Italiani in fuga dal matrimonio

Lorenzo Marsili
A cura di Lorenzo Marsili
Pubblicato il 08/04/2019 Aggiornato il 08/04/2019

I dati Eurostat parlano chiaro: solo tre italiani su mille abitanti convolano a nozze. Siamo penultimi, in Europa peggio di noi solo la Slovenia

Italiani in fuga dal matrimonio

Quando si parla di matrimonio non è raro veder storce qualche naso o sentire frasi come “ma cosa ti sposi a fare?!”. Nella maggior parte dei casi, sembra quasi di toccare un argomento tabù. Il matrimonio, invece di rappresentare il coronamento di un legame di coppia, viene spesso visto come una costrizione, un modo per annullarsi e azzerare l’amore che unisce due persone.

Pochi “sì”

La conferma della crisi del matrimonio in Italia arriva dai dati Eurostat, che evidenziano come nel nostro Paese solo tre italiani ogni 1.000 abitanti siano pronti a pronunciare il fatidico “sì”. Un dato che, in termini di concentrazione, ci vede come uno dei Paesi dell’Unione Europea con in più basso indice matrimoniale. Peggio di noi fanno solo gli sloveni. Siamo un punto sotto la media europea e oltre quattro punti sotto Paesi come Lituania e Romania, dove si celebrano sette matrimoni ogni 1.000 abitanti.

Il numero però resta alto

Nel 2017, tra cerimonie in chiesa e civili, sono stati celebrati 191.287 matrimoni. Ben 11.971 in meno rispetto all’anno precedente. Un calo importante, che ben rimarca il momento di crisi del matrimonio. C’è da dire, però, che proprio queste cifre permettono all’Italia di posizionarsi nelle prime posizioni in Europa, per matrimoni celebrati. Sotto questo punto di vista, il nostro Paese è, infatti, secondo solo alla Polonia (192.157). A conti fatti, dunque, il matrimonio sarà anche fuori moda, ma molti italiani non smettono di credere nella sua importanza e nei valori che incarna.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Secondo alcuni studi scientifici il matrimonio è considerato un toccasana per la salute fisica e mentale.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Ancora podalico in 31ma settimana
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Il bambino può "mettere la testa a posto", ossia assumere la posizione cefalica, anche quando mancano solo poche settimane alla data del parto.   »

Gemellino che all’improvviso si comporta male
03/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Dietro ad atteggiamenti che all'improvviso diventano aggressivi e difficili da gestire c'è sempre una rabbia che il bambino deve imparare ad allontanare. Fargliela disegnare può essere d'aiuto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti