Problemi di coppia dopo un bebè: che cosa può fare lei

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/03/2013 Aggiornato il 09/03/2013

Alla base dei problemi di coppia che possono sorgere dopo la nascita di un figlio, c’è talvolta un atteggiamento troppo possessivo della mamma verso il piccolo

Problemi di coppia dopo un bebè: che cosa può fare lei

Per evitare problemi di coppia e alimentare la gelosia del papà nei confronti del bebè, è fondamentale che la mamma permetta al compagno di entrare in sintonia con il bambino, lasciandogli il giusto spazio nella relazione con il piccolo. Per la mamma è più facile acquisire da subito il proprio ruolo: già dopo il concepimento, con l’inizio della gravidanza, la donna porta fisicamente il bimbo in grembo, avverte, molto più dell’uomo, la presenza di una nuova vita, partorisce il suo cucciolo, lo allatta. Tra madre e figlio c’è insomma quella che gli psicologi definiscono una relazione “fusionale”, totale, che fa sì che la mamma sia capace di cogliere da subito i bisogni del suo piccolo.

Con il papà un legame da costruire

Non è lo stesso per l’uomo che, anche se coinvolto dalla compagna fin dai mesi di gravidanza, vive questa esperienza in maniera più ovattata. Per il papà il piccolo diventa veramente un figlio al momento della nascita, quando finalmente può vederlo, toccarlo, prenderlo in braccio. È solo da questo momento che il papà sente di avere un ruolo, diverso e complementare rispetto a quello della compagna, e di essere diventato davvero genitore. Proprio per questo è importante non interrompere questo “ponte” che si crea alla nascita, perché il ruolo del papà deve essere costruito nel tempo.
Per evitare quindi che il bebè sia vissuto dal papà come un intruso, generando problemi di coppia, occorre dargli la possibilità di conoscere il suo bambino, in modo che a sua volta anche il bambino impari ad avere fiducia nella capacità del suo papà di prendersi cura di lui, proprio come la mamma.

I nuovi papà sono diversi

Bisogna stimolare il papà a mettersi in gioco e a modificare gli schemi di interazione e i comportamenti stereotipati che hanno contraddistinto i padri delle vecchie generazioni. I nuovi padri, infatti, sono molto diversi da quelli del passato, il cui ruolo nella relazione con i figli era soprattutto quello di impartire delle regole e farle rispettare. I nuovi papà invece, a patto che venga data loro l’opportunità per farlo, hanno un modo molto personale e amorevole di relazionarsi con i figli, fin da piccoli. Sono molto affettuosi e attenti nell’accudire il bambino, pur con modalità molto diverse da quelle della madre. La gelosia del papà, alla base dei problemi di coppia, può dunque essere evitata se la mamma  impara a non interferire nel modo in cui il papà si rapporta con il piccolo: pazienza se si crede che il proprio modo di prendere in braccio il bambino sia il migliore, l’importante è che il piccolo impari a essere sereno anche tra le braccia del suo papà. Si tratta di un aspetto fondamentale perché la relazione con il papà fa sì che il bambino possegga radici solide per esplorare il mondo.
 

In breve

Il ruolo del papà si "costruisce" nel tempo

La mamma, che da subito ha una relazione profonda con il bambino, deve fare in modo che anche il papà abbia il suo “spazio” per entrare in sintonia con il piccolo. Tanto più che oggi i nuovi padri sono molto più affettuosi, attenti e partecipi di quanto fossero in passato

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti