Attenzione ai rischi dell’inquinamento indoor

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/08/2014 Aggiornato il 08/08/2014

I rischi dell’inquinamento indoor colpiscono soprattutto i più piccoli: ecco i consigli dei pediatri per rendere le case sicure

Attenzione ai rischi dell’inquinamento indoor

Tante possono essere le cause  del cosiddetto inquinamento indoor, un tipo di inquinamento più subdolo, meno conosciuto e per questo sottovalutato, ma ugualmente in grado di indurre danni rilevanti alla salute: quello indoor, a cui siamo esposti mentre siamo dentro casa, in ufficio e a scuola.

Al chiuso aria più malsana

Le fonti di inquinamento indoor sono le sostanze prodotte all’interno di case e scuole da materiali di costruzione, arredamento, mobili nuovi in truciolato e compensato, impianti di riscaldamento e fornelli a gas, prodotti per l’igiene personale, vernici e pesticidi. Ma l’inquinante più pericoloso e più dannoso per la salute, soprattutto dei bambini, è il fumo delle sigarette. L’attenzione si concentra sui più piccoli perché sono loro che trascorrono più tempo negli ambienti chiusi.

Progetto per l’ambiente e la salute dei bambini

A stilare la lista degli agenti nocivi causa di inquinamento domestico e che ledono in particolar modo la salute dei più piccoli sono stati i pediatri delle sezioni fiorentine della Fimp (Federazione Italiana Medici Pediatri) e dell’Isde (Associazione Medici per l’Ambiente). Rientrano nel progetto “Bambini, ambiente e salute” le note informative redatte insieme a una lista di consigli per imparare a ridurre l’inquinamento da interni. Il più importante è quello di non fumare dentro casa e in auto. E se proprio non si riesce a farne a meno, almeno farlo all’aperto, non dentro casa con le finestre aperte. Se si comprano dei mobili nuovi in compensato o truciolato o tappezzerie nuove, ventilare i locali per 48-72 ore prima di soggiornarvi, così come in linea generale è bene garantire una buona ventilazione, soprattutto durante le pulizie e quando si cucina.

I  prodotti da evitare

Vanno evitati i deodoranti per la casa e i pesticidi e vanno risciacquate bene le superfici su cui sono stati usati detergenti chimici e usati prodotti ecologici, come bicarbonato e aceto. Tra i saponi e I cosmetici, vanno evitati quelli con formaldeide; gli abiti lavati a secco vanno lasciati all’aria aperta prima di riporli nell’armadio. Ultimo consiglio, ma non meno importante, quello di far usare ai bambini i colori ad acqua.

In breve

A RISCHIO I PIU’ PICCOLI

Le case e gli ambienti chiusi influenzano la salute e il benessere più di quanto sia comunemente considerato e possono avere effetti anche acuti, a partire da raffreddore e tosse per arrivare fino a problemi respiratori cronici e incidenti. Soprattutto i bambini piccoli passano circa il 90% del loro tempo dentro casa e questo li sottopone a rischi maggiori.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che vuole solo il papà dopo l’arrivo della sorellina

20/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Dopo la nascita di un fratellino, è positivo che il maggiore crei un legame speciale con il padre e la mamma, anziché sentirsi messa da parte, dovrebbe esserne contenta.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Orticaria dopo un’infezione: può essere allergia all’antibiotico?

02/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

In una bimba di tre anni, è raro che la comparsa di puntini rossi durante una cura antibiotica sia dovuta a un'allergia al farmaco. E' più probabile, invece, che dipenda da una reazione agli agenti batterici o virali che hanno causato l'infezione.   »

Fai la tua domanda agli specialisti