Piante velenose in casa: gli errori da evitare con i bambini

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/06/2013 Aggiornato il 04/06/2013

Quando si amano i fiori e in casa ci sono bambini, non occorre dare via le piante velenose. Ecco come comportarsi per avere ambienti verdi a prova di bimbo

Piante velenose in casa: gli errori da evitare con i bambini

È vero che molte piante da tenere in casa o in balcone sono piante velenose, cioè possono essere tossiche per il bimbo. Al tempo stesso, però, il verde in casa rasserena, purifica l’aria e filtra molte sostanze dannose. Prima di rinunciare del tutto ad avere un po’ di natura in sala e sul terrazzo solo perché alcune sono piante velenose, ecco gli accorgimenti da seguire per la sicurezza del piccolo.

Lontano dalla portata dei bimbi

La prima regola da seguire è quella di tenere i vasi delle piante velenose in luoghi assolutamente non raggiungibili dai bimbi. Alcune varietà hanno effetti nocivi se ingerite o risultano irritanti per la pelle se il bimbo si strofina contro le foglie. Occorre anche fare attenzione alle eventuali foglie cadute, che non devono mai essere alla portata dei bambini.

Mensole in alto

Le piante più piccole possono trovare posto sulle mensole oppure sulle fioriere rialzate, sui davanzali o in vasi appesi al soffitto. Attenzione che i vasi siano stabili e sicuri.

Costruire una serra

Per gli esemplari più ingombranti si può preparare una sorta di “serra”, utilizzando dei pannelli in materiale plastico trasparente, in modo che il piccolo non possa raggiungere i vasi.

Distrarre l’attenzione

È meglio evitare di portare l’attenzione del piccolo sulle piante. Per questo, per esempio, è bene dedicarsi alle cure del verde quando il bimbo dorme o  è all’asilo.

No ai fertilizzanti

Finché il bimbo è piccolo, infine, va limitato l’uso di fertilizzanti e di altre sostanze chimiche (come lucidanti e anti-parassitari) che lasciano residui nocivi sulle foglie e nella terra.

In breve

IN CASO DI INGESTIONE

Se si teme che il proprio bambino abbia ingerito pezzi di foglie o arbusti di piante, si può contattare il Cav, Centro antiveleni, della propria città, spiegando bene che cosa ha mangiato il piccolo e che sintomi dimostra.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Beta-bloccanti in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

11/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Fortuna vuole che siano disponibili farmaci che regolarizzano il ritmo cardiaco (e quindi la pressione sanguigna) compatibili con la gravidanza: spetta al cardiologo indicare quale terapia è corretto seguire perché tutto vada per il meglio.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti