Sicurezza bambini: ecco tutte le regole da seguire

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/04/2015 Aggiornato il 21/04/2015

Dal ministero della Salute un documento con i consigli da seguire per tutelare la sicurezza dei bambini. Ecco le regole divise per fasce d’età

Sicurezza bambini: ecco tutte le regole da seguire

I bambini – si sa – sono degli esploratori, a tutte le età. Nonostante l’occhio vigile di mamma e papà, hanno l’incredibilità capacità di mettersi continuamente nei guai. Anche in casa. Ma aumentare la sicurezza dei più piccoli, diminuendo i pericoli è possibile. Basta adottare una serie di strategie mirate. Come quelle che suggerisce il ministero della Salute in un utilissimo vademecum pubblicato nelle scorse settimane.

Spetta ai genitori proteggerli

Nel documento del ministero della Salute si spiega che gli incidenti dei bambini sono prevenibili e prevedibili. Spetta agli adulti che si occupano di loro, in primis i genitori, rendere l’ambiente in cui i bebè trascorrono il tempo meno rischioso per la loro sicurezza. In casa si può ricorrere a diverse soluzioni in relazione all’età dei piccoli e ai relativi pericoli. Vediamo alcune di quelle suggerite sotto i due anni di età.

Fino ai 6 mesi

– Non lasciare il piccolo da solo sul fasciatoio o comunque su mobili e piani di una certa altezza, nemmeno per un secondo, per esempio per soffiarsi il naso.
– Prima di procedere al cambio del pannolino o dei vestiti sistemare a portata di mano tutto il necessario, dal detergente alla crema.
– Dotare il lettino di sbarre che abbiano una distanza inferiore ai sei centimetri e un’altezza non superiore ai 75 centimetri.
– Il materasso del letto e della culla deve essere ben incastrato.

Dai 6 ai 12 mesi

– Tutti i luoghi in cui si sistema il bebè, come lettino, bilancia, fasciatoio, devono avere i bordi alti.
– Nel seggiolone, ma anche nella sdraietta e nel passeggino, il bebè va sempre bloccato con gli appositi sistemi di ritenuta, che garantiscono la giusta sicurezza. 
– Non lasciare mai da solo il bimbo quando fa il bagnetto, nemmeno se è in pochi centimetri di acqua.
– Prestare particolare attenzione a scale, fornelli, manici di pentole che sporgono dai ripiani o dai fornelli della cucina.
– Applicare i bloccaporte o le serrature ai mobili più bassi.
– Usare i paraspigoli.
– Evitare il girello.
– Assicurarsi che le tende siano ben fissate.
– Riporre gli oggetti taglienti e pericolosi (come cordini, braccialetti, orecchini) in posti non raggiungibili dai bambini.

Dai 12 ai 24 mesi

Oltre alle regole già indicate in precedenza è bene seguirne delle altre.

– Evitare i giocattoli con parti molto piccole, come bambole non adatte o perline.
– Attenzione agli alimenti non idonei all’età, come arachidi, chicchi di uva, pomodorini, caramelline dure o gommose, carote crude, pezzettini e semi di mela, prosciutto crudo, wurstel, che possono causare soffocamento.
– Mettere detersivi, insetticidi, farmaci, alcolici e piante fuori dalla portata del bimbo.
– Segnare in un posto comodo il numero del Centro Anti Veleni-CAV regionale.
– Dopo l’uso, riporre gli apparecchi elettrici, i ferri da stiro, le prolunghe e i cavi.
– Vestire i bambini con tessuti naturali, meno pericolosi in caso di incendio.
– Quando non si usano, svuotare vasche da bagno, secchi, bidet o altri recipienti, togliendo anche giochi, giocattoli, detergenti.
– Mettere gli appositi cancelletti alle scale.

 

 
 
 

da sapere

 

IN AUTO SOLO NEL SEGGIOLINO

Occuparsi della sicurezza dei bambini significa anche fare in modo che viaggino negli appositi seggiolini. Si deve trattare sempre di modelli omologati, idonei per l’età, posizionati secondo le indicazioni delle norme sulla sicurezza stradale.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti