Bonus psicologo 2024, come richiederlo per i figli

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 18/03/2024 Aggiornato il 18/03/2024

Il bonus psicologo 2024 è un contributo che lo Stato mette a disposizione per sostenere le spese relative alle sedute di psicoterapia, necessarie in un momento di fragilità psicologica. Vediamo insieme i requisiti necessari per accedervi e come richiederlo per i figli.

bonus psicologo 2024

Il bonus psicologo 2024 è il contributo che lo Stato ha deciso di erogare a supporto di chiunque – bambino, adolescente o adulto- abbia necessità di intraprendere un percorso di psicoterapia per problemi di depressione, ansia, stress e fragilità psicologica. Si tratta di un sostegno varato nel 2022 con il decreto Milleproroghe in seguito all’incremento delle richieste di supporto psicologico che si sono registrate in tutte le fasce di età dopo la pandemia, un evento drammatico che ha inciso in maniera molto forte non solo sulla salute fisica ma anche su quella mentale.

Il bonus psicologo, prezioso per far fonte alle esigenze di quanti si trovano in un momento di fragilità e sentono quindi la necessità di un supporto psicologico, ha riscosso un grande successo tanto che nel 2022 sono state ben 395 mila le richieste di cui ne sono state soddisfatte 41.657. E’ per questo che il governo ha deciso di estendere la misura anche per il 2023 e il 2024: con la circolare n° 34 , l’INPS ha fornito le indicazioni operative per individuare chi può aver accesso al bonus psicologo 2024, come e quando procedere per la presentazione delle domande e i tempi di erogazione. Il contributo può arrivare per il 2024 a un massimo di 1500 euro per persona erogati sulla base dell’Isee del richiedente. Vediamo insieme i requisiti necessari per accedere al bonus e come richiederlo per i figli.

Requisiti per accedere al bonus psicologo 2024

Per avere accesso al contributo per sostenere le spese relative a sessioni di psicoterapia occorre che la persona si trovi in una condizione di depressione, ansia, stress e fragilità psicologica tale da richiedere un supporto professionale. Il beneficio viene riconosciuto una sola volta all’anno ai soggetti che al momento di presentare la domanda abbiano i seguenti requisiti:

  • Residenza in Italia
  • Un ISEE in corso di validità, ai sensi dell’articolo 9 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 5 dicembre 2013, n. 159, che non superi i 50 mila euro l’anno.

A quanto ammonta il bonus psicologo 2024?

Il contributo per le sedute di psicoterapia erogato dallo Stato può avere un valore non superiore a 1.500 euro per persona e viene modulato in base all’ISEE del richiedente.
Ai sensi dell’articolo 3, comma 2, del decreto interministeriale del 24 novembre 2023, al fine di sostenere le persone con ISEE più basso, a decorrere dall’anno 2023, l’importo complessivo massimo del beneficio è parametrato in base alle seguenti fasce: 

  • con un valore ISEE inferiore a 15.000 euro, l’importo del beneficio, fino a 50 euro per ogni seduta, è erogato a concorrenza dell’importo massimo stabilito in 1.500 euro per ogni beneficiario
  • con un valore ISEE compreso tra i 15.000 e i 30.000 euro, l’importo del beneficio, fino a 50 euro per ogni seduta, è erogato a concorrenza dell’importo massimo stabilito in 1.000 euro per ogni beneficiario
  • con un valore ISEE superiore a 30.000 e non superiore a 50.000 euro, l’importo del beneficio, fino a 50 euro per ogni seduta, è erogato a concorrenza dell’importo massimo stabilito in 500 euro per ogni beneficiario.
 

Come richiederlo per i figli minorenni

Il bonus psicologo 2024 può essere richiesto, oltre che per se stessi in qualità di genitori, anche per i figli minorenni. Il beneficio può essere richiesto, inoltre, per conto di un soggetto interdetto, inabilitato o beneficiario dell’amministrazione di sostegno, rispettivamente dal tutore, dal curatore e dall’amministratore di sostegno. Non ci sono limiti per il numero di domande presentate da una stessa famiglia ma occorre fare attenzione che ogni soggetto può fare una sola richiesta. Per fare un esempio: la madre può richiedere il bonus per se stessa e il padre per un figlio oppure entrambi i genitori possono fare ognuno una richiesta per un minore della famiglia.

La domanda per il bonus psicologo 2024 può essere presentata dal 18 marzo al 31 maggio 2024 esclusivamente per via telematica accedendo al servizio “Contributo sessioni psicoterapia” attraverso una delle seguenti modalità:

  • portale web, utilizzando l’apposito servizio on line raggiungibile sul sito dell’Istituto www.inps.it e accessibile direttamente dal tramite SPID di livello 2 o superiore, Carta di identità elettronica (CIE) 3.0 o Carta Nazionale dei servizi (CNS)
  • Contact Center Integrato, contattando il numero verde 803.164 (gratuito da rete fissa) o il numero 06 164.164 (da rete mobile a pagamento, in base alla tariffa applicata dai diversi gestori).   
  • Al momento della domanda il richiedente deve essere in possesso di un’attestazione ISEE di valore non superiore a 50.000 euro e in corso di validità. Nel caso di un ISEE contenente omissioni e/o difformità, il richiedente sarà informato in sede di presentazione della domanda della necessità di presentare una nuova dichiarazione sostitutiva unica (DSU) per correggere l’ISEE difforme e avere accesso al beneficio. In caso di attestazione ISEE rilasciata con omissioni e/o difformità, il richiedente ha trenta giorni di tempo, dal termine ultimo di presentazione della domanda, per regolarizzare l’ISEE attraverso le tre modalità alternative
  • presentare una nuova DSU, comprensiva delle informazioni in precedenza omesse o diversamente esposte
  • presentare idonea documentazione atta a dimostrare la completezza e la veridicità dei dati indicati nella dichiarazione
  • rettificare la DSU, con effetto retroattivo, esclusivamente qualora sia stata presentata tramite CAF e quest’ultimo abbia commesso un errore materiale.

All’atto della domanda il richiedente deve dichiarare sotto la propria responsabilità il possesso dei requisiti necessari. Le domande prive della dichiarazione del possesso dei requisiti e della relativa autocertificazione, rilasciate sotto la propria responsabilità ai sensi del D.P.R. n. 445/2000, nonché le domande presentate fuori dai termini indicati, saranno considerate inammissibili.

Come usufruire del bonus psicologo 2024

Al termine del periodo stabilito per la presentazione delle domande, l’INPS stila le graduatorie tenendo conto del valore ISEE più basso e, a parità di valore ISEE, dell’ordine cronologico di presentazione delle domande. Il completamento della definizione delle graduatorie è comunicato con un messaggio, pubblicato sul sito istituzionale dell’INPS. L’esito della richiesta è notificato tramite SMS e/o e-mail ai soggetti richiedenti, ai recapiti indicati nella specifica sezione “MyINPS” del portale dell’Istituto o, a scelta del richiedente.

Nel caso in cui la domanda venga accolta viene comunicato l’importo del beneficio e il codice univoco associato che deve essere comunicato per ogni sessione di psicoterapia al professionista, scelto tra gli specialisti privati che hanno aderito all’iniziativa, regolarmente iscritti nell’elenco degli psicoterapeuti nell’ambito dell’Albo degli psicologi. L’elenco dei professionisti si trova sempre nel sito dell’INPS accedendo alla propria area personale. Il professionista, in apposita sezione della procedura, deve indicare il codice univoco, in fase di prenotazione o di conferma della sessione di psicoterapia, unitamente al codice fiscale del beneficiario. L’erogazione dell’importo spettante, nella quota massima di 50 euro a seduta, avviene direttamente a favore del professionista secondo le modalità dallo stesso indicate.
Il beneficiario ha 270 giorni di tempo, decorrenti dalla data di pubblicazione del messaggio, comunicante il completamento delle graduatorie e l’adozione dei provvedimenti, per usufruire del bonus psicologo 2024 in oggetto e delle sessioni di psicoterapia utilizzando il codice univoco attribuito. Decorso tale termine il codice univoco è automaticamente annullato e le risorse non utilizzate saranno riassegnate nel rispetto dell’ordine della graduatoria individuando nuovi beneficiari.

 

 
 
 

In breve

Fino al 31 maggio è possibile richiedere per i figli il bonus psicologo 2024. Si tratta di un contributo che lo Stato mette a disposizione a sostegno di chi necessita di sedute di psicoterapia. Il contributo, del valore massimo di 1500 euro, viene erogato su base ISEE: ogni soggetto può fare una sola domanda per sè o per i figli procedendo esclusivamente per via telematica.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti