Come deve essere la prima cameretta di un neonato?

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 22/05/2013 Aggiornato il 11/04/2018

Funzionale e sicura, ma anche allegra, tenera, divertente… La prima cameretta di un neonato deve essere tutto questo. Ecco quello che c’è da sapere e come scegliere i “pezzi” essenziali…

Come deve essere la prima cameretta di un neonato?

Spesso ci si comincia a pensare prima ancora che nasca il bimbo, così da avere tutto pronto una volta che arriva il piccolo. A volte, invece, per scaramanzia si aspetta il parto ma, prima o poi, il momento arriva: occorre preparare la prima cameretta dove il bebè dormirà e crescerà. Ecco come fare

Per prima cosa… il locale

Potendo scegliere, l’ideale sarebbe che la prima cameretta fosse ampia, così da poter tenere nello stesso locale i suoi “accessori” e i giochi, e avere anche lo spazio – quando sarà un po’ più grandicello – per divertirsi in compagnia. Sarebbe meglio, inoltre, che la cameretta del neonato non fosse rivolta verso una strada molto trafficata, che comporterebbe inevitabilmente rumore e smog. La stanza, poi, dovrebbe essere luminosa, così che il piccolo possa godere il più possibile della luce naturale; per quanto riguarda l’illuminazione artificiale, la disposizione ideale è quella composta da più sorgenti, con le lampade che proiettano la luce verso il soffitto, per non infastidire il bimbo e creare un’atmosfera piacevole.
Qualora invece la casa fosse piccola, bisognerebbe cercare comunque di “creare” una sorta di cameretta per il neonato. Potrebbe bastare un angolo della sala o della camera da letto dei genitori, dove si potranno sistemare il lettino, il fasciatoio e un mobile per i giochi e i vestitini. L’importante è che sia uno spazio tutto suo!

La scelta dei mobili
1 Materiali sicuri

Mamma e papà devono prestare molta attenzione all’arredamento della cameretta: i mobili devono essere realizzati con vernici, colle e materiali rigorosamente atossici, privi di elementi pericolosi se respirati o ingeriti, dal momento che i piccoli tendono a poggiare la bocca su tutti gli oggetti che trovano alla loro portata. È quindi importante controllare sulle etichette dei prodotti le sostanze utilizzate per la loro realizzazione, verificando che sia attestata la loro innocuità e che, in particolare, non contengano solventi chimici.

2 Rivestimenti igienici

Al di là dell’aspetto estetico, tutti i mobili presenti nella stanza del bambino devono potersi pulire con facilità, così da assicurare al piccolo un ambiente sano e a basso rischio di allergie. Per questo, prima di ogni acquisto, occorre controllare che i rivestimenti tessili eventualmente presenti siano sfoderabili e lavabili in acqua: così è possibile effettuare spesso una pulizia profonda di questi elementi senza rovinarli.
Il paracolpi del lettino e il copripiumone dovrebbero, poi, essere in fibra naturale perché sono i tessuti più traspirabili e meglio tollerati anche dalle persone più “sensibili”.

3 Mobili leggeri ma anche pratici e resistenti

Non basta che i mobili per la prima cameretta siano “belli” da vedere: devono avere gli angoli smussati (così il piccolo non si fa male se ci va a sbattere) ed essere senza parti staccabili. Le viti, inoltre, se presenti, devono essere coperte con apposite protezioni. Occorre controllare poi che gli armadi, i cassettoni e tutti i grandi contenitori abbiano le aperture di aerazione: in questo modo, anche se il bimbo giocando vi rimane imprigionato dentro, può respirare senza problemi.
La culla e il lettino devono essere leggeri, possibilmente dotati di ruote, ma anche solidi e resistenti. Il lettino, in particolare, deve avere sponde laterali alte non meno di 60 centimetri e una distanza massima tra le stecche di 6,5 centimetri. Anche il fasciatoio deve avere una struttura stabile e solida, per non rischiare di ribaltarsi.

Meglio se “crescono” con i piccoli

Da prima cameretta a cameretta da grandi. Oggi molti elementi d’arredo dedicati ai più piccoli sono fatti in modo tale da poter essere utilizzati negli anni: in pratica, possono rispondere nel tempo a esigenze diverse, seguendo la crescita del bambino. La solidità, quindi, deve essere tale da riuscire a resistere non soltanto ai primi tentativi di gattonamento del piccolo… ma anche agli strattoni e alle spinte di quando è più grandicello. Meglio infine, se i mobili sono multi-uso. Se si sceglie un bagnetto fasciatoio, per esempio, occorre controllare che la vaschetta e il materassino morbido siano completamente rimovibili e sostituibili con cassetti e ripiani da utilizzare negli anni successivi.

Da sapere

CERTIFICAZIONI DI SICUREZZA

La cameretta dei piccoli è il locale della casa che, più di altri, deve garantire sicurezza e protezione. Esistono diverse certificazioni nazionali e internazionali che garantiscono proprio la sicurezza dei mobili della cameretta.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti