Vita di coppia: litigare allunga la vita se…

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 13/02/2019 Aggiornato il 13/02/2019

Può un’accesa discussione essere un toccasana per la salute? A quanto pare sì, soprattutto quando la contesa è di coppia e si gioca “ad armi pari”. Ecco perché

Vita di coppia: litigare allunga la vita se…

Tenersi dentro rimorsi, rabbia o rancore nella vita di coppia non ha effetti positivi nemmeno sulla salute. Litigare sembra, infatti, molto importante e aiuta a vivere più a lungo. Lo ha scoperto uno studio sulla vita di coppia dell’Università dell’Arizona pubblicato sulla rivista medica Journal of Psychosomatic Medicine.

L’amore non è bello…

Lo studio americano ha preso in esame 192 coppie per un ben 32 anni e ha concluso che un amore “litigarello” aumenta la speranza di vita dei partner. La cosa fondamentale, spiegano i ricercatori, è che per godere appieno degli effetti positivi di una bella litigata occorre che la discussione sia affrontata con la stessa intensità da entrambi.

Anche la pace ha i suoi vantaggi

Il rischio di morte prematura è più basso quando entrambe i partner esprimono il proprio dissenso con eguale intensità. In questo caso, nei 32 anni presi in esame, il rischio per l’uomo si assesta intorno al 24%, per la donna intorno al 18%, valido anche per le donne che vivono rapporti di coppia in cui entrambi i partner tendono a non litigare troppo. Nella stessa situazione, il dato degli uomini sale però al 35%.

L’importante è litigare in due

Nelle coppie con un forte disallineamento nel modo di litigare le cose cambiano di molto. I valori subiscono un’impennata e il rischio di vedere diminuire l’aspettativa di vita è quasi raddoppiato. Nella coppia in cui l’uomo si arrabbia e la moglie no, il rischio per lui è del 51%, per lei del 36%. Quando è, invece, la moglie ad arrabbiarsi e il marito a smorzare i toni, i valori si fermano a 49% per gli uomini e 28% per le donne.

 

 

Da sapere!

Come sottolinea Kyle Bourassa, lo psicologo che ha guidato lo studio, se le risposte dei partner sono diverse, il litigio tende a prolungarsi nel tempo, lasciando entrambi insoddisfatti. Ciò potrebbe causare stress quotidiano e, sul lungo periodo, avere effetti negativi sulla salute.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti