Malattie cardiache: matrimonio salva-cuore

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 24/10/2017 Aggiornato il 24/10/2017

Chi è in coppia e soffre di malattie cardiache ha maggiori possibilità di vivere di più rispetto ai single o ai divorziati. Ecco perché

Malattie cardiache: matrimonio salva-cuore

Le persone che soffrono di malattie cardiache, ma sono (felicemente) sposate, hanno il 14% di probabilità in più di vivere a lungo rispetto a coloro che sono single o divorziati a parità di problemi al cuore. È quanto sostiene una ricerca inglese effettuata da un gruppo di studiosi presso l’Aston Medical School of Birmingham. Secondo questo studi, infatti, il matrimonio, e in generale la vita di coppia, fa bene al cuore e non solo.

Vantaggi a tutto campo

La ricerca rivela anche come il matrimonio allunghi la vita nei pazienti affetti dai principali fattori di rischio che provocano problemi cardiaci: diabete, pressione alta e colesterolo, che insieme sono causa di oltre l’80% degli infarti.

L’analisi su quasi un milione di persone

La ricerca si è basata su un campione di 929.552 pazienti ricoverati in Inghilterra tra il 2000 e il 2013 di cui 25.287 avevano avuto un attacco cardiaco, 53.055 soffrivano di colesterolo alto, 68.098 di diabete di tipo 2 e 168.431 di pressione alta. Inoltre la classifica era stata divisa in categorie: single, divorziati, sposati e vedovi.

Il matrimonio allunga la vita

I risultati del test hanno evidenziato come i pazienti sposati con la pressione alta hanno avuto una percentuale del 10% in più, rispetto ai single, di sopravvivere. I diabetici hanno potuto contare sul 14% in più, mentre coloro che soffrivano di colesterolo alto il16 % in più di sopravvivenza.

Il sostegno è fondamentale

Secondo Paul Carter, autore principale della ricerca, il rapporto di coppia nel matrimonio è importante perché  significa avere qualcuno che dà sostegno fisico ed emotivo e aiuta a condurre uno stile di vita sano tenendo sotto controllo i fattori di rischio delle malattie cardiache. I divorziati con colesterolo alto o pressione alta, invece, sono più stressati e vivono meno rispetto ai coniugati nelle medesime condizioni fisiche. Il sostegno, però, può essere ricevuto anche da un amico o da un gruppo di supporto che incoraggi i pazienti, che hanno sofferto di attacchi di cuore, ad andare avanti, anche nella scelta della cura più adeguata.

Anche i social possono aiutare

Il dottor Rahul  Potluri, un altro autore dello studio, sostiene infine che “questo studio conferma l’importanza dei fattori psicosociali per coloro che soffrono di malattie cardiovascolari”. È fondamentale dunque che i pazienti affetti da malattie cardiache seguano un corretto stile di vita e  le cure farmaceutiche indicate dai medici per ridurne i rischi, e i social in questo possono essere di notevole aiuto.

 

 

 

Lo sapevi che?

Le malattie cardiache sono tra le principali cause di morte nella popolazione. I loro sintomi, come angina pectoris, palpitazioni e asma cardiaco, sono spesso confusi con altri disturbi.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ho un neo che mi fa paura: aiuto!
17/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

A fronte di un neo diverso dagli altri, specialmente se comparso di recente e con tendenza a modificarsi per forma, colore e dimensione è irrinunciabile sottoporsi tempestivamente a un controllo dermatologico.   »

Bimbo di 16 mesi molto vivace: che fare?
16/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' normale che a 16 mesi il bambino voglia misurarsi con le sue nuove capacità psicomotorie: quello che gli si deve impedire è di farsi male, ma in generale è meglio non eccedere con i no.  »

Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Fai la tua domanda agli specialisti