Apnee notturne: i segnali da non sottovalutare

Miriam Cesta
A cura di Miriam Cesta
Pubblicato il 07/05/2019 Aggiornato il 07/05/2019

Con le apnee notturne il sistema cardio-cerebrovascolare è in pericolo, anche se in pochi lo sanno. L’importante è saperle riconoscere prima possibile. Ecco come

Apnee notturne: i segnali da non sottovalutare

Le apnee notturne sono pericolose per i piccoli così come per i grandi. I segnali di allarme che possono indicare la presenza di apnee notturne sono diversi. E non vanno sottovalutati, ma anzi dovrebbero indurre chi ne soffre o i loro familiari a rivolgersi a un otorinolaringoiatra che saprà consigliare sul da farsi oppure a un esperto di disturbi ostruttivi del sonno. Perché il cuore a causa di questo disturbo può sovra-affaticarsi ed esporre chi soffre di questo disturbo a rischi cardio-cerebrovascolari.

Apnee e ipoapnee

A spiegarlo è Rosario Cerruto, esperto di disturbi ostruttivi del sonno e responsabile del Servizio di Otorinolaringoiatria del Gruppo Ini-Istituto Neurotraumatologico Italiano: “La sindrome delle apnee istruttive del sonno, chiamata anche in sigla Osas, è una condizione morbosa caratterizzata da ripetute interruzioni temporanee della respirazione durante il sonno (apnee) o rallentamenti del flusso aereo nelle alte vie respiratorie di almeno il 30% (ipoapnee). Negli adulti si parla di Osas quando la frequenza delle apnee/ipoapnee è uguale o superiore a 5 ogni ora e ciascun evento ha una durata maggiore a 10 secondi. Nel bambino si ha positività per la patologia già anche con un episodio ogni ora”.

I sintomi nei bambini

Nei bambini, oltre in genere al sonno disturbato con frequenti risvegli, si riscontrano problemi neurocomportamentali, iperattività, difficoltà nell’apprendimento, riduzione dell’attenzione e irritabilità.

… e negli adulti

Nei grandi si possono notare stanchezza diurna, emicrania mattutina, affaticamento, sonnolenza e difficoltà di concentrazione di giorno, e russamento, sete, bocca secca, senso di soffocamento, sonno disturbato con risvegli improvvisi di notte.

Più uomini che donne

La sindrome delle apnee notturne colpisce uomini e donne, adulti e bambini, con percentuali più alte nel sesso maschile: 13-14,3% contro il 5-6% di quello femminile. Negli adulti si supera il 15% fra gli over 70. Oltre l’85% di chi soffre di questo disturbo non si è mai sottoposto a un controllo specifico, anche se la presenza di questa sindrome può pregiudicare la qualità della vita e avere effetti dannosi sulla salute, se non diagnosticata in tempo, soprattutto a livello cardio-cerebrovascolare.

Diagnosi precoce fondamentale

“In caso di apnee notturne la diagnosi precoce è fondamentale: se la patologia è ancora in fase di insorgenza la terapia può infatti portare a risultati di guarigione verso le complicanze cardio-cerebrovascolari”, spiega Cerruto. Le apnee e le ipoapnee sono infatti causate da ostruzioni complete o parziali delle prime vie aeree durante il sonno con conseguente ipossia (riduzione dell’ossigeno nel sangue), ipercapnia (aumento dell’anidride carbonica nel sangue) e frammentazione del sonno, tutti fattori che possono determinare l’aumento della coagulabilità del sangue con aumento del rischio di trombosi, evento molto grave.

 

 

da sapere!

La diagnosi si effettua mediante la polisonnografia, un esame non invasivo in grado di definire la presenza o meno della patologia, il grado lieve, moderato o severo della sindrome se presente, e il sospetto della presenza di altre malattie polmonari o cardiologiche, definendo un quadro fondamentale per indirizzare il paziente verso il percorso terapeutico migliore.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti