Baby influencer: rischi e delusioni di cui tener conto

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 25/03/2024 Aggiornato il 25/03/2024

I baby influencer, esposti sin da piccolissimi sui social, sono spesso in atteggiamenti tipicamente adulti. L’esperta spiega quali sono i rischi e le delusioni di cui tener conto.

bambini influencer

Alcuni hanno una decina di anni, altri non arrivano a due e altri ancora sono addirittura dei neonati. Sorridono vestiti a festa, cantano e ballano, “raccontano” con stories, post e reel su Instagram oppure con video su Tik Tok la loro vita, più da adulti che da bambini. Sono i baby influencer, i bimbi che sugli account dei genitori quando sono piccolissimi, incoraggiati se non spinti dagli adulti ad aprire un loro account personale quando sono più grandicelli, espongono la loro immagine sui social sponsorizzando marchi e prodotti di vario genere. Piccoli che fanno propri precocemente gesti, frasi e movenze tipiche del mondo adulto solo per la conquista di qualche like. Vediamo con l’esperta i rischi e le delusioni di cui tener conto.

 

Il fenomeno delle baby influencer

Pensiamo, spesso a torto, che volere notorietà per i figli sia un atteggiamento dei nostri giorni. Ma non è così perché, sia pur con i dovuti distinguo, anche in passato le aspirazioni dei genitori spesso ricadevano sui figli. Lo conferma la dottoressa Chiara Maddalena, psicoterapeuta all’Ospedale Santa Maria di Bari, esperta in tematiche infantili e adolescenziali. «Visconti nel 1951 gira uno splendido film con Anna Magnani e un giovanissimo Walter Chiari: “Bellissima” è la storia di una madre che spera in un futuro nel cinema per la propria figlioletta di cinque anni. Nel film la Magnani si rende amaramente conto di aver preteso che la bimba realizzasse il suo desiderio di madre, e non la propria felicità di bambina, e di aver speso tanti soldi e aver messo in crisi il rapporto con il marito. Quanti genitori oggi, sulla spinta del desiderio di popolarità e soldi promesso dai social, fanno lo stesso con i propri figli? Del resto, ogni genitore desidera per il proprio figlio una vita migliore della propria». Naturale che quando si parla di bambini molto piccoli, persino di neonati, a postare storie e video sui social siano in maniera diretta i genitori sui loro account. Vuoi per desiderio di notorietà, vuoi per denaro: difficile indagare e stabilire con precisione il meccanismo che porta un adulto a esporre sul web il proprio figlio. «Ma un aspetto interessante del fenomeno dei baby influencer è che nei nostri studi di psicoterapeuti spesso scopriamo che non sempre la spinta a questa esposizione social parte dai genitori» commenta l’esperta. «Passando tanto tempo in rete non è raro che siano gli stessi bambini o preadolescenti a chiedere l’apertura di canali social, dove sognano di imitare coetanei o adulti».

I rischi dell’esposizione sui social

«Non ci sono dubbi che un’esposizione precoce sui social comporti rischi sia a breve che a lungo termine» continua la psicoterapeuta. «In primis preoccupa la costruzione di un falso sé, di una maschera sociale diversa dal sé autentico, che viene creata proprio per trovare spazio su un palcoscenico potente e allo stesso tempo pericoloso come quello del web. L’approvazione sociale cercata dai baby influencer, capace di pilotare i gusti di chi li segue, alimenta il narcisismo dei piccoli, che spesso faticano a instaurare legami con i coetanei di tipo paritario. Da un lato i baby influencer si sentono ricercati perché oggetto di ammirazione, ma dall’altra spesso percepiscono di essere rifiutati perché invidiati e ritenuti superbi. Questo può comportare atteggiamenti di allontanamento ed esclusione da parte del gruppo dei pari, atteggiamenti che possono sfociare in episodi di bullismo vero e proprio. “A lei piace fare quei video, è come un gioco”, è un’affermazione di un genitore che accende in me, in qualità di psicoterapeuta, delle domande: lo fa per compiacere gli adulti? Questa bambina vive per se stessa o per lo sguardo dell’altro? Quando finiscono i likes cosa le resta? Come sta questa bambina? Per svolgere questo lavoro cosa perde in termini di esperienze formative? Del resto, per rendersi conto dei rischi che corrono i baby influencer, basta pensare alla “versione” adulta degli influencer e ai loro momenti di esaltazione e tracollo, gloria e fallimento, illusione e disincanto. Se è difficile gestire la fama per un adulto, che dovrebbe essere in linea di massima strutturato e capace di superare un fallimento, l’impresa può diventare ardua, e persino pericolosa per un sano sviluppo emotivo, per un bambino, con tutte le conseguenze che questo può comportare sul processo di crescita e maturazione».

 

Cosa succede con l’adolescenza

«Quando i baby influencer crescono e arrivano all’età dell’adolescenza la situazione si complica ulteriormente» continua la psicoterapeuta. «Sono tanti i ragazzi che si ribellano a scelte che non considerano proprie ma volute solo dai genitori; genitori che spesso vengono incolpati di aver strumentalizzato i figli solo per soddisfare i loro desideri. Quando ciò accade, la famiglia e i ragazzi rischiano di passare anni burrascosi tra breakdown adolescenziali, scontri, problemi scolastici e purtroppo non è raro imbattersi in vere e proprie diagnosi psichiatriche». Ma in fondo nel momento in cui il ragazzo riconosce di essere stato strumento nelle mani dei genitori e si oppone al prosieguo di una continua esposizione sui social, la situazione, pur con le sue problematiche a volte di non poco conto, tende verso la risoluzione. Diverso il discorso dei baby influencer che vorrebbero continuare ad esserlo. «Con l’adolescenza il corpo cambia, cambia la voce… e per chi vive di quell’immagine o di quella voce cosa può succedere?» si chiede la psicoterapeuta. «Mutati nell’aspetto, a causa del naturale processo di crescita, questi ragazzi possono vivere crisi adolescenziali ancora più difficili e complesse rispetto ai normali coetanei, sviluppando sentimenti di disistima, mancata accettazione, difficoltà di regolazione emotiva in genere, problemi relazionali e rabbia nei confronti dei genitori, che non ne hanno tutelato la privacy e assicurato loro una vita “normale”. “Volevo essere un bambino come tutti gli altri”, tendono a dire proprio nell’età in cui c’è bisogno di essere riconosciuti e accettati dal gruppo dei pari. E, se questi sono i possibili rischi psicologici della sovraesposizione mediatica di un minore, non sono da dimenticare quelli derivanti dall’essere dati in pasto a un pubblico molto ampio, eterogeneo, dove non mancano squilibrati e pedofili. Tante sono le molestie denunciate in quest’ambito: reati come il furto d’immagine e d’identità per fini pedopornografici e altro, senza contare l’influenza deleteria che eventuali messaggi critici e negativi possono avere sul minore, sottoposto a un bombardamento mediatico».

Esempi di baby influencer suicidi

Vincent Picchi, noto sul web come Inquisitor Ghost, morto suicida secondo il padre per colpa di chi voleva distruggere il suo personaggio su Tik Tok, e Leila Kaouissi, che sui social raccontava la sua storia di anoressia e bulimia misteriosamente scomparsa da casa, sono solo due esempi dell’impatto devastante che l’esposizione sui social può avere, soprattutto quando inizia dalla più giovane età. «Non si tratta di allarmarsi, né di preoccuparsi in maniera eccessiva» commenta l’esperta. «Ritengo che la tecnologia in sé non sia né buona né cattiva, ma che a fare la differenza sia sempre l’uso che se ne fa. Essere orgogliosi dei propri figli è un sentimento nobile; tuttavia è importante, come adulti, chiedersi che conseguenze l’esposizione dei bambini possa avere sulla loro salute. Dareste una Ferrari in mano a vostro figlio al posto della macchinina a pedali? Essere genitori, lo diceva anche Freud, è uno dei mestieri impossibili. Nella società in cui viviamo fare scelte educative comporta responsabilità e domande nuove a cui dare risposta. E’ facile giudicare i genitori, attribuire colpe e responsabilità, ma occorre fermarsi a pensare: quando si è presi dall’ansia, tutti noi ci rivolgiamo alla rete e lì non sempre troviamo riferimenti validi, più spesso palliativi per l’ansia, che vere e proprie risposte. Il mio consiglio è sempre quello di rivolgersi ai professionisti, perché scegliere di accompagnare i propri figli in un’avventura mediatica comporta un’enorme responsabilità e, forse, la consulenza specialistica può aiutare a porsi qualche domanda utile per proteggerli e crescerli al meglio».

 

Baby influencer: cosa dice la legge

La spunta blu che garantisce l’autenticità del profilo compare spesso sugli account dei più piccoli nonostante l’età per iscriversi alla piattaforma social sia in Italia di 14 anni. Già questo sta a testimoniare il fatto che aprire un account a nome di un minore di 14 anni, come spesso succede quando sono i genitori a spingere i figli a diventare protagonisti sui social, viola le norme. Ma il problema maggiore sta nel fatto che non esiste ad oggi una legge che tuteli i baby influencer né dal punto di vista lavorativo ed economico né su quello personale che coinvolge aspetti delicati legati alla tutela della privacy, al diritto all’immagine e alla reputazione. Un tema che riguarda anche un altro fenomeno diffuso sul web come quello dello sharenting, la condivisione di foto e video di minore sui social senza scopo di lucro. Nel caso dei baby influencer non esistono norme specifiche al riguardo, se non le regole che vengono strette tra i vari brand e i genitori e che si rifanno a disposizioni generali come quella che siano entrambi i genitori a prestare il consenso all’uso dell’immagine del minore. Persino la legge che vieta il lavoro minorile sotto i sedici anni lascia aperto uno spiraglio dove i baby influencer possono collocarsi: esiste infatti una deroga per gli impegni culturali, artistici, sportivi, pubblicitari o nel mondo dello spettacolo. Questa deroga richiede l’autorizzazione dell’Ispettorato territoriale del lavoro che deve verificare che le attività del minore non pregiudichino sicurezza, integrità psicofisica, sviluppo e frequenza scolastica. Ma aggirare la questione è semplice in mancanza di una normativa specifica. Di riferimento potrebbe essere il modello francese: Oltralpe esiste infatti già dal 2020 una legge che mira a tutelare i baby influencer regolando le ore di lavoro sui social, prevedendo una sorta di congelamento dei guadagni e la possibilità del diritto all’oblio qualora i ragazzi lo richiedano quando sono più grandi.

In copertina Foto di zak-chapman by Pexels

 
 
 

In breve

I baby influencer, esposti sui social fin da piccolissimi, corrono non pochi rischi. I genitori, che spesso sono i primi a spingere i figli a postare foto, video e reel, dovrebbero rendersi conto dei pericoli che nasconde una precoce attività sul web. Pericoli che minano una sana crescita emotiva e psicologica e che possono portare a un rifiuto da parte dei coetanei che può manifestarsi anche con episodi di bullismo.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti