Conflitto familiare, un bimbo su quattro ne paga le conseguenze

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/05/2014 Aggiornato il 13/05/2014

Quasi un bimbo su quattro vive in una famiglia infelice. Il conflitto familiare pare essere una triste costante durante crescita e sviluppo

Conflitto familiare, un bimbo su quattro ne paga le conseguenze

Quasi un bambino su quattro vive in una famiglia infelice. A tener compagnia ai bambini durante le loro giornate: pare essere il conflitto familiare in ogni sua forma.

Problemi di coppia e in famiglia

Uno studio effettuato dal Department for Work and Pensions inglese su un milione di coppie con figli ha decretato che il 24% delle coppie ha un problema relazionale. Che si tratti di mancanza di affinità, di un amore finito o di tradimento…poco importa. Se si sceglie di restare insieme, litigando o comunque in uno stato di perenne tensione e conflitto familiare, quest’ansia e questa angoscia (spesso subdole) saranno avvertite dai figli e ne condizioneranno, oltre che il presente, anche la vita futura e probabilmente la gestione  delle relazioni affettive da grandi. Chi, al contrario, vive in un ambiente familiare sereno (seppur con le “fisiologiche” liti) ha più possibilità sia di relazionarsi meglio agli altri sia di realizzarsi appieno nella vita adulta.

Separarsi o mettersi in discussione

Spesso, quando si litiga in una coppia, si tende a limitare mentalmente lo spazio della discussione, quasi questa rimanesse all’interno della coppia. Ma soltanto poche volte è così: sono esigue, infatti, le occasioni in cui ci si confronta lontano dai figli e riuscendo a non coinvolgerne la vita quotidiana. Il più delle volte, invece, durante un conflitto familiare si dimenticano persino educazione, civiltà e senso del limite.  Ma tutto ciò ha un prezzo ed è molto alto: l’infelicità dei figli. In questi casi, di perenne tensione, le vie da prendere per salvaguardare la serenità della famiglia, sono due: cercare di risolvere i problemi in modo costruttivo (facendosi aiutare da uno specialista) oppure, se gli ostacoli sono insuperabili, decidere di separarsi. Quest’ultima via è certamente dolorosa, sotto ogni punto di vista, ma se gestita con intelligenza e affetto, può davvero restituire serenità e autostima ai figli.

In breve

COPPIE IN CRISI… BIMBI PURE

Quasi un bambino su quattro vive un conflitto familiare. Le famiglie infelici sono in crescita, spesso per l’incapacità degli adulti di mettersi in discussione.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti