In coppia lo stress fa male ed è contagioso

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 28/05/2015 Aggiornato il 28/05/2015

Quante incide lo stress sul benessere di entrambi i partner? Parecchio! Ecco perché…

In coppia lo stress fa male ed è contagioso

Un matrimonio con frequenti litigi o una convivenza particolarmente burrascosa incide negativamente sulla salute di entrambi i partner, e può provocare problemi di pressione e di tipo cardiovascolare. È quanto emerge dallo studio condotto dai ricercatori dell’americana University of Michigan e pubblicato su Journals of Gerontology.

Problemi per due

Lo studio è stato condotto su 1.300 adulti, sposati oppure conviventi, e ha dimostrato che le liti coniugali hanno un forte impatto negativo sul sistema cardiovascolare delle persone. I ricercatori hanno dimostrato che in questi casi non va analizzato il paziente singolarmente, ma deve essere inserito in un contesto di coppia. Lo studio è un’interessante dimostrazione di come la salute dei coniugi si influenzi vicendevolmente, con effetti importanti specie quando i partner raggiungono un’età più avanzata.

Effetto coppia

La ricerca ha evidenziato l’esistenza di un chiaro ”effetto diadico” o meglio “effetto coppia”: i mariti presentavano un aumento della pressione arteriosa quando le mogli riportavano elevati livelli di stress, e questo legame risultava ancor più esacerbato dalla percezione di una cattiva qualità del rapporto di coppia. Un rapporto di cattiva qualità, quindi, diventa così un fattore per predire il rischio di ipertensione di uno o entrambi i coniugi. La fisiologia di un individuo, quindi, è strettamente legata non solo alle proprie esperienze, ma anche alle esperienze e alle percezioni dei del partner.

Un circolo vizioso

È difficile stabilire a priori se lo stress di un coniuge e l’insoddisfazione per il rapporto di coppia possano favorire l’ipertensione nell’altro coniuge. Probabilmente, soprattutto in tarda età, la malattia del coniuge crea apprensione e quindi stress nell’altro coniuge, che ha paura di rimanere solo. Questo stress potrebbe poi a sua volta influire negativamente sulla salute dell’altro coniuge in una sorta di circolo vizioso.

 

 

 
 

In breve

TUTTA COLPA DEL CORTISOLO

 Di stress contagioso avevano già parlato i ricercatori del Max Planck Institute di Lipsia secondo i quali anche solo  stando vicino a una persona stressata, finiamo per agitarci anche noi, rimanendo vittime di uno “stress empatico”. Tutto è riconducibile al cortisolo, chiamato anche ormone dello stress: anche solo seguire con lo sguardo una persona sotto pressione può farne aumentare la produzione.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Quinta malattia: sono incinta e forse sono stata contagiata: che fare?

20/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

Nel caso in cui vi sia il dubbio di essere state contagiate dal parvovirus B19, è opportuno effettuare il test per la ricerca degli anticorpi specifici. Questa analisi dle sangue permette di capire se si è state colpite o no dall'infezione.   »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti