Il partner russa? Salute a rischio

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 02/01/2017 Aggiornato il 02/01/2017

Chi dorme con un compagno “rumoroso” può soffrire di disturbi del sonno, depressione ed è a rischio ictus. Ecco perché se il partner russa è meglio correre ai ripari

Il partner russa? Salute a rischio

Se il partner russa condividere il letto può essere una vera tortura. Notti insonni o frequenti risvegli per i fastidiosi “vocalizzi” fanno perdere ore di sonno e influenzano negativamente sull’umore. E non solo: un recente studio sostiene che se il partner russa nuoce gravemente alla salute… dell’altro.

Rischio ictus e infarto

A confermarlo  è una ricerca dell’Università di Leeds che sostiene che essere disturbati nel sonno può provocare problemi di salute come stanchezza cronica (il 30% degli intervistati dichiara di soffrire di “disturbi del sonno” perché il partner russa). Non dormire in modo adeguato provoca un aumento del rischio di depressione, infarto, ictus e suicidio. E addirittura può essere motivo di divorzio.

Anticamera dell’ansia

La mancanza di riposo può provocare anche stati di ansia. Secondo diversi studi, infatti, a risentirne  è l’ amigdala, la zona del cervello che gestisce le emozioni negative. E già un precedente studio aveva evidenziato che dormire male provoca disidratazione con conseguente maggior invecchiamento della pelle, aggressività sul lavoro e indecisione.

Dormire separati

Come fare, allora, se il partner russa? Il suggerimento è: dormire separati.  “Quasi un terzo (il 29 per cento) degli inglesi – dice l’esperta del sonno Nerina Ramlakhan – non riposa bene a causa del partner. Per queste persone dormire in stanze separate renderebbe il sonno molto più piacevole e soprattutto davvero riposante”.

 

In breve

SEPARATI DI NOTTE

Invece di colpevolizzare il partner che russa, è meglio valutare l’ipotesi di  dormire in stanze separate. A tutto vantaggio dell’equilibrio di coppia e della salute.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti