Attenzione a incenso e candele: liberano sostanze tossiche

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 20/12/2013 Aggiornato il 20/12/2013

Un recente studio dimostra che candele profumate e incenso, quando bruciano, liberano sostanze tossiche, peggiorando la qualità dell’aria di casa

Attenzione a incenso e candele: liberano sostanze tossiche

Sono belli, profumati, creano atmosfera e soprattutto se ne fa un grande uso durante le feste natalizie. Ma attenzione: candele e incenso liberano, infatti, sostanze tossiche. Lo rivela uno studio commissionato dal governo francese, denominato “Plan d’actions sur la qualité de l’air intérieur”. Candele profumate e incenso sono anche fra i regali più gettonati per le feste di Natale. Praticamente non c’è casa che non ne abbia almeno uno, soprattutto in questo periodo dell’anno. Del resto, agli occhi di tutti sono doni innocui, oltre che graditi. Invece, secondo il governo francese possono essere pericolosi, al punto che ha deciso di realizzare un’indagine per individuare e censire i prodotti a base d’incenso e le candele che emettono la maggior parte di sostanze tossiche.

Sprigionano inquinanti pericolosi

Alla recente Conferenza nazionale sulla qualità dell’aria di Parigi, i ministeri dell’Ambiente, della Salute e delle Abitazioni francesi hanno presentato un documento per esporre i risultati dello studio. Ebbene, è emerso che sia candele profumate sia incensi, durante la combustione, liberano sostanze tossiche. Le prime emettono soprattutto l’acroleina, la formaldeide e particolato, i secondi il particolato, il benzene, la formaldeide e l’acetaldeide. Tutti sono inquinanti molto pericolosi, presenti anche nello smog cittadino. Possono contribuire alla comparsa di malattie del sistema respiratorio come asma

e rinite, mal di gola, mal di testa, stanchezza, nausea, irritazioni e nervosismo e anche di malattie più gravi.

Attenzione all’aria di casa

Alla luce di questi risultati, il governo francese ha deciso di vietare tutti prodotti che emettono più di 2 microgrammi per metro cubo di benzene, come gli incensi. Secondo il rapporto, è pericoloso usare l’incenso anche soltanto una volta al mese. Gli esperti ricordano, però, che i “nemici” non sono solo incensi e candele. L’aria indoor, ossia all’interno delle case, è spesso inquinata anche a causa di altri elementi, come muffe, acari, derivati di animali domestici, soprattutto in inverno quando, a causa della basse temperature, si commette spesso lo sbaglio di non aprire le finestre per consentire un ricambio sufficiente.

 

In breve

CI SONO ANCHE ALTRI PERICOLI

Quelle emesse da candele e incensi non sono le sole sostanze tossiche presenti fra le pareti domestiche. Un altro pericolo è rappresentato dagli inquinanti chimici liberati da materiali da costruzione dell’edificio e arredamento, sistemi di riscaldamento, prodotti usati per la pulizia degli ambienti, da strumentazione e macchinari (come pc, fax, stampanti).

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccini tetravalente ed esavalente e possibili effetti indesiderati

06/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Qualsiasi vaccino dà luogo a effetti indesiderati che comunque sono molto meno gravi di quanto potrebbero essere le conseguenze della malattia contro cui vengono effettuati.  »

Bimbo che vuole mangiare solo pochi alimenti

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Occorre stare molto attenti a non trasformare l'ora dei pasti in un momento in cui il bambino tiene in pugno tutta la famiglia e il modo migliore per evitarlo, favorendo un rapporto sereno con il cibo, è mostrare indifferenza se rifiuta una cibo e zero esultanza se, invece, lo mangia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti