La coppia “scoppia” soprattutto di sera

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/01/2014 Aggiornato il 10/01/2014

Secondo una recente indagine la coppia litiga soprattutto sul divano prima di andare a dormire, se non direttamente quando è già a letto

La coppia "scoppia" soprattutto di sera

I medici del sonno lo ripetono da anni: mai andare a letto se si è tesi o arrabbiati. Il rischio è di passare una notte in bianco. Per la coppia, però, sembra quasi impossibile fare diversamente. Secondo un’indagine condotta da “Sleepmaker”, un’azienda australiana di prodotti per il sonno, infatti, sono moltissimi i partner che discutono (anche animatamente!) prima di andare a dormire.

Perché si litiga

La ricerca australiana rivela che due coppie su tre sono solite litigare nelle ore serali. Le ragioni? Le più disparate. Argomenti delle discussioni “pre-nanna” sono innanzitutto i problemi, sia quelli di coppia, ma anche quelli legati al lavoro e alla famiglia.

Alla base c’è anche una scarsa tolleranza

Ma all’origine delle tensioni nella coppia ci sono anche motivi più banali, come la scarsa tolleranza verso alcune caratteristiche del partner. In primo luogo verso i “rumori emessi”. Il 40% degli intervistati, infatti, ha dichiarato di bisticciare perché l’uomo russa durante la notte, cosa che infastidisce la donna. Una volta a letto, poi, una coppia su cinque ha da ridire perché lui o lei hanno alcune parti del corpo troppo calde (in genere gli uomini) o, al contrario, troppo fredde (solitamente le donne).

Essenziale il dialogo

Secondo gli esperti, in realtà, questi sono solo pretesti. La coppia che litiga prima di andare a dormire, spesso senza riappacificarsi, solitamente, non vive un periodo particolarmente sereno. Anzi, è tesa, sotto stress  e in conflitto per altre ragioni. Solo che tende a tenere tutto dentro, finché esplode per cause futili. Invece, il dialogo è essenziale: è la base di ogni rapporto. Se i due partner non parlano apertamente di ciò che provano, finiscono con il serbare rancore e minacciare la stabilità dell’unione. Meglio, perciò, non rimandare i confronti costruttivi per mancanza di tempo o di voglia. Il rischio è di creare fratture insanabili.

 

In breve

VIA LIBERA ALLE COCCOLE

Una volta a letto, è importante che la coppia si scambi confidenze e tenerezze. Bastano anche poche coccole e qualche bacio sentito per conservare l’intimità e rinsaldare l’unione.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti