Disfunzione erettile: basta defaillances con le soluzioni hi-tech

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 18/04/2019 Aggiornato il 18/04/2019

Presto potremo dire addio alla pillola dell’amore. La disfunzione erettile si cura ora con ritrovati hi-tech come le onde d’urto, l’oral film e il gel

Disfunzione erettile: basta defaillances con le soluzioni hi-tech

La disfunzione erettile colpisce circa il 13% degli uomini. Spesso però la si cura con poco efficaci metodi fai da te o con pseudo-medicinali acquistati online. Tutti approcci sbagliati, che non permettono di superare il problema o, nel peggiore dei casi, possono provocare gravi danni alla salute. Come sottolineato dalla Società italiana di andrologia (Sia), infatti, solo un paziente su quattro si rivolge al medico. Un aiuto potrebbe arrivare da soluzioni hi-tech come onde d’urto, oral film e gel.

Vantaggi confermati

Gli ultimi ritrovati in tema di cura alla disfunzione erettile stanno via via sostituendo la vecchia pillola dell’amore. Il perché è presto detto, ed è da ricercare nei numerosi vantaggi che portano ai pazienti. Inoltre, soluzioni hi-tech come le onde d’urto, gli oral film e i gel sono più difficili da contraffare e, perciò, risultano più sicuri. Come sottolinea il presidente Sia, Alessandro Palmieri, l’efficacia di questi nuovi trattamenti è sotto gli occhi di tutti, come dimostrano 37 studi sull’argomento.

Rimedi di ultima generazione

Le onde d’urto sono indolori e risultano molto efficaci in caso di disfunzione erettile organica. Come dimostrato da uno studio Sia su 100 pazienti insensibili alla pillola, e confermato dalla revisione degli studi condotti tra il 2010 e il 2018 su 800 pazienti, dopo appena sei sedute da circa dieci minuti, le onde d’urto permettono di recuperare una buona sessualità in oltre il 70% dei pazienti con disfunzione erettile lieve o media a causa organica. Nel 28% dei casi, poi, il trattamento ripristina una funzionalità normale. Poco invasivo e molto apprezzato anche il gel intrauretrale, che è sufficiente applicare localmente poco prima del rapporto e risulta ideale per coloro che non possono assumere la pillola per le sue controindicazioni.

Il chewing gum

Gli aspetti a favore degli oral film sono molteplici e trovano un riscontro positivo in molti uomini, che nel solo 2018 ne hanno acquistati oltre un milione di pezzi. Soprannominati anche chewing gum dell’amore, questi farmaci vengono assunti facendoli sciogliere sulla lingua e iniziano ad agire dopo pochi minuti. Questo perché, non passando dallo stomaco, il farmaco viene assorbito dall’organismo molto più velocemente rispetto alla pillola, un fattore che incontra il favore del 60% degli uomini. L’8,5% dei pazienti ne apprezza anche la possibilità di assunzione con il cibo, il 6,8% per i limitati effetti collaterali.

 

 

Da sapere!

Chi soffre di problemi di disfunzione erettile non ha più a disposizione una sola cura, ma può scegliere la soluzione più adatta alle proprie esigenze.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che vuole solo il papà dopo l’arrivo della sorellina

20/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Dopo la nascita di un fratellino, è positivo che il maggiore crei un legame speciale con il padre e la mamma, anziché sentirsi messa da parte, dovrebbe esserne contenta.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Orticaria dopo un’infezione: può essere allergia all’antibiotico?

02/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

In una bimba di tre anni, è raro che la comparsa di puntini rossi durante una cura antibiotica sia dovuta a un'allergia al farmaco. E' più probabile, invece, che dipenda da una reazione agli agenti batterici o virali che hanno causato l'infezione.   »

Fai la tua domanda agli specialisti