Bassa natalità in Italia: colpa anche della crisi

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 18/05/2015 Aggiornato il 18/05/2015

Il problema del calo delle nascite in Italia si è rivelato strettamente connesso alla crisi economica, che sta colpendo sempre più violentemente la popolazione

Bassa natalità in Italia: colpa anche della crisi

La questione della bassa natalità in Italia è avvalorata da dati decisamente chiari: basti pensare che lo sostiene ben l’88,7% degli specialisti, tra ginecologi, andrologi e urologi. Ma perché le coppie non fanno più figli? Le motivazioni sembrano essere per la maggior parte di tipo economico. Primo imputato della bassa natalità in Italia: la crisi.

Lo studio del Censis

A indagare le ragioni della bassa natalità in Italia, è stato il Censis attraverso una ricerca condotta insieme alla Fondazione Ibsa e a medici specialisti. Lo studio si è focalizzato in particolare sulle ragioni dell’infertilità, condizione in aumento sia nella popolazione femminile sia in quella maschile.

Scarsità di screening

Come sostiene il dottor Giuseppe Zizzo, segretario della Fondazione Ibsa, il problema principale per i pazienti (e quindi per un significativo campione della popolazione) è la mancanza di strumenti e occasioni di screening sia per le donne sia per gli uomini. Ciò che manca è l’approfondimento della tematica dell’infertilità, la libertà nel poterla esporre e nel poter avviare un confronto su larga scala. La bassa natalità in Italia è, dunque, un tema piuttosto complesso.

Un rapporto di fiducia

Per migliorare le condizioni di fertilità della popolazione e porre al centro il problema della bassa natalità in modo costruttivo, è bene che tutto abbia inizio dal rapporto medico-paziente, che dovrebbe basarsi sulla massima fiducia. Da parte del medico, poi, sarebbe auspicabile l’offerta di un approccio diverso, più completo. Dalle indagini risulta che i pazienti gradirebbero anche sedute di counseling prima di decidere se mettere al mondo un figlio e dopo aver preso questa importante decisione. Insomma, decidere di avere un figlio dovrebbe diventare una questione paradossalmente più “sociale” che di coppia.

 

 

 

In breve

SERVONO INTERVENTI PER LA FAMIGLIA

 Perché la crisi non intacchi la natalità, è importante lavorare a 360° sui servizi offerti alle giovani famiglie così come sulle politiche dedicate alle donne-mamme lavoratrici. Invece, per quanto riguarda il “prima”, la mancanza di informazione e le paure relative all’infertilità, andrebbero messe al centro di approfondite riflessioni e condivisione sociale.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti