Ricerca del partner: la gentilezza al primo posto

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 11/11/2019 Aggiornato il 11/11/2019

Quando si tratta di mettersi alla ricerca del partner per costruire una relazione stabile, ciò che ci attrae di più non è l’aspetto fisico o la professione, bensì la gentilezza

Ricerca del partner: la gentilezza al primo posto

Fascino? Solidità finanziaria? Romanticismo? Nulla di tutto ciò. La caratteristica che prevale nella ricerca del partner è un’altra: la gentilezza. È la propensione o meno a questa attitudine che ci fa capire se una persona potrebbe essere adatta per una relazione di lunga durata e felice oppure no. A sostenerlo è una ricerca condotta da un’equipe di studiosi britannici, della Swansea University, pubblicata sul Journal of Personality

Uno studio su quasi 2.500 studenti

Lo studio ha riguardato 2.477 studenti universitari provenienti da diversi Paesi del mondo, principalmente Singapore, Malesia, Hong Kong, Regno Unito, Norvegia e Australia. Tutti sono stati invitati a partecipare a un esperimento per la ricerca del partner. In pratica, gli autori hanno selezionato otto caratteristiche – fisiche, caratteriali e valoriali – e hanno attribuito a ciascuna di esse un prezzo virtuale: attrattività fisica, buone prospettive finanziarie, gentilezza, umorismo, castità, religiosità, desiderio di figli e creatività. Quindi, hanno dotato i partecipanti di un budget fisso e hanno chiesto loro di “acquistare” i tratti che ritenevano fondamentali per il loro potenziale innamorato ideale. Lo scopo era capire quali sono gli aspetti più ricercati in una persona con cui si vuole costruire una relazione seria.

La gentilezza vince su tutto

Analizzando le scelte degli studenti, gli autori hanno scoperto che fra i ragazzi provenienti da Paesi occidentali e orientali c’erano alcune differenze, ma anche molte somiglianze. Infatti, tutti i partecipanti hanno scelto di spendere la quota maggiore del budget (in una percentuale variabile fra il 22 e il 26%) in gentilezza. Fra le caratteristiche più gettonate, anche l’attrattività fisica e le buone prospettive finanziarie. Gli aspetti meno ricercati sono risultati, invece, la creatività e la castità, ai quali è stato destinato meno del 10% del budget.

Differenze tra maschi e femmine

Gli esperti hanno riscontrato delle differenze nelle risposte date dai due sessi. I ragazzi, indipendentemente dalla loro origine, hanno dato più peso all’aspetto fisico rispetto alle ragazze (22% del budget contro il 16%), mentre queste ultime hanno destinato una maggiore parte del loro budget all’aspetto finanziario rispetto agli uomini (18% contro il 12%),

 

 

 
 
 

Da sapere!

La gentilezza è un’attitudine che andrebbe coltivata nei piccoli gesti di ogni giorno. Essere gentili significa rivolgere un’attenzione in più al partner, chiedergli più spesso come sta, essere pronti ad ascoltarlo, coccolarlo, versagli l’acqua, offrirsi di fare qualcosa al suo posto.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbi sul risultato dell’isterosalpingografia

28/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Quello che conta più di tutto è che l'isterosalpingografia appuri la pervietà delle tube.   »

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti