Come insegnare i verbi ai bambini

Francesca Scarabelli A cura di Francesca Scarabelli Pubblicato il 19/02/2024 Aggiornato il 19/02/2024

Vi state chiedendo come insegnare i verbi ai bambini? Sembra un compito difficile, ma con le giuste strategie potrebbe diventare più semplice e addirittura divertente!

Come insegnare i verbi ai bambini

Per molti bambini imparare i verbi non è affatto semplice, soprattutto quando si tratta di mandare a memoria tempi verbali e coniugazioni. La buona notizia è che ci sono metodi per insegnare i verbi ai bambini in maniera semplice e persino divertente, avvalendoci anche di alcuni giochi. Vediamo insieme come fare!

Quando i bambini imparano i verbi?

Se si parla di sviluppo del linguaggio, è noto che i bambini tendono ad imparare e ad esprimersi prima con i nomi, ma è importante parlare con loro usando correttamente i verbi, in modo che imparino presto a combinare le parole tra loro e a comporre brevi frasi, anche se ogni bambino ha i suoi tempi che vanno rispettati. Se invece si parla di come insegnare i verbi ai bambini spiegandogli i tempi verbali, le loro particolarità e le diverse coniugazioni, il momento giusto per farlo è quello della scuola primaria.

Da dove cominciare?

Esistono diversi metodi per insegnare i verbi ai bambini e il nostro compito sarà quello di individuare quello che risponde meglio alla predisposizione dei nostri bambini per poter apprendere i verbi in tutta la loro complessità. In genere si parte dai verbi avere ed essere e si insegnano nell’ordine: indicativo, congiuntivo, condizionale, imperativo, infinito, participio e gerundio, affidandosi a schemi, giochi e strategie mentali. Ci sono però dei piccoli accorgimenti che possono aiutare molto i nostri bambini in questo compito e che si possono mettere in pratica fin da quando sono molto piccoli per permettere loro di imparare i verbi con maggiore scioltezza quando sarà il momento.

Per prima cosa, sarebbe bene parlare ai bambini, anche molto piccoli, coniugando correttamente i verbi, senza semplificare le nostre frasi usando solamente l’indicativo: questo metterà delle buone basi per l’apprendimento futuro e insegnerà ai bimbi a cogliere tutte le sfumature della nostra lingua. Anche la lettura è importante: leggere insieme ad alta voce libri per bambini adatti alla loro età permette di assimilare la grammatica e i verbi fin da piccoli in maniera indiretta. È poi importante che i bambini imparino a riconoscere i verbi all’interno delle frasi: aiutateli a riconoscerli chiedendogli ad esempio di individuare l’azione all’interno di una breve frase.

Come insegnare i verbi ai bambini? Il tabellone dei verbi

Tabella dei verbi da completare

Tabella dei verbi da completare

Uno dei metodi più classici per insegnare i verbi ai bambini consiste nel tabellone dei verbi, suddiviso in tante caselle. Si comincia dal modo indicativo: ogni casella contiene tutti i tempi verbali e la loro coniugazione completa; si passa poi a congiuntivo, condizionale, imperativo, gerundio, participio e infinito. Si possono fare per i verbi essere e avere e poi per i verbi in -are, -ere, -ire. I bambini possono utilizzare questo strumento, completo in ogni sua parte, per studiare o ripassare; si può anche crearne delle versioni con alcune righe vuote, che i bambini dovranno compilare.

Come insegnare i verbi ai bambini con attività e giochi

Ci sono anche alcune attività più interattive per insegnare i verbi ai bambini, per aiutarli a sperimentare con tempi e i modi verbali in modo da consolidare le loro conoscenze. Vediamo insieme cosa possiamo proporre ai nostri bimbi:

  • l’analisi dei verbi che si trovano nei libri, chiedendosi ad esempio perché sia al passato, al presente o al futuro;
  • le targhette Montessori, delle tessere di cartoncino che permettono ai nostri bambini di abbinare verbi e pronomi;
  • giocare a Scarabeo, usate le lettere del gioco “Scarabeo”e aiutate il vostro bambino a comporre delle frasi o delle parole, potrebbe anche essere utile per le coniugazioni, visivamente sarà più facile vedere come una singola lettera possa fare la differenza nel tempo verbale.
  • il memory dei verbi: sparpagliate dei cartoncini coperti sul tavolo e invitate i bambini a girarne due alla volta, per poi coprirli di nuovo. Ricordandosi la loro posizione, dovranno accoppiare i cartoncini due a due, ma invece di trovare due immagini identiche da appaiare, dovranno associare la descrizione del tempo verbale e una frase di esempio;
  • una piccola gara con gli amichetti a colpi di coniugazioni; il premio potrebbe essere una bella merenda tutti insieme oppure la realizzazione di un piccolo desiderio;
  • l’uso di filastrocche e canzoncine: rime, filastrocche e canzoncine possono davvero aiutare la memoria dei nostri bambini, anche per imparare i verbi. Abbiniamo quindi una musica ad ogni coniugazione e decliniamola a tempo: sarà utile e divertente! Se siete particolarmente fantasiosi potete comporre piccole filastrocche che mettano in rilievo l’uso dei diversi tempi verbali usando rime e assonanze.

Qui di seguito trovate la scheda da compilare e le tabelle di alcuni verbi, già coniugati, realizzate da noi e pronte da stampare.

Tabella dei verbi da compilare.pdf

Tabella del verbo “avere”.pdf

Tabella del verbo “essere”.pdf

Tabella del verbo “studiare”.pdf

 

In copertina foto di Gustavo Fring via Pexels.com

 
 
 

In breve

Imparare tempi e modi verbali non è semplice, quindi come insegnare i verbi ai bambini in maniera semplice e divertente? Forse non ci crederete, ma attività e strategie non mancano!

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si può dare l’acqua ai piccolissimi?

22/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Ad allattamento ben avviato, quindi più o meno dopo le prime settimane di vita, se ragionevolmente si ritiene che il bebè possa avere sete (o se si notano segni di disidratazione, come il pannolino asciutto per molte ore) gli si possono offrire piccole quantità d'acqua. Se fa numerose poppate nell'arco...  »

Coppia con bisnonni in comune: ci sono rischi per i figli?

22/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Il grado di parentela dovuto a bisnonni in comune non aumenta la probabilità di concepire figli con malattie ereditarie. A meno che vi siano persone malate o disabili tra i consanguinei in comune,   »

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti