Sport: quanto conta il buon esempio del partner?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/11/2015 Aggiornato il 03/11/2015

Se il partner pratica uno sport, si sarebbe più stimolati a muoversi a propria volta. Ecco perché

Sport: quanto conta il buon esempio del partner?

Trascorrendo molto tempo con una persona è normale adottare alcune delle sue abitudini. In alcuni casi si tratta di consuetudini poco salutari, in altri di abitudini benefiche. Come quella di praticare uno sport. Secondo uno studio condotto da un team di ricercatori statunitensi, della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health di Baltimora, infatti chi ha un compagno attivo è più stimolato a fare attività fisica a sua volta.

Uno studio su oltre 3 mila coppie

Lo studio, che è stato o presentato durante il recente congresso “Epi/Lifestyle 2015 Scientific Sessions” voluto dall’American Heart Association, ha riguardato oltre 3.200 coppie sposate. Tutte sono state sottoposte a due visite mediche, a distanza di circa sei anni l’una dall’altra. In queste occasioni i medici, fra le altre cose, hanno chiesto loro se praticassero o meno uno sport e se avessero uno stile di vita attivo. Hanno così accertato che all’inizio della ricerca facevano attività fisica circa il 33% delle donne e il 40% degli uomini.

Lo sport è “contagioso”

Analizzando i dati raccolti nel corso delle due visite, gli autori hanno scoperto che avere un partner che pratica uno sport significa ricevere un incentivo positivo, in grado di spronare a muoversi di più. Infatti, è emerso che i compagni di coloro che all’inizio dello studio svolgevano un’attività fisica, a distanza di sei anni, erano più attivi dei compagni delle persone inattive. Più precisamente, gli uomini sposati con una donna che durante la prima visita era sportiva, alla seconda visita, avevano il 70% di probabilità in più di fare sport rispetto ai mariti di mogli pigre. Invece, le donne che avevano mariti che all’inizio dello studio si muovevano regolarmente, dopo sei anni, presentavano il 40% delle chance in più di farlo a propria volta.

Incentivati dal compagno

Gli studiosi hanno concluso che avere accanto una persona sportiva incentiva a fare movimento. Le ragioni? Sono varie. La leva maggiore però sarebbe la voglia di ottenere gli stessi risultati. Vedendo quanto lo sport fa bene alla silhouette, alla mente e al corpo dell’amato, infatti, si finirebbe con il volere altrettanto per se stessi. “Sappiamo quanto sia importante l’esercizio fisico per restare in salute. Questo studio dimostra che, quando si tratta di restare sani e in forma, l’esempio di uno dei due coniugi potrebbe avere un impatto molto positivo sull’altro” hanno spiegato gli autori. Quando non si ha la minima voglia di uscire per andare in palestra o a correre, dunque, pensare che sforzandosi e vincendo la pigrizia si farà del bene a se stessi ma anche al proprio innamorato.

 

 

 
 
 

In breve

VIA LIBERA ALLO SPORT DI COPPIA

Chi, nonostante tutto, non ha molta voglia di fare sport potrebbe provare ad allenarsi insieme al proprio compagno. In genere, infatti, gli stimoli sono maggiori quando ci si muove in coppia. Per esempio, quando si corre in due, si tende a cercare di percorrere almeno la stessa distanza dell’altro allo stesso ritmo.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tic in una bimba di tre anni e mezzo

17/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

In presenza di tic che compaiono all'improvviso è buona regola prima di tutto effettuare alcuni specifici esami del sangue e un tampone faringeo per la ricerca dello streptococco.  »

Bimba di 18 mesi che non vuole più il latte

16/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

A svezzamento completato, il latte non è più indispensabile: come ottima alternativa c'è lo yogurt.   »

Una gravidanza dopo aver smesso l'”anello”: quanto ci vuole?

13/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisabetta Canitano

La possibilità di rimanere incinta dopo aver smesso la contraccezione ormonale varia da donna a donna: generalizzare non si può.  »

Fai la tua domanda agli specialisti