Stress: fa ingrassare anche il partner

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 20/12/2016 Aggiornato il 20/12/2016

Nelle relazioni personali lo stress può diventare un elemento pericoloso, che mette a dura prova la linea. Nella buona e nella cattiva sorte si condivide tutto e le preoccupazioni del partner portano a mangiare di più

Stress: fa ingrassare anche il partner

Lo stress, le preoccupazioni, i problemi in generale, inevitabilmente, influiscono sul benessere del proprio partner. Spesso, infatti, si tende a scaricare sul compagno le proprie tensioni e insoddisfazioni. E secondo una recente ricerca, lo stress porterebbe addirittura il compagno/a a ingrassare.

Le preoccupazioni si sfogano a tavola

Sapere che il proprio partner ha delle preoccupazioni porta a mangiare di più e, di conseguenza, a ingrassare. Perlomeno, questo è quanto sostiene uno studio pubblicato sulla rivista Journals of gerontology social sciences dai ricercatori dell’Università del Michigan di Ann Arbor (Usa) e della Wilfrid Laurier University di Waterloo (Canada), diretti da Kira Birditt, che spiega: “Il matrimonio ha un’influenze notevole sulla salute. Lo stress sperimentato dal partner, più che quello quello individuale, risulta associato a una maggiore circonferenza vita”.

Lo studio durato quattro anni

Lo studio ha coinvolto 2.042 persone coniugate. I comportamenti delle coppie sono stati analizzati dal 2006 al 2010 attraverso questionari sullo stato di salute, il livello di stress, la vita di relazione, le abitudini alimentari e la tendenza ad ingrassare.  In particolare, sono stati monitorati i casi di stress cronico, persone con problemi e preoccupazioni perduranti da almeno un anno e che hanno messo a rischio pesantemente la qualità della vita di coppia a causa, per esempio, di problemi economici o difficoltà di lavoro.

Le donne ingrassano di più

È emerso che le tensioni che accompagnano la quotidianità di uno dei due coniugi influiscono sul peso del partner. Chi aveva al proprio fianco un compagno stressato, aveva maggiori probabilità di mangiare di più, di ingrassare e diventare obeso. All’inizio della ricerca, il 59% degli uomini e il 64% delle donne correva un maggior rischio di obesità. Dopo quattro anni, le percentuali erano salite negli uomini del 66% e nelle donne del 70%.

Effetti anche sui giovani

Sebbene lo studio abbia interessato le coppie di lunga durata, secondo gli autori anche i giovani non sono esenti dagli effetti dello stress del proprio partner. “Possiamo solo supporre che anche in questo caso lo stress di un partner influenzi la salute dell’altro – spiega la dottoressa Birditt -, anche se probabilmente gli effetti sono meno forti, dato che i giovani spesso sono anche più sani”.

 

 

 

 

 
 
 

In breve

LO STRESS È CONTAGIOSO

Lo stress genera altro stress ed è un fattore che può alimentare la tendenza a scaricare sul cibo le proprie preoccupazioni o quelle che interessano il partner.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Quinta malattia: sono incinta e forse sono stata contagiata: che fare?

20/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

Nel caso in cui vi sia il dubbio di essere state contagiate dal parvovirus B19, è opportuno effettuare il test per la ricerca degli anticorpi specifici. Questa analisi dle sangue permette di capire se si è state colpite o no dall'infezione.   »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti