Ridere fa bene alla coppia

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 20/03/2019 Aggiornato il 20/03/2019

Divertirsi insieme e ridere aiuta fortificare il rapporto di coppia. L’importante è farlo su passioni e abitudini condivise

Ridere fa bene alla coppia

Ridere fa sempre bene, ma se fatto insieme risulta più bello e aiuta a cementare la coppia. A rivelarlo è uno studio dell’Università del Kansas, pubblicato dalla rivista Personal Relationships. Occhio però a scherzare solo su argomenti e passioni condivise, in caso contrario il rapporto potrebbe risentirne.

Ridere fa bene al rapporto

Le coppie che ridono di più resistono più a lungo. La conferma arriva da uno studio americano che ha preso in esame 39 studi, coinvolgendo oltre 150.000 soggetti. La ricerca ha analizzano in particolare l’importanza di ridere in una coppia, evidenziando come guardare insieme un film d’amore o consolarsi a vicenda per la sconfitta della squadra del cuore alimenti una divertente complicità fatta di umorismo, risate e ironia.

L’ironia può anche ferire

Ma, attenzione, l’umorismo fa bene alla coppia solo quando l’argomento su cui si scherza è condiviso. Attenzione dunque alle frecciatine personali. Infatti, quando a essere bersaglio di battute e scherno è, per esempio, un errore in cucina del partner o un particolare vezzo della suocera, l’ironia potrebbe irritare la dolce metà. Perché ridere (dell’altro) può anche ferire.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Non solo divertimento e risate. Scopri l’affinità di coppia attraverso un breve test in dieci domande.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Risvegli notturni dopo mesi di sonno tranquillo

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Può capitare che a nove mesi inizino i risvegli notturni: possono esserne corresponsabili l'ansia da separazione e la dentizione.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti