Come insegnare ai bambini ad allacciarsi le scarpe: i metodi più divertenti

Francesca Scarabelli A cura di Francesca Scarabelli Pubblicato il 15/04/2024 Aggiornato il 15/04/2024

Tanti metodi educativi e divertenti: Montessori, tecnica delle orecchie di coniglio o del topino, vediamole tutte e leggiamo cosa ne pensa l'esperta della Fondazione Montessori Italia.

Come insegnare ai bambini ad allacciare le scarpe

Quello di allacciarsi le scarpe per gli adulti è un gesto scontato che si esegue senza troppo pensarci, mentre per i bambini alle prese per le prime volte con i lacci può essere una bella sfida! Molti genitori, spesso su richiesta dei bimbi, tendono ad acquistare scarpe con il velcro: mettere e togliere le scarpe in questo modo diventa molto semplice anche per i più piccoli, ma non bisogna perdere di vista che imparare ad allacciarsi le scarpe è una conquista importante sulla strada per l’autonomia. Per fortuna ci sono molti metodi divertenti per insegnare ai bambini ad allacciarsi le scarpe, come ad esempio la tecnica del topolino o quella delle orecchie di coniglio, senza dimenticare i suggerimenti del metodo Montessori e gli strumenti montessoriani che possono venire in nostro aiuto.

Da che età cominciare? In realtà il momento giusto per proporre questa attività è quello in cui il bambino comincia ad esserne incuriosito; in questo modo imparerà più in fretta, anche se poi sarà necessaria tanta pratica. Prima di cominciare è necessario che il bambino abbia motricità fine e coordinazione occhio-mano sufficientemente sviluppate: questo di solito accade intorno ai 4-5 anni. In via del tutto generale intorno ai 6 anni i bimbi dovrebbero essere in grado di allacciarsi le scarpe, seppure con qualche incertezza, ma ogni bambino è unico e ha i suoi tempi per imparare!

Insegnare ad allacciare le scarpe con il metodo Montessori

Anche la pedagogista ed educatrice Maria Montessori era convinta che imparare ad allacciarsi le scarpe fosse una conquista fondamentale per un bambino, così come destreggiarsi tra i diversi tipi di allacciature quotidiane come zip o bottoni. A questo proposito, per insegnare ad allacciarsi le scarpe con il metodo Montessori possiamo avvalerci dell’aiuto di alcuni strumento particolari, che renderanno il compito piacevole e divertente.

Il telaio dell’allacciatura

Il telaio dell’allacciatura è uno strumento versatile e divertente, che possiamo usare anche per insegnare ai bambini come allacciarsi le scarpe (e non solo).

Dressing,Frame,(bow,Buckle,Button,Lace,Velcro,Zip,Hook,Eye

Si tratta di una tavola in legno su cui sono disposte diverse tipologie di allacciatura, come bottoni, zip e ovviamente i classici lacci. Aiutate il bambino a sperimentare, assicurandovi che il compito non sia frustrante ma evitando di sostituirvi a lui aiutandolo troppo. Potete invitare il piccolo a ripetere questo gesto più volte, magari usando lacci di colori, tessuti e lunghezze diverse.

Imparare a farlo con la scarpa Montessori

Cominciare a fare pratica allacciando le scarpe che si indossano può non essere semplice: a volte è più facile esercitarsi su un modello in cartone. Ancora una volta il metodo Montessori viene in nostro aiuto con la scarpa Montessori. Si tratta di una sagoma in cartone a forma di scarpa, che si può acquistare oppure realizzare con il fai da te decorandola a proprio piacere. L’importante è praticare dei fori in cui far passare i due lacci, magari di colore diverso: in questo modo il bambino potrà fare pratica tutte le volte che lo desidera con la necessaria calma e tranquillità.

scheda scarpe montessori

Scarpe Montessori da stampare e ritagliare

I consigli di Rossella Trombacco della Fondazione Montessori Italia

Abbiamo chiesto alla dottoressa Rossella Trombacco, co-founder della Fondazione Montessori Italia, qualche consiglio per affrontare insieme ai nostri bambini l’apprendimento di questa abilità.

“Il metodo Montessori non ha una “ricetta” particolare per insegnare ai bambini ad allacciarsi le scarpe – spiega la dottoressa – ma in generale prevede sicuramente molte accortezze per insegnare ai bambini la cura della persona. Nelle scuole Montessori si usa spesso il telaio delle allacciature, cioè un pannello di legno su cui sono fissati lembi in stoffa che possono essere chiusi con velcro, cerniere lampo, fibbie, bottoni, allacciature a scatto, spille da balia e fiocchi. Il bambino può quindi sperimentare diversi tipi di allacciatura in maniera progressiva e liberamente. La maestra può mostrare i giusti movimenti da compiere, poi sarà il bambino a poter sperimentare la sua manualità in maniera libera e senza imposizioni”.

E a casa?

“A casa, per imparare ad allacciare le scarpe possiamo lavorare con oggetti che abbiamo comunemente a disposizione per permettere al bimbo di sperimentare con nodi e allacciature in maniera gratuita e libera dalla contingenza: non dobbiamo quindi legare la possibilità di provare ad allacciare le scarpe solo al momento di uscire di casa, quando magari abbiamo fretta, ma lasciare che il bambino sia libero di sperimentare in qualsiasi momento della giornata in cui ne abbia voglia. Anche in questo caso è importante la gradualità: possiamo quindi invitarlo a infilare e sfilare calzini, ciabattine e infine le scarpine, passando poi all’allacciatura vera e propria”.

Come scegliere le scarpine “giuste”?

“L’importante è affrontare con gradualità la complessità dell’operazione di allacciatura, che è comunque un’abilità tardiva che, anche per bimbi che vengono esposti frequentemente a questo esercizio, non si acquisisce prima dei cinque o sei anni. Se quindi ai genitori piace un paio di scarpine con i lacci, possono sicuramente acquistarle anche per bambini molto piccoli. Anzi, vedere fin da piccoli (ad esempio a due anni) mamma e papà che eseguono il nodo e poi il fiocco con i lacci delle scarpine, lentamente e sempre nello stesso modo, abituerà il bambino a studiare il movimento e a collaborare, prima infilando semplicemente la scarpina e lasciandola allacciare ai genitori, poi aiutandoli a fare il nodo e infine il fiocco. L’importante è che la scarpina con i lacci non sia l’unica: si può abbinare ad una calzatura con il velcro che anche bimbi molto piccolo possono infilare e sfilare da soli”.

La tecnica delle orecchie di coniglio

Tra i metodi per insegnare ai bambini ad allacciarsi le scarpe in maniera divertente c’è la tecnica delle orecchie di coniglio, che probabilmente è una delle più utilizzate. Ecco i passaggi da seguire:

  • si prende un laccio in ogni mano;
  • il laccio che sta nella mano sinistra va incrociato su quello tenuto nella mano destra;
  • i lacci si incontreranno al centro: bisogna avvolgere il laccio destro sopra al sinistro formando una sorta di nodo, che si stringerà tirando entrambi i lacci;
  • a questo punto si deve fare un cappio il laccio destro tenendolo con pollice e indice, ripetendo l’operazione con il laccio sinistro: ecco le nostre orecchie di coniglio!
  • ora bisogna incrociare “l’orecchietta” sinistra dietro a quella destra, tirando poi il cappio di sinistra attraverso il foro che dovrebbe essersi formato tra le due “orecchie” e il nodo fatto in precedenza;
  • basterà tirare leggermente i due anelli per stringere il nodo.

C’è anche una filastrocca che può essere utile per memorizzare meglio questa sequenza:

  • il coniglietto ha due orecchie: si fanno le due asole;
  • gira intorno all’albero: un’asola gira intorno all’altra;
  • e va nella sua tana: l’asola viene infilata nel buco;
  • tira forte!
Tecnica orecchie coniglio

Tecnica delle orecchie di coniglio per imparare ad allacciare le scarpe

La tecnica del topino

C’è anche la tecnica del topino per imparare ad annodare i lacci delle scarpe, leggermente più difficile dell’altra ma forse ancora più comune:

  • annodate i due lacci;
  • formate un’asola con il laccio sinistro;
  • fatevi girare intorno il laccio destro;
  • infilate il laccio destro nel nodo che si è creato;
  • tirate per formare la seconda asola.

Anche in questo caso una filastrocca può aiutare i più piccoli a ricordare i gesti da compiere: il topino costruisce una casetta, ci gira intorno ed esce dall’altra parte.

Tecnica del topolino

La tecnica del topolino per imparare ad allacciare le scarpe

Alcuni consigli utili

Non dimentichiamo che imparare ad allacciare le scarpe può non essere semplice, quindi il compito di ogni genitore non è solo quello di non perdere la pazienza aiutando il bimbo ad esercitarsi più e più volte, ma anche quello di incoraggiarlo e di lodarlo anche per i più piccoli passi avanti, dandogli così l’autostima necessaria per acquisire una competenza che gli servirà per tutta la vita. Ecco poi alcuni consigli pratici che possono facilitare il compito:

  • usare un telaio per l’allacciatura, una scarpa Montessori o comunque una superficie piatta, su cui potrebbe essere più semplice esercitarsi rispetto ad una scarpa vera;
  • utilizzare lacci di colore diverso per identificarli meglio;
  • scegliere lacci più rigidi, in modo che rimangano in posizione mentre i bambini cercano di annodarli;
  • assicurarsi che i lacci scelti siano abbastanza lunghi per poterli annodare comodamente. Lacci troppo corti renderebbero il compito ancora più difficile.

Schede utili da stampare per imparare ad allacciarsi le scarpe

Scheda da stampare metodo Montessori.pdf

Scheda da stampare tecnica del topolino.pdf

Scheda da stampare tecnica orecchie coniglio.pdf

 

In copertina foto di congerdesign da Pixabay

 
 
 

In breve

Imparare ad allacciarsi le scarpe non è un compito semplice: ci vuole un po’ di pratica e, ovviamente, il metodo giusto. Vediamo insieme alcune delle tecniche più comuni per acquisire questa importante competenza!

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Colesterolo alto in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

14/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Durante la gravidanza un aumento del valore del colesterolo (entro certi limiti) è fisiologico, tuttavia ogni caso va considerato a sé quindi spetta al ginecologo curante stabilire, in base alla storia clinica della singola donna, se l'incremento può essere o no la spia di qualcosa che non va.   »

Bassa statura di una ragazzina in prossimità del menarca: aumenterà ancora un po’?

09/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La statura è influenzata in modo rilevante dalla genetica, ma gioca un suo ruolo anche l'eventualità che il bambino sia nato pretermine. In ogni caso, anche dopo l'arrivo della prima mestruazione (menarca) le ragazze in genere continuano a crescere di alcuni centimetri.  »

Ginnastica prepuziale nei piccolissimi: perché non si deve fare?

08/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Forzare il prepuzio di un piccolino a scendere verso il basso fino a scoprire il pene può essere pericoloso. la fimosi fisiologica è un meccanismo di difesa voluto dalla natura che fa sempre le cose per bene.   »

Fai la tua domanda agli specialisti