Il divorzio fa male alla salute?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/03/2015 Aggiornato il 11/03/2015

Anche a distanza di mesi dal divorzio o dalla separazione, i due ex coniugi rischierebbero di essere soggetti a depressione e pressione alta. Ecco perché

Il divorzio fa male alla salute?

Che il divorzio non sia un evento particolarmente piacevole è una cosa risaputa, anche a chi non l’ha mai sperimentato. Certo, talvolta rappresenta una liberazione, che migliora la qualità della vita di tutta la famiglia. Ma pure in questi casi, in genere, ci vuole del tempo prima di riuscire ad assaporarne tutti i benefici. Nella maggior parte delle situazioni, nei mesi successivi a una separazione i coniugi devono “leccarsi” le ferite: economiche, psicologiche e non solo. Secondo un recente studio, infatti, anche a livello fisico potrebbero comparire delle conseguenze molto spiacevoli.

Che cosa è successo a 138 divorziati

La ricerca è stata condotta da un team di ricercatori americani, dell’Università dell’Arizona, ed è stata pubblicata sulla rivista Health Psychology. Ha riguardato 138 persone che nei quattro mesi precedenti avevano affrontato un divorzio o una separazione dai propri partner. Tutte sono state invitate a compilare un questionario sulla loro vita amorosa presente e passata e sui sentimenti che provavano in quel periodo. Inoltre, sono state sottoposte ad alcuni controlli per sette mesi e mezzo. In particolare, sono state esposte a tre check up, durante i quali i medici hanno misurato la loro pressione sanguigna e hanno valutato la qualità del loro riposo notturno. Lo scopo era capire se le vicende sentimentali potessero avere effetti negativi sulla salute.

Sale la pressione, si abbassa l’umore

Analizzando tutti i dati raccolti, gli studiosi si sono resi conto che il divorzio aveva comportato ripercussioni importanti a livello fisico. Innanzitutto, hanno scoperto che la pressione sanguigna dei volontari, ora single, tendeva ad aumentare a ogni visita. Non solo, anche l’umore non era dei migliori: molti divorziati o separati erano depressi.

Colpa della mancanza di sonno

Secondo gli esperti, alla base di tutto c’erano delle difficoltà di sonno. In effetti, tutti i soggetti con un’ipertensione e una depressione più o meno latente presentavano problemi di insonnia. E più numerose erano le nottate “difficili” e più intense le altre problematiche. Del resto, il sonno è necessario all’organismo, non solo per recuperare le energie psicofisiche, ma anche per svolgere le sue funzioni.

Meglio non sottovalutare la situazione

Ecco perché gli studiosi hanno concluso che se, a seguito di un divorzio, si notano un peggioramento della qualità del risposo notturno e sintomi fisici è importante non fare finta di nulla. Al contrario, bisogna adottare qualche accorgimento per favorire il sonno, come evitare le attività troppo intense la sera, e, se necessario, ricorrere anche a qualche seduta di terapia cognitivo-comportamentale.

 

 

In breve

NON SEMPRE È UN TRAUMA

Non necessariamente il divorzio dei genitori causa un trauma indelebile nei bambini. Dipende dalla capacità di mamma e papà di gestire in modo corretto le cose, evitando di riversare le proprie difficoltà sui figli. Se ci si rende conto di non riuscire a gestire da soli la situazione, è bene farsi aiutare da uno psicoterapeuta.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti