E-bebè, a breve saranno la maggioranza

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 20/01/2020 Aggiornato il 20/01/2020

Sono sempre di più gli e-bebè, i bambini nati da amori sbocciati online. Tra meno di vent’anni supereranno il numero di bambini nati da coppie che si sono incontrate in modo tradizionale

E-bebè, a breve saranno la maggioranza

Con il termine e-bebè si indicano quei bambini nati da relazioni scoppiate su Internet. Una ricerca inglese, svolta dagli studenti dell’Imperial College Business School di Londra per il sito di appuntamenti online eharmony, rivela come tra meno di vent’anni oltre la metà dei nuovi nati avrà genitori che si sono conosciuti in rete.

Un mondo sempre più virtuale

Il futuro sarà sempre più orientato verso il web. Anche conoscere una persona in modo tradizionale risulterà fuori moda. Le abitudini cambiano e con esse la società. C’è poco da fare, finiremo come sempre per adattarci. Quello che, però, è certo è che leggere oggi i risultati della ricerca inglese stravolge il tradizionale modo di concepire i rapporti di coppia. Entro vent’anni gli e-bebè –i bambini con genitori che si sono incontrati online – saranno più comuni di quelli nati da coppie che hanno avuto il primo appuntamento nella realtà fisica.

2035 anno di svolta

Lo studio, denominato Future of Dating, ha esaminato l’impatto della tecnologia sulle future modalità di incontro incrociando i dati ricavati da una ricerca del sito eharmony su oltre 4008 persone con le proiezioni demografiche e di crescita della popolazione. Come sottolineato dal dottor Paolo Taticchi dell’Imperial College Business School, il 2035 sarà un passaggio fondamentale per quella che è, a tutti gli effetti, una vera e propria rivoluzione sociale. Stando ai dati, tra quindici anni le coppie avranno maggiori probabilità di incontrarsi in rete che nella vita reale.

I nuovi genitori

Dal rapporto emerge che il 35% delle coppie nate in rete che ha avuto un bambino, lo ha fatto entro il primo anno di rapporto. Il 18% delle coppie ha almeno due e-bebè, mentre il 16% si ferma a uno. Il 42% di chi ha un figlio con il partner conosciuto online è uomo. Percentuale che scende al 33% per le donne. Considerando i 2,8 milioni di e-bebè nati dall’inizio del millennio e stimando che entro il 2030 il 40% dei neonati sarà un e-bebè, gli studenti indicano il 2037 come anno del sorpasso.

Tendenza in forte crescita

Dal 2015, ben un terzo delle relazioni è nata in rete. Un dato che assume un significato ancora maggiore quando si va ad analizzare la crescita nell’ultimo lustro rispetto al decennio precedente: siamo, infatti, dinnanzi a un aumento di quasi il 68% rispetto al 19% di coppie nate online tra il 2005 e il 2014. Circa la metà degli inglesi pensa che online sia più facile trovare l’anima gemella. I sistemi di matching favoriscono il compito, con il 46% degli intervistati che concorda sul fatto che in rete sia più semplice conoscere persone compatibili. Percentuale simile (47%) in tema di timidezza, con Internet che permette anche ai più introversi di fare nuove amicizie.

 

Da sapere

La tendenza è alimentata anche dalle nuove generazioni e negli adolescenti. Il 23% delle relazioni tra millennials nasce infatti online. L’amore scoppiato da incontri di lavoro si ferma al 20%, quello favorito da amicizie comuni al 19%, quello in un locale al 17%.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Streptococco: dubbi e chiarimenti

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Le infezioni da streptococco fanno ancora oggi molta paura, per via delle conseguenze (non automatiche!) che potrebbero determinare. In realtà, oggi questo batterio non fa più (tanta) paura.  »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti