Matrimonio: ci fa uguali anche a tavola

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 27/10/2017 Aggiornato il 10/08/2018

Più tempo si passa insieme con il matrimonio e più ci si somiglia anche in fatto di odori e sapori

Matrimonio: ci fa uguali anche a tavola

Con il matrimonio, si sa, cambiano abitudini e ritmi di vita, si condivide quasi tutto e – una volta a testa – si dovrebbero assecondare le preferenze del partner. In questa piacevole condizione di condivisione rientrano anche il gusto in fatto di cibo e odori. A rivelarlo è una ricerca dell’Università polacca di Breslavia, pubblicata sulla rivista Appetite.

Gusto e olfatto si sovrappongono

Le preferenze in fatto di sapori e odori sono tanto più condivise quanto più è duraturo il matrimonio. Consumare i medesimi pasti e vivere negli stessi ambienti influisce sulle preferenze personali, andando a renderle via via più simili a quelle del partner. I ricercatori polacchi hanno, infatti, osservato che le coppie più longeve percepiscono gli odori e i sapori come se fossero dotate di un solo naso e una sola lingua.

Più tempo passa e più ci si assomiglia

Lo studio ha sottoposto diversi sapori e odori a cento coppie sposate da un periodo che va di tre mesi a quarantacinque anni. Per stimolare l’olfatto, ai partecipanti sono stati fatti respirare per cinque secondi gli odori di cioccolato bianco, caffè, lavanda, carne affumicata, cannella, limone e miele. Per quanto riguarda il gusto, sono state vaporizzate sulla lingua di ognuno essenze dolci, salate, acide e amare. Contestualmente alle prove, a mogli e mariti è stato chiesto di classificare odori e sapori su un’apposita scala. I risultati hanno evidenziato come il matrimonio influisca sulle preferenze, con i partner di lunga data a far registrare preferenze maggiormente affini.

La condivisione è più forte dei geni

Il tempo di condivisione pare dunque condizionare i sensi. Il matrimonio agisce direttamente sulla percezione di odori e sapori. La differenza dei sensi, nel corso degli anni, si attenuerebbe rispettivamente del 9 e del 6%. Come spiegato dai ricercatori, condividere una famiglia, una casa, una cucina, un frigorifero e una gran quantità di pasti potrebbe contribuire a formare preferenze simili, indipendentemente dal personale corredo genetico. Più si rivela lunga questa condivisione e maggiore è la probabilità di assomigliare alla propria dolce metà.

 

 

 
 
 

Da sapere!

 

Il matrimonio non cambia solamente le nostre preferenze in fatto di gusto e odori, ma influisce positivamente sulla nostra indole.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti