Monogamia: dipende dai geni

Stefania Lupi
A cura di Stefania Lupi
Pubblicato il 06/03/2019 Aggiornato il 06/03/2019

Uno studio dell'Università del Texas ha analizzato l'evoluzione della monogamia in diverse specie di vertebrati, scoprendo che il comportamento monogamo è scritto nel Dna

Monogamia: dipende dai geni

Rassegnamoci. Se il nostro “difetto” è quello di non riuscire a stare con un solo partner alla volta, la colpa potrebbe essere del Dna.  Si, perché sembra proprio che la monogamia dipenda dai geni , almeno secondo uno studio pubblicato da un gruppo di ricercatori dell’University of Texas sulla rivista Pnas, Proceedings of the National Academy of Sciences.

Lo studio su varie specie di animali

Ricostruendo e confrontando la storia evolutiva di più di 10 specie di vertebrati, monogame e non, tra cui topi, uccelli, rane e pesci, Il team, infatti, ha scoperto che nel cervello dei maschi di queste specie è espresso un set comune di 24 geni, legati alla monogamia. In pratica, il comportamento monogamo può essere altamente complesso, ma al cuore c’è un semplice meccanismo nel cervello che lo scatena. E a incuriosire i ricercatori è anche il fatto che lo stesso meccanismo si ripete in vari rami dell’albero della vita (tenendo conto che questi animali non hanno condiviso un progenitore comune per almeno 450 milioni di anni). L’analisi, inoltre, ha rivelato che le specie prese in esame hanno sviluppato in modo ciclico nel corso dell’evoluzione un sistema monogamo, “accendendo” o “spegnendo” alcuni gruppi di geni simili, nonostante abbiano strutture cerebrali e storie evolutive differenti.

Da confermare sugli uomini

Il meccanismo sarebbe anche collegato al canto negli uccelli e persino nell’aggressività.  In determinate circostanze, in pratica, la pressione ambientale dovuta alla presenza di predatori o alla mancanza di risorse spinge gli animali a evolvere verso la monogamia. Ed è possibile che un processo genetico simile possa entrare in gioco anche negli esseri umani, una specie che molto spesso forma legami duraturi. Ma tutto ciò richiederebbe un confronto a livello genetico con una specie “vicina” non monogama, come gli scimpanzé.

 

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

La monogamia nella specie umana è assai recente e risale a soli 20.000 anni or sono, oltre 80.000 dopo l’apparizione dell’uomo moderno, il cosidetto Homo sapiens sapiens. È quanto risultato da una ricerca condotta sulla sequenza genetica del cromosoma Y di un campione di 2.000 uomini provenienti da ogni parte del mondo e apparsa sul ”Journal of Molecular Evolution”.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti