Italiani in fuga dal matrimonio

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 08/04/2019 Aggiornato il 08/04/2019

I dati Eurostat parlano chiaro: solo tre italiani su mille abitanti convolano a nozze. Siamo penultimi, in Europa peggio di noi solo la Slovenia

Italiani in fuga dal matrimonio

Quando si parla di matrimonio non è raro veder storce qualche naso o sentire frasi come “ma cosa ti sposi a fare?!”. Nella maggior parte dei casi, sembra quasi di toccare un argomento tabù. Il matrimonio, invece di rappresentare il coronamento di un legame di coppia, viene spesso visto come una costrizione, un modo per annullarsi e azzerare l’amore che unisce due persone.

Pochi “sì”

La conferma della crisi del matrimonio in Italia arriva dai dati Eurostat, che evidenziano come nel nostro Paese solo tre italiani ogni 1.000 abitanti siano pronti a pronunciare il fatidico “sì”. Un dato che, in termini di concentrazione, ci vede come uno dei Paesi dell’Unione Europea con in più basso indice matrimoniale. Peggio di noi fanno solo gli sloveni. Siamo un punto sotto la media europea e oltre quattro punti sotto Paesi come Lituania e Romania, dove si celebrano sette matrimoni ogni 1.000 abitanti.

Il numero però resta alto

Nel 2017, tra cerimonie in chiesa e civili, sono stati celebrati 191.287 matrimoni. Ben 11.971 in meno rispetto all’anno precedente. Un calo importante, che ben rimarca il momento di crisi del matrimonio. C’è da dire, però, che proprio queste cifre permettono all’Italia di posizionarsi nelle prime posizioni in Europa, per matrimoni celebrati. Sotto questo punto di vista, il nostro Paese è, infatti, secondo solo alla Polonia (192.157). A conti fatti, dunque, il matrimonio sarà anche fuori moda, ma molti italiani non smettono di credere nella sua importanza e nei valori che incarna.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Secondo alcuni studi scientifici il matrimonio è considerato un toccasana per la salute fisica e mentale.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti