Troppa tecnologia nuoce alla coppia

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/09/2015 Aggiornato il 14/09/2015

Fra smartphone, portatili e tablet, si passa gran parte del proprio tempo connessi. Senza rendersi conto che la tecnologia danneggia l’intimità di coppia

Troppa tecnologia nuoce alla coppia

Trascorrere ogni istante del proprio tempo libero “appiccicati” al proprio partner non è certo l’ideale per il benessere della coppia. Ma nemmeno condurre ognuno la propria vita, senza condividere passioni e hobby, è un bene. Oggi c’è un ulteriore fattore che rischia di allontanare gli innamorati: la tecnologia. Fra smartphone, portatili e tablet, infatti, la maggior parte delle persone passa molte ore su internet, spesso quasi senza accorgersene. Anche mentre è a letto. A risentirne sono l’intimità e la solidità del rapporto. La conferma arriva da una ricerca pubblicata da David Spiegelhalter, un esperto britannico docente di statistica al Centro di Scienze Matematiche dell’università di Cambridge, nel suo volume di recente pubblicazione “Sex by Numbers”.

Mai andare a letto arrabbiati

Un paio di anni fa, papa Francesco raccomandò agli sposi di litigare finché volevano, di lanciarsi anche piatti e vettovaglie, ma di non andare mai a letto senza prima aver fatto la pace. Lo stesso suggerimento arriva anche dagli psicologi: alla fine della giornata meglio appianare ogni diverbio e cercare di andare a dormire sereni. La tecnologia, però, complica un po’ le cose: non solo rischia di posticipare i chiarimenti, ma addirittura anche di cancellare le coccole e i baci della buona notte. I partner, infatti, invece di approfittare dei momenti che precedono il sonno per parlare e scambiarsi effusioni, spesso, finiscono con lo stare incollati ai monitor di smartphone o tablet.

Tutti connessi anche prima di dormire

In effetti, resistere alla tentazione di fare un’ultima battuta nella chat di whatsapp creata con gli amici di sempre, di commentare un post pubblicato su Facebook o di controllare il risultato della partita di calcio per molti è un’impresa difficilissima. Così, invece di dedicarsi al proprio amato, si finisce con l’addormentarsi con la compagnia della tecnologia. “Un tempo c’era un’enorme separazione tra la nostra vita pubblica e quella privata. Ora queste due cose sono assolutamente integrate. Le persone controllano continuamente gli sms, i messaggi di posta elettronica e le chat e non esiste più quella sorta di tempo libero silenzioso che avevamo un tempo” ha spiegato l’esperto.

Gli effetti sono molto negativi

Il risultato è che molte coppie smettono di comunicare e anche di avere contatti fisici. Così sviluppano un’insoddisfazione crescente verso il rapporto, che può anche spingerle a chiedere l’aiuto di un esperto.

 

 

 

In breve

 I CONSIGLI PER UNA BUONA CONVIVENZA

 Evitare che la troppa tecnologia rovini il proprio rapporto di coppia è possibile. Come? Limitando il più possibile l’utilizzo degli apparati elettronici quando si è in compagnia dell’amato. L’ideale sarebbe evitare di usare pc, smartphone e tablet mentre si è a cena e quando si va a letto.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Antipsicotico in gravidanza: come si scala?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di “La Redazione”

In nessun caso e per nessuna ragione si deve sospendere un antipsicotici o anche solo diminuirne la dose di propria iniziativa, ma sempre e solo su consiglio dello psichiatra che lo ha prescritto.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Coronavirus e bimbi in piscina: ci sono rischi?

13/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Una cosa è certa: il Sars-CoV-2 non nuota libero nell'acqua delle piscine, per cui i bambini possono fare i bagni in piena sicurezza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti