Niente umorismo sul Covid: il rapporto di coppia può risentirne

Stefania Lupi A cura di Stefania Lupi Pubblicato il 28/10/2021 Aggiornato il 28/10/2021

L’umorismo sul Covid è nocivo: ad affermarlo è uno studio inglese condotto su più di 500 persone sposate poco dopo la pandemia. Servono il pensiero positivo e la rete di amici e parenti

Niente umorismo sul Covid: il rapporto di coppia può risentirne

L’umorismo non va sempre bene, per esempio l’umorismo sul Covid è negativo. Il segreto di una coppia felice? Ai tempi del Covid meglio non fare battute relative alla pandemia per alleviare lo stress. Il rischio è che a lungo andare i rapporti con il partner si deteriorino.  Al contrario, mantenere una buona comunicazione e fare rete con gli altri è più adatto a consolidare la coppia.

Risultati sorprendenti

Lo rileva uno studio della Rutgers University, pubblicato sul Journal of Social and Personal Relationships.  I risultati non sono di poco conto e vanno letti con attenzione.  Nell’aprile 2020, poco dopo l’inizio della pandemia, i ricercatori hanno chiesto a 561 persone sposate come parlassero con il proprio coniuge utilizzando la “teoria della comunicazione della resilienza”.

Sì al pensiero positivo

Nella vita pratica, quando le coppie creano un senso di normalità o una nuova routine, rimangono in contatto con la loro rete di amici e membri della famiglia e pensano in modo positivo, sperimentano meno rabbia e incertezza. Insomma, sono più serene. E questo si ripercuote anche sulla durata della relazione di coppia nel tempo.

No all’umorismo sul Covid

“Abbiamo scoperto che, ad eccezione dell’umorismo, questi processi di resilienza migliorano la fiducia in una relazione – sottolinea Maria Venetis, autrice dello studio – l’umorismo non è necessariamente negativo, ma non è sempre garantito che aiuti perché la sua intenzione non è sempre chiara. Questa ambiguità può avere implicazioni su come vengono ricevuti i messaggi e di conseguenza può influenzare ciò che un partner pensa di una relazione”.

 

Da sapere!

AUMENTO DELLE SEPARAZIONI DEL 60%

Il Covid e il lockdown hanno messo e stanno mettendo a dura prova la tenuta della famiglia italiana. Secondo l’Associazione nazionale divorzisti italiani nel 2020 c’è stato un aumento delle separazioni rispetto al 2019 del 60%. Sono ancora da indagare le cause ma il dato fa riflettere.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Colesterolo alto in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

14/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Durante la gravidanza un aumento del valore del colesterolo (entro certi limiti) è fisiologico, tuttavia ogni caso va considerato a sé quindi spetta al ginecologo curante stabilire, in base alla storia clinica della singola donna, se l'incremento può essere o no la spia di qualcosa che non va.   »

Bassa statura di una ragazzina in prossimità del menarca: aumenterà ancora un po’?

09/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La statura è influenzata in modo rilevante dalla genetica, ma gioca un suo ruolo anche l'eventualità che il bambino sia nato pretermine. In ogni caso, anche dopo l'arrivo della prima mestruazione (menarca) le ragazze in genere continuano a crescere di alcuni centimetri.  »

Ginnastica prepuziale nei piccolissimi: perché non si deve fare?

08/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Forzare il prepuzio di un piccolino a scendere verso il basso fino a scoprire il pene può essere pericoloso. la fimosi fisiologica è un meccanismo di difesa voluto dalla natura che fa sempre le cose per bene.   »

Fai la tua domanda agli specialisti