Vita di coppia: donne più in salute (e felici) se il marito le aiuta in casa

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/04/2014 Aggiornato il 09/04/2014

Una ricerca americana rivela come le donne siano più sane e felici quando nei lavori domestici vengono aiutate dai loro compagni

Vita di coppia: donne più in salute (e felici) se il marito le aiuta in casa

La donna più felice e con un miglior stato di salute è quella sposata con un uomo che si dà da fare in casa. Questo il risultato di una ricerca svolta dall’Università del Texas con il sostegno dell’ateneo dell’Indiana, dopo aver analizzato diversi nuclei familiari in cui la suddivisione dei lavori domestici era ripartita a seconda delle necessità lavorative dei due coniugi. Quello che comunemente succede in molte famiglie è che le donne, dopo aver trascorso un’intera giornata fuori casa al pari degli uomini, si vedono costrette ad assolvere da sole alle faccende di casa oltre a dedicarsi alla cura dei figli.

Più tempo per se stesse

Il ragionamento, confermato dallo studio, è semplice: se i compagni le aiutano nel disbrigo dei quotidiani compiti domestici, le donne hanno più tempo da dedicare a se stesse, ai propri hobby e alle proprie passioni e sono, dunque, più felici.  Il benessere che scaturirebbe dall’essere aiutate a svolgere i lavori domestici si tradurrebbe quindi in benefici sia sul piano fisico, sia su quello psicologico. Il non aver tempo da dedicarsi, anche solo per una semplice manicure, infatti, sarebbe fonte di ansia e depressione. E quando si è stressati ne risente inevitabilmente anche la salute.

Un’equa divisione dei compiti

E in quanto agli uomini pigr

i

che non vedono l’ora di tornare a casa per rilassarsi sul divano davanti alla televisione e proprio non si rassegnano a condividere del tempo con la propria partner nei lavori domestici? Se economicamente sono in grado di permettersi una collaboratrice domestica, potrebbero cavarsela in questo modo. Con buona pace della condivisione dei compiti. 

In breve

È STATO SCRITTO ANCHE UN LIBRO

La condivisione dei lavori di casa fa bene alla coppia: anche secondo una ricerca dell’Università di Los Angeles, pubblicata nel libro Fast-Forward Family. Dopo la fedeltà e l’armonia sessuale, quel che conta è la buona gestione della routine quotidiana: con una divisione concordata e paritaria dei compiti.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti