Attenzione ai rischi dell’inquinamento indoor

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 08/08/2014 Aggiornato il 08/08/2014

I rischi dell’inquinamento indoor colpiscono soprattutto i più piccoli: ecco i consigli dei pediatri per rendere le case sicure

Attenzione ai rischi dell’inquinamento indoor

Tante possono essere le cause  del cosiddetto inquinamento indoor, un tipo di inquinamento più subdolo, meno conosciuto e per questo sottovalutato, ma ugualmente in grado di indurre danni rilevanti alla salute: quello indoor, a cui siamo esposti mentre siamo dentro casa, in ufficio e a scuola.

Al chiuso aria più malsana

Le fonti di inquinamento indoor sono le sostanze prodotte all’interno di case e scuole da materiali di costruzione, arredamento, mobili nuovi in truciolato e compensato, impianti di riscaldamento e fornelli a gas, prodotti per l’igiene personale, vernici e pesticidi. Ma l’inquinante più pericoloso e più dannoso per la salute, soprattutto dei bambini, è il fumo delle sigarette. L’attenzione si concentra sui più piccoli perché sono loro che trascorrono più tempo negli ambienti chiusi.

Progetto per l’ambiente e la salute dei bambini

A stilare la lista degli agenti nocivi causa di inquinamento domestico e che ledono in particolar modo la salute dei più piccoli sono stati i pediatri delle sezioni fiorentine della Fimp (Federazione Italiana Medici Pediatri) e dell’Isde (Associazione Medici per l’Ambiente). Rientrano nel progetto “Bambini, ambiente e salute” le note informative redatte insieme a una lista di consigli per imparare a ridurre l’inquinamento da interni. Il più importante è quello di non fumare dentro casa e in auto. E se proprio non si riesce a farne a meno, almeno farlo all’aperto, non dentro casa con le finestre aperte. Se si comprano dei mobili nuovi in compensato o truciolato o tappezzerie nuove, ventilare i locali per 48-72 ore prima di soggiornarvi, così come in linea generale è bene garantire una buona ventilazione, soprattutto durante le pulizie e quando si cucina.

I  prodotti da evitare

Vanno evitati i deodoranti per la casa e i pesticidi e vanno risciacquate bene le superfici su cui sono stati usati detergenti chimici e usati prodotti ecologici, come bicarbonato e aceto. Tra i saponi e I cosmetici, vanno evitati quelli con formaldeide; gli abiti lavati a secco vanno lasciati all’aria aperta prima di riporli nell’armadio. Ultimo consiglio, ma non meno importante, quello di far usare ai bambini i colori ad acqua.

In breve

A RISCHIO I PIU’ PICCOLI

Le case e gli ambienti chiusi influenzano la salute e il benessere più di quanto sia comunemente considerato e possono avere effetti anche acuti, a partire da raffreddore e tosse per arrivare fino a problemi respiratori cronici e incidenti. Soprattutto i bambini piccoli passano circa il 90% del loro tempo dentro casa e questo li sottopone a rischi maggiori.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti