Niente umorismo sul Covid: il rapporto di coppia può risentirne

Stefania Lupi A cura di Stefania Lupi Pubblicato il 28/10/2021 Aggiornato il 28/10/2021

L’umorismo sul Covid è nocivo: ad affermarlo è uno studio inglese condotto su più di 500 persone sposate poco dopo la pandemia. Servono il pensiero positivo e la rete di amici e parenti

Niente umorismo sul Covid: il rapporto di coppia può risentirne

L’umorismo non va sempre bene, per esempio l’umorismo sul Covid è negativo. Il segreto di una coppia felice? Ai tempi del Covid meglio non fare battute relative alla pandemia per alleviare lo stress. Il rischio è che a lungo andare i rapporti con il partner si deteriorino.  Al contrario, mantenere una buona comunicazione e fare rete con gli altri è più adatto a consolidare la coppia.

Risultati sorprendenti

Lo rileva uno studio della Rutgers University, pubblicato sul Journal of Social and Personal Relationships.  I risultati non sono di poco conto e vanno letti con attenzione.  Nell’aprile 2020, poco dopo l’inizio della pandemia, i ricercatori hanno chiesto a 561 persone sposate come parlassero con il proprio coniuge utilizzando la “teoria della comunicazione della resilienza”.

Sì al pensiero positivo

Nella vita pratica, quando le coppie creano un senso di normalità o una nuova routine, rimangono in contatto con la loro rete di amici e membri della famiglia e pensano in modo positivo, sperimentano meno rabbia e incertezza. Insomma, sono più serene. E questo si ripercuote anche sulla durata della relazione di coppia nel tempo.

No all’umorismo sul Covid

“Abbiamo scoperto che, ad eccezione dell’umorismo, questi processi di resilienza migliorano la fiducia in una relazione – sottolinea Maria Venetis, autrice dello studio – l’umorismo non è necessariamente negativo, ma non è sempre garantito che aiuti perché la sua intenzione non è sempre chiara. Questa ambiguità può avere implicazioni su come vengono ricevuti i messaggi e di conseguenza può influenzare ciò che un partner pensa di una relazione”.

 

Da sapere!

AUMENTO DELLE SEPARAZIONI DEL 60%

Il Covid e il lockdown hanno messo e stanno mettendo a dura prova la tenuta della famiglia italiana. Secondo l’Associazione nazionale divorzisti italiani nel 2020 c’è stato un aumento delle separazioni rispetto al 2019 del 60%. Sono ancora da indagare le cause ma il dato fa riflettere.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti