Calo nascite in Italia: il Sud batte il Nord

Stefania Lupi
A cura di Stefania Lupi
Pubblicato il 13/02/2019 Aggiornato il 13/02/2019

L’Italia, insieme alla Spagna, è il fanalino di coda in Europa per il numero di nascite. E, per la mancanza di lavoro, al Sud si fanno meno figli che al Nord

Calo nascite in Italia: il Sud batte il Nord

L’Italia è tra i Paesi che fanno meno figli al mondo. “Il numero dei nuovi nati, infatti, è nettamente inferiore rispetto ai decessi (464.000 nati per 647.000 morti – Istat 2017), meno anche rispetto agli anni della prima e della seconda Guerra Mondiale. In pratica, ogni anno si perdono circa 180.000 persone, come se città come Modena o Reggio Calabria fossero azzerate. L’allarme sul calo nascite in Italia arriva dal presidente della Società italiana di neonatologia (Sin), Fabio Mosca.

1,34 figli a testa

Non solo molte coppie non hanno figli, ma anche chi ne ha ne fa pochi. Il numero di figli per donna in età fertile nel nostro Paese è solamente di 1,34. Di questo passo, secondo le ultime previsioni Eurostat, nel 2050 nasceranno appena 375mila bambini e il rischio è che la famiglia italiana sarà completamente ridefinita: tre quinti dei bambini italiani non avrà fratelli, cugini, zie e zii; solo genitori, nonni e bisnonni.

Un Paese child free

Per colpa del calo nascite in Italia, stiamo diventando un Paese con prevalenza di popolazione anziana: già oggi per 161 persone di età maggiore di 64 anni, ci sono solo 100 bambini di età inferiore a 15 anni. Come invertire questa tendenza? “È necessario promuovere la natalità e per farlo occorre ricostruire un tessuto sociale e delle facilitazioni per le famiglie, che oggi in Italia non sono sufficienti. Non è un caso che nelle regioni del Sud ormai da più di 10 anni la natalità sia più bassa che al Nord”, aggiunge Mosca.

Figli visti come una limitazione

“La questione non è solo economica ma anche culturale – sottolinea Mosca. “Il problema è che nel nostro Paese il figlio è visto come un vincolo, un limite alla libertà, all’autonomia e all’affermazione personale: il nuovo stile di vita è individuale. Ma una società senza figli è una società senza futuro. Non basta ridare autonomia ai giovani e renderli indipendenti prima. Non basta migliorare le politiche per la conciliazione tra casa e lavoro, rendendo l’organizzazione più adatta alle madri lavoratrici e offrendo asili e servizi numericamente ed economicamente adeguati. È indispensabile adottare politiche che privilegino le donne, garantendo lavoro e stabilità, partendo dalla consapevolezza che oggi proprio le donne che lavorano fanno più figli”.

 

 

Da sapere!

Attualmente solo il 10% delle donne allatta al seno oltre il sesto mese poiché mancano le condizioni ottimali che facilitano e proteggono l’allattamento materno; manca una tutela per mamma e neonato in un periodo importante, che ha rilevanti ripercussioni sulla salute futura di entrambi.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Esposizione alla diossina: quali rischi per il feto?
16/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Durante la gravidanza, l'esposizione alla diossina non è particolarmente rischiosa per il bambino.  »

Bimba che sta attraversando i “terribili due anni”
03/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

A due anni il bambino può diventare terribile. E' una fase della crescita sana e naturale che si può affrontare senza soccombere. Basta sapere come è meglio fare.   »

Vaccinazione DTP: è da fare in gravidanza?
02/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Oggi viene considerato opportuno sottoporre le donne incinte al richiamo vaccinale contro difterite, tetano e pertosse affinché il nascituro possa contare su anticorpi sufficienti a proteggerlo, nei primi mesi di vita, dalle tre malattie.   »

Fai la tua domanda agli specialisti