Come insegnare ai bambini a lavare bene le mani: idee utili e divertenti

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 28/02/2024 Aggiornato il 28/02/2024

Un'abitudine molto importante per l'igiene sia da piccoli che da grandi. Ecco come insegnare ai bambini a lavare bene le mani.

Come insegnare ai bambini a lavare bene le mani: idee utili e divertenti

Lavarsi le mani è una delle norme igieniche più basilari ma anche più importanti. Permette, infatti, di limitare l’ingresso di germi nocivi all’interno dell’organismo, proteggendolo da diversi disturbi. Ecco perché è importante farlo spesso, fin da piccoli. In età infantile è una manovra ancora più essenziale visto che i bimbi nelle loro esplorazioni toccano molte cose e si portano spesso le mani alla bocca. Ecco allora come insegnare i bambini a lavarsi bene le mani.

Quando è necessario lavare le mani?

Le mani sono uno dei principali veicoli di contagio. Infatti, per contrarre germi patogeni e magari ammalarsi basta toccare un oggetto venuto a contatto con secrezioni infette e poi portare le mani alla bocca o al naso senza prima pulirle oppure stringere le mani di un individuo malato che si è appena coperto la bocca per starnutire. Per questo, si consiglia di lavarle spesso, così da ridurre i rischi. È fondamentale anche che i genitori insegnino questa semplice manovra ai figli per tutelarli. Infatti, i bambini piccoli tendono a mettere le mani dappertutto e poi a portarsele alla bocca, facilitando l’ingresso nell’organismo di moltissimi germi. Ma come insegnare ai bambini a lavarsi bene le mani? Innanzitutto, tenendo presente che è buona norma lavarsele in particolare:

  • prima di manipolare il cibo, cucinare e/o mangiare,
  • quando si va in bagno, a maggior ragione in un bagno pubblico,
  • dopo aver giocato ed esplorato, magari in terra,
  • se si è stati al parco o in giardino,
  • in seguito a colpi di tosse e starnuti e dopo essersi soffiati il naso,
  • al rientro da luoghi pubblici, come asilo, scuola o negozi,
  • se si usano mezzi di trasporto pubblici,
  • dopo aver toccano animali,
  • prima di andare a dormire,
  • ogni volta che si rientra in casa.


Come lavare le mani

Insegnare ai bambini a lavarsi bene le mani significa anche spiegare loro la modalità di esecuzione più corretta. Come suggerisce una ricerca britannica post Covid 19 ma anche l’Organizzazione Mondiale dalla Sanità, occorre utilizzare acqua e sapone e sfregare bene palmo, dorso, spazi fra le dita e polso, per almeno 20 secondi.

La quantità di sapone deve essere sufficiente per coprire tutta la superficie delle mani. Al termine sciacquare accuratamente le mani con l’acqua e asciugarle con attenzione. In assenza di acqua e sapone, si possono utilizzare anche i disinfettanti a base di alcol al 60%. Per essere certi dell’efficacia di questa manovra, però, assicurarsi di strofinare il disinfettante su tutte le superfici delle mani (anche il dorso dei guanti) finché non sono asciutte.

Ecco i passaggi da spiegare con semplicità ai bambini:

  1. aprire il rubinetto e bagnare le mani sotto acqua corrente pulita;
  2. chiudere il rubinetto e prendere il sapone, insaponando le mani;
  3. sfregare i palmi l’uno conto l’altro, poi i dorsi di entrambe le mani, i polsi, fra le dita e anche le unghie;
  4. continuare per almeno 20 secondi. Per tenere il tempo usare una clessidra o scegliere insieme a mamma e papà una canzoncina della durata giusta, da canticchiare ogni volta;
  5. aprire il rubinetto e risciacquare bene sotto acqua pulita e corrente;
  6. chiudere il rubinetto e asciugare le mani con un asciugamano pulito o con un asciugatore ad aria. 

Come insegnare a lavare le mani?

I genitori quindi devono preoccuparsi, oltre che dell’igiene delle proprie mani, anche delle manine sporche dei loro bambini: finché i figli sono piccoli, toccherà a mamma e papà tenerle pulite, ma progressivamente dovranno renderli autonomi anche in questo, come nel caso dell’insegnare a lavarsi da soli. Dunque, come insegnare ai bambini a lavarsi bene le mani? Innanzitutto, dando il buon esempio: come sempre quando si tratta di educazione e crescita dei bimbi, offrire un modello positivo e corretto è l’insegnamento più efficace e diretto. Gli adulti dovranno perciò essere i primi a lavarsi le mani con assiduità e nelle situazioni critiche. I figli, vedendoli giorno dopo giorno, assimileranno il loro comportamento, classificandolo come normale e automatico e tenderanno a metterlo in atto a loro volta. Sì, anche a spiegare loro l’importanza di questo gesto: fin da quando sono neonati, ogni volta che mamma e papà lavano le loro manine possono raccontare perché lo fanno. Ovviamente, le spiegazioni dovranno essere proporzionate all’età. In questo modo, crescendo, i bambini capiranno sempre meglio l’importanza di questa manovra di igiene e la faranno propria. È utile, quando l’età lo consente, anche dotarli di un piccolo gel mani a base alcolica, da usare quando sono fuori casa, per esempio al parchetto o in palestra.

Quali trucchetti usare per renderla una pratica divertente

Per insegnare ai bambini a lavarsi le manine si possono usare anche delle strategie divertenti. Eccone alcune molto semplici ma efficaci.

Giocare all’asilo

Scegliere insieme al bambino qualche bambola, pupazzo o barbie e lavare anche a loro le mani (per finta se non possono essere bagnati). Per esempio, si può giocare all’asilo: prima si gioca tutti insieme e poi, prima dell’ora della pappa, ci si mette in fila per andare in bagno e a turno ci si lava le mani. Approfittare di questo gioco per spiegare ai finti alunni, e quindi al bambino, quanto è importante curare l’igiene.

Creare delle filastrocche

Per aiutare i bambini a ricordare tutti i passaggi, si possono inventare insieme a lui delle filastrocche o delle canzoncine. Qualche idea? “Ecco arrivata l’ora di sfregare le manine e di farle muovere come ballerine” oppure “passa le dita proprio in mezzo e a causa del solletico riderai per un bel pezzo”.

Leggere dei libri a tema

Come insegnare ai bambini a lavarsi bene le mani quando non si rifiutano di farlo? In questi casi, si può chiedere aiuto ai libri. Molto indicato, per esempio, “Non voglio lavarmi le mani” di Ross Tony, in cui una principessa che non capisce perché deve sempre lavarsi le mani, un giorno scopre che esistono germi e batteri, che sono piccolissimi ma possono essere più pericolosi dei coccodrilli. In alternativa, si può leggere insieme al bambino “Tante storie per lavarsi le mani” di M. Gloria Pozzi, che ha per protagonista Tom l’orsetto lavatore, che racconta ai piccoli lettori le buone abitudini nelle diverse ore della giornata.

Foto in copertina di Kampus Production via Pexels.

 
 
 

In breve

Come insegnare ai bambini a lavarsi bene le mani? Armandosi di pazienza, spiegando tutti i passaggi in modo semplice e dando il buon esempio. E poi ricorrendo a piccoli trucchi, come fingere di lavare le mani ai loro pupazzi preferiti, cantare delle canzoncine o far finta di essere all’asilo tutti insieme. È importante insistere perché il lavaggio delle mani è una manovra igienica basilare, che protegge i bimbi da tanti germi potenzialmente pericolosi.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti