Back to school: 7 consigli per ripartire alla grande

Francesca Scarabelli A cura di Francesca Scarabelli Pubblicato il 30/08/2023 Aggiornato il 30/08/2023

Tornare sui banchi di scuola può non essere facile dopo un'estate di divertimento e di svago. Vediamo qualche consiglio utile per favorire il back to school e tornare a studiare con serenità!

Back to school: 7 consigli per ripartire alla grande

Dopo una meritata vacanza al mare, in montagna oppure in città, arriva sempre il fatidico momento del ritorno sui banchi di scuola. Ci sono bambini impazienti di rientrare in classe e rivedere compagni e insegnanti, altri che invece preferirebbero rimanere in vacanza. Come affrontare il back to school in maniera serena, rendendo più facile il rientro a scuola dei nostri bambini? Vediamo insieme qualche consiglio utile per genitori e bimbi!

Come arrivare preparati all’inizio della scuola?

Il momento del ritorno alla routine quotidiana non è facile per gli adulti, figuriamoci per i bambini! Proprio per questo motivo è meglio preparare il terreno in maniera graduale, tornando piano piano alla routine che caratterizzerà i mesi scolastici. Non rientriamo quindi dalle vacanze all’ultimo momento: l’ideale sarebbe tornare a casa almeno un paio di settimane prima dell’inizio della scuola per riprendere confidenza con le vecchie abitudini. Cominciamo quindi a puntare la sveglia all’orario in cui dovranno destarsi nel periodo scolastico, in modo che il primo giorno di scuola non sia traumatico sin dal primo momento; per lo stesso motivo dovremmo tornare all’orario consueto anche per andare a nanna. Invitiamo poi i bimbi a finire i compiti delle vacanze, a ricontrollare quelli già eseguiti, a ripassare qualche materia oppure a leggere un libro per cominciare a calarsi nello spirito giusto.

Back to school

Foto di adonyig da Pixabay

Come aiutare emotivamente i bambini per la ripartenza della scuola

Per molti bambini quello del ritorno a scuola può essere un momento complicato. Per aiutarli dal punto di vista emotivo è necessario che tra genitori e bambini ci sia un rapporto di fiducia e di ascolto che possa incoraggiare i piccoli ad esprimere liberamente ansie e paure, in modo da poter essere aiutati a superare questi momenti di difficoltà. Per preparare al meglio il ritorno a scuola, anche durante le vacanze possiamo chiedere loro di ricordare qualche episodio divertente o positivo del loro anno scolastico, in modo da suscitare sentimenti positivi associati alla scuola e a invogliarli a tornare sui banchi. Se notate che il bimbo non esprime disagio in maniera verbale, ma accusa “strani” mal di pancia o mal di testa, aiutatelo a rilassarsi con attività creative oppure raccontando storie che li incoraggino ad esprimere le proprie preoccupazioni.

7 consigli per ripartire alla grande

Quali sono i consigli per rendere più leggero il back to school dei nostri bambini? Vediamone alcuni che possiamo provare a mettere in pratica!

Affrontare il back to school con gradualità

Durante le vacanze, si sa, ci si concede spesso di attardarsi a letto la mattina e di andare a letto un pochino più tardi la sera. La giornata, inoltre, non è scandita da orari precisi. È giusto che sia così, ma non si può pretendere che i bimbi tornino ad una routine rigida e regolare da un giorno all’altro: prepariamoli quindi con gradualità al ritorno alle vecchie abitudini, ad esempio tornando pian piano agli orari consueti per svegliarsi e per andare a letto e inserendo durante la giornata alcuni “appuntamenti fissi”, ad esempio con gli ultimi compiti delle vacanze. L’importante è che questi momenti siano alternati ad attività piacevoli, possibilmente all’aria aperta per godersi fino all’ultimo la libertà data dalle vacanze estive e non interrompere bruscamente questi momenti di spensieratezza.

Riprendere i contatti con i compagni di scuola

Durante l’estate spesso i contatti con i compagni di scuola si interrompono; riprenderli prima di andare a scuola può essere un buon incoraggiamento a tornare in classe. Parliamo quindi dei compagni di classe anche durante le vacanze, magari ricordando qualche episodio divertente, e invitiamo i bambini a scriversi cartoline dai posti di villeggiatura o a scambiarsi qualche messaggio. Prima del ritorno in classe, poi, una merenda insieme ai compagni preferiti o qualche ora di compiti insieme possono far tornare la voglia di andare a scuola con il sorriso.

Back to school

Foto di White77 da Pixabay

Riprendere confidenza con l’ambiente scolastico

Per sentirsi maggiormente a proprio agio in occasione del ritorno a scuola, possiamo ripercorrere insieme ai bimbi il percorso per arrivare a scuola, riprendendo confidenza con l’ambiente scolastico in cui vivranno nei mesi successivi.

Preparare tutto il materiale scolastico

Andiamo insieme ai bambini a scegliere libri, quaderni, astucci e tutto il materiale scolastico che servirà per affrontare il back to school. Nei limiti del possibile, consentiamo loro di esprimere i propri gusti e di personalizzare il proprio materiale, ad esempio decorando con qualche disegno le copertine o la prima pagina dei quaderni scegliendo un diario che li metta di buonumore, quando non è fornito dalla scuola, o decorando l’interno con qualche disegno o stickers, in accordo con le maestre!

Preparate l’angolo studio a casa

Se ne avete la possibilità, la cosa migliore sarebbe quella di allestire un angolo dedicato allo studio per i nostri bambini. Allestitelo insieme: basterà una scrivania ordinata con portapenne e tanto spazio per fare i compiti e uno scaffale su cui riporre ordinatamente i libri di scuola. Cogliete l’occasione per temperare le matite, verificare che tutte le penne scrivano e riporre in maniera ordinata libri e quaderni dell’anno precedente che non servono più.

Prendere l’abitudine di fare una buona colazione

Purtroppo non è raro che i bimbi arrivino a scuola senza aver fatto colazione o comunque senza aver mangiato a sufficienza per affrontare una mattinata di scuola con l’energia necessaria. La prima colazione è importante ed è quindi bene prendere questa buona abitudine: il back to school può essere l’occasione giusta per farlo! È vero, probabilmente non sarà facile far svegliare i bambini un quarto d’ora prima, ma è un buon modo per cominciare la giornata con il piede giusto!

Scegliere insieme le attività extrascolastiche

Per affrontare con maggiore entusiasmo il ritorno a scuola, nelle settimane prima di tornare sui banchi si possono scegliere insieme le attività extrascolastiche da svolgere durante l’anno scolastico. Diamo quindi ai bambini la possibilità di esprimere gusti e interessi, che potrebbero trasformarsi in passioni che li accompagneranno per tutta la vita. Oltre ad attività strutturate, come ad esempio attività sportive o lezioni di musica, scegliamo anche qualche attività da fare in famiglia, come ad esempio gite, visite culturali, spettacoli teatrali o letture condivise. Sarà un ottimo modo per trascorrere del tempo insieme!

In copertina foto di Innviertlerin da Pixabay

 

In breve

Dopo un’estate di svago e di divertimento arriva inesorabilmente il momento del ritorno a scuola. Il back to school non è mai un momento facile, ma per fortuna ci sono alcuni piccoli accorgimenti per far tornare i nostri bambini sui banchi di scuola con un bel sorriso e con il giusto entusiasmo.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti