Smart Working addio: dal 1 aprile scade la proroga per genitori con figli under 14

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 04/04/2024 Aggiornato il 04/04/2024

Termina definitivamente il lavoro agile stabilito dal regime emergenziale. E' possibile comunque richiederlo accordandosi con il datore di lavoro.

smart working figli

Dal 1° di aprile i genitori con figli under 14 che lavorano nel settore privato non hanno più la possibilità di chiedere lo smart working. La bocciatura dell’emendamento al cosiddetto decreto milleproroghe, che avrebbe dovuto estendere l’opportunità di richiedere lo smart working per i genitori con figli sotto i 14 anni, segna la definitiva uscita del lavoro agile dal regime emergenziale. E chiude la possibilità dello smart working per i genitori con figli under 14 nella maggior parte dei casi. Non è detto però che tutti i genitori debbano per forza rientrare in ufficio; resta infatti la possibilità di un accordo individuale tra il lavoratore e il datore di lavoro: lo smart working potrà essere concesso in base alle esigenze aziendali.

Smart working sì ma con un accordo individuale

La disciplina dello smart working torna quindi ad essere affidata ai contratti aziendali. Questo significa che il datore di lavoro può concedere o meno, a propria discrezione, la possibilità dello smart working per i lavoratori. Dal momento, comunque, che il lavoro flessibile viene considerato un elemento di forza per molte aziende, sono parecchie le realtà lavorative che, con accordi collettivi aziendali, hanno stabilito i giorni in cui i dipendenti lavorano in presenza e quelli in cui proseguono la loro attività da remoto.

 

Cosa succede quindi? Il datore di lavoro potrà stabile in base alle proprie esigenze se concedere o meno la possibilità del lavoro agile ai genitori con figli under 14. L’imprenditore che decide di utilizzare il lavoro agile dovrà firmare con ogni dipendente un accordo individuale: in questo modo lo smart working per i genitori non rientrerà più così nel concetto di ‘diritto’ per il lavoratore, ma in quello di ‘modalità di esecuzione della prestazione’. Può essere concesso o tolto, in sostanza, in base alle esigenze dell’azienda. I genitori di figli under 14 che non si trovano in una realtà di questo genere, possono comunque richiedere di lavorare in smart working organizzandosi direttamente con il proprio datore di lavoro: in questo caso viene stipulato un accordo individuale che il datore di lavoro ha l’obbligo di comunicare al Ministero del Lavoro entro i cinque giorni successivi l’inizio della prestazione da remoto. In caso di ritardi si rischiano sanzioni amministrative fino a 500 euro.

Cosa cambia rispetto al passato 

Fino al 31 marzo lo smart working semplificato poteva essere richiesto da dipendenti del settore privato con figli under 14 a patto che nel nucleo familiare non fosse presente un altro genitore non lavoratore o che beneficiasse di strumenti di sostegno al reddito riconosciuti in caso di sospensione o cessazione dell’attività lavorativa. Lo stesso succedeva con i lavoratori fragili, come gli immunodepressi, a patto che presentassero apposita certificazione medica. Dal 1° aprile queste regole sono state definitivamente sospese ed è venuto meno quindi qualsiasi criterio di priorità, come quello di avere figli under 14, per l’accesso al lavoro agile. 

Con l’inizio di aprile la proroga dello smart working si è conclusa definitivamente e tutti i lavoratori, anche i genitori che hanno figli under 14, sono tornati a lavorare in presenza. Lo smart working, il lavoro flessibile, è terminato infatti definitivamente anche nel privato, l’ultimo settore che ne aveva ancora diritto dopo che la possibilità di lavorare da remoto era stata tolta a fine dicembre nel settore pubblico. Dal 2 di aprile sono tornate quindi in vigore le regole pre-Covid. Questo significa che anche per i genitori con figli under 14, nonché per i lavoratori immunodepressi e affetti da malattie croniche, il lavoro torna ad essere regolato dalla normativa ordinaria prevista nella legge 81 del 2017

La situazione negli altri Paesi europei

Lo smart working per i genitori, ma anche più in generale per tutti i lavoratori, sembra essere per l’Italia una tipologia lavorativa adatta solo a situazioni emergenziali. Che non ha quindi più ragion d’essere quando le condizioni contingenti vengono meno. Questo nonostante siano in molti a riconoscere i vantaggi dello smart working che viene considerato da una buona parte de lavoratori un benefit prezioso, un valore aggiunto per un’azienda che vuole mantenere legati a sé i lavoratori. I numeri lo confermano: secondo i dati di ricerca dell’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano, pubblicato a novembre 2023, i lavoratori da remoto sono 3,585 milioni: il 541% in più rispetto al periodo pre-Covid. Nel 2024 si stima saranno 3,65 milioni gli smart worker in Italia. L’eliminazione della possibilità dello smart working per i genitori denuncia comunque la volontà di andare verso una sostanziale riduzione del lavoro flessibile. Questo almeno a livello di legge mentre resta valida l’opzione di un contratto individuale tra azienda e lavoratore che stabilisca la possibilità di lavorare in smart working, concordandone insieme modalità e tempistiche. Non tutti i Paesi europei, del resto, hanno una legge specifica: su temi come il luogo di lavoro, il rimborso dei costi fissi, la dotazione tecnologica e il diritto alla disconnessione, i termini possono variare molto da un Paese all’altro. In ogni caso, a livello europeo, la tendenza è quella di spingere sempre più verso lo smart working. In un’ottica di work balance, di bilanciamento tra il lavoro e la vita privata, la possibilità di lavorare da remoto, infatti, è uno dei vantaggi a cui molti lavoratori, soprattutto tra i più giovani, non sono disposti a rinunciare. Tanti sono infatti i punti di forza del lavoro agile soprattutto per chi ha figli ma comunque evidenti e significativi per tutti. E non riguardano solo la persona ma anche l’ambiente: muoversi meno significa infatti inquinare di meno con una diminuzione significativa delle emissioni di anidride carbonica che soffocano le grandi città.

 

 
 

In breve

Dal 1° di aprile non è più regolamentata per legge la possibilità dello smart working per i genitori con figli under 14. Resta comunque la possibilità di stipulare un accordo privato con il datore di lavoro che, in base alle esigenze aziendali, può concordare tempi e modalità del lavoro agile.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti