Divorzio: il rischio è maggiore se la donna si ammala

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/04/2015 Aggiornato il 21/04/2015

Quando uno dei due partner sta male la coppia vacilla. Le probabilità di divorzio, però, aumentano solo se è la donna a essere malata. Ecco perché

Divorzio: il rischio è maggiore se la donna si ammala

Se per anni il trend è stato negativo, negli ultimi tempi si è assistito a un’inversione di tendenza. Secondo l’Istat, il numero di divorzi e separazioni è in lieve diminuzione rispetto al passato. Le ragioni? Sicuramente le difficoltà economiche dovute alla crisi stanno avendo un impatto importante. Ma le motivazioni potrebbero essere anche meno scontate. Forse il divorzio è meno frequente perché la medicina sta compiendo passi da gigante nella cura delle malattie. Secondo un recente studio, infatti, se la donna si ammala il rischio di rottura è più elevato. Se, invece, lei è in buona salute anche la coppia sta bene.

Studiate 2.700 coppie

La ricerca è stata condotta da un team di ricercatori statunitensi, dell’Iowa State University, ed è stata pubblicata sul Journal of Health and Social Behavior. Complessivamente, ha coinvolto 2.700 coppie sposate, formate da due partner cinquantenni. Tutti i partecipanti sono stati seguiti per 20 anni, durante i quali sono stati invitati a partecipare a colloqui e a compilare dei testi riguardanti la propria salute e il benessere della coppia. Non solo: ogni due anni sono stati sottoposti anche a degli accertamenti diagnostici, per monitorare le loro condizioni organiche. Lo scopo era capire se fra durata dal matrimonio, rischio di divorzio e stato psicofisico dei due innamorati ci fosse una qualche relazione.

Il 32% dei matrimoni è finito con un divorzio

Dall’analisi dei risultati, è emerso che quasi 1/3 dei matrimoni, pari al 32% del totale, è sfociato in un divorzio. Non solo. Il 24% delle coppie, durante lo studio, ha dovuto affrontare il decesso di uno dei due membri. Mettendo in relazione tutti i dati raccolti, gli esperti hanno scoperto che la prova più dura per un’unione è rappresentata dalla malattia della moglie. Se lei si ammala gravemente, infatti, c’è il rischio che il compagno la lasci. Non è vero, invece, il contrario. Nello studio, infatti, le percentuali di separazione sono aumentate del 6% quando la donna si era ammalata gravemente, mentre sono rimaste invariate quando è stato l’uomo a stare male.

Le donne sono più amorevoli

Gli studiosi hanno spiegato che probabilmente questi dati si spiegano alla luce del fatto che la donna rappresenta l’angelo del focolare: culturalmente, è lei la figura che si occupa della famiglia e si prende cura dei propri cari. Se qualcuno sta male, quindi, non scappa, al contrario lo accudisce amorevolmente. In effetti, rispetto al sesso maschile, quello femminile tende a essere più pazienze, amorevole e in grado di gestire più aspetti in contemporanea. L’uomo, invece, di fronte a una difficoltà di salute tende a impaurirsi e a scappare.

 

 
 
 

In breve

 

SESSO FORTE?

Sebbene quello femminile sia considerato il sesso più debole, in caso di malattia spesso la donna è più forte dell’uomo. Questo non significa che non abbia bisogno di supporto. Una relazione dovrebbe presupporre aiuto e conforto anche nei momenti di difficoltà. Altrimenti è ovvio che il rischio di divorzio sia più alto. Il compagno dovrebbe imparare a stare accanto alla partner nei periodi più delicati, come nella malattia, ma anche durante la gravidanza e dopo il parto.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti