Quindi sì, è possibile che l'una sia conseguenza dell'altra.

Una domanda di: Marcella
Gentile ginecologa, volevo una risposta circa una domanda che mi sto ponendo. Mi è stata riscontrata un’endometrite cronica attraverso isteroscopia con prelievo microbiologico e ho iniziato una terapia da una settimana a base di Bassado per 10 giorni mattina e sera e Flagyl per 7 giorni mattina e sera e poi deltacortene per 7 giorni da 25 mg e poi da 0.5 per altri 14 giorni. Secondo Lei la cura è adeguata? Dopo quanto tempo dalla terapia possiamo provare a concepire? Ci potrebbe essere il rischio di un ritorno dell’infiammazione? ho avuto un aborto a 7 settimane nel mese di novembre, non si era formato l’embrione, potrebbe essere legato all’endometrite? Grazie.

Buongiorno signora,
a mio avviso per poter riprendere la ricerca della gravidanza sarà utile verificare che la terapia farmacologica sia stata efficace mediante una nuova isteroscopia con relativa biopsia.
Non c’è ancora, a dire il vero, unanimità tra gli specialisti sulla necessità di effettuare l’isteroscopia di controllo dopo la terapia antibiotica per endometrite cronica. Tuttavia uno tra gli autori più accreditati, il dottor Cicinelli, sostiene che si possono fare fino a tre cicli di biopsia e terapia antibiotica in caso di mancata risoluzione.
Lei sta seguendo uno schema antibiotico e cortisonico piuttosto “corposo” ed esteso nel tempo e questo dovrebbe garantire la risoluzione piena della patologia endometriale.
Al termine della terapia, occorrerà attendere la mestruazione prima di ripetere l’isteroscopia che va comunque eseguita nella prima fase del ciclo (quindi appena finisce la mestruazione e comunque prima dell’ovulazione). Solitamente l’isteroscopia di controllo si effettua circa a un mese dalla fine della terapia.
Comunque l’isteroscopia si esegue sempre con profilassi antibiotica in modo da scongiurare l’eventualità di inoculare dei microbi, proprio quando vogliamo accertarci di averli debellati definitivamente.
Per scongiurare ulteriormente l’eventualità che l’endometrite cronica si ripresenti, può essere che il Curante le proponga degli integratori: penso, ad esempio, ai multi-vitaminici e multi-minerali studiati per la ricerca della gravidanza ma anche ai probiotici ossia i fermenti lattici che aiutano a mantenere la flora batterica “buona” che ci difende dalla colonizzazione da parte di microbi patogeni nei vari distretti corporei.
Chissà, può darsi che le consiglino anche una valutazione da parte di un nutrizionista in modo da aiutarsi anche con la dieta a mantenersi in salute…penso sia un punto di partenza interessante accanto alle terapie farmacologiche che le hanno prescritto, in modo da prevenire le possibili recidive.
Rispetto all’aborto spontaneo pregresso, non possiamo certamente escludere l’eventualità che sia stato causato del tutto o almeno in parte dall’endometrite che poi le è stata diagnosticata.
Le faccio i miei auguri per poter finalmente risolvere questa patologia ed essere così pronta per ricercare nuovamente la gravidanza, cordialmente.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si può dare l’acqua ai piccolissimi?

22/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Ad allattamento ben avviato, quindi più o meno dopo le prime settimane di vita, se ragionevolmente si ritiene che il bebè possa avere sete (o se si notano segni di disidratazione, come il pannolino asciutto per molte ore) gli si possono offrire piccole quantità d'acqua. Se fa numerose poppate nell'arco...  »

Coppia con bisnonni in comune: ci sono rischi per i figli?

22/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Il grado di parentela dovuto a bisnonni in comune non aumenta la probabilità di concepire figli con malattie ereditarie. A meno che vi siano persone malate o disabili tra i consanguinei in comune,   »

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti