Come insegnare le divisioni ai bambini: metodi, attività, giochi e trucchi

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 24/10/2023 Aggiornato il 25/10/2023

Insegnare le divisioni ai bambini in modo semplice è possibile e può essere anche molto divertente. Scopriamo alcuni trucchi, attività e giochi per imparare a conoscere dividendo, divisore, quoziente e resto.

Come insegnare le divisioni ai bambini: metodi, attività, giochi e trucchi

La matematica è tra gli insegnamenti cruciali per la fase di apprendimento di ogni bambino e per il suo sviluppo. Materia già di per sé non così immediata, quella dei numeri e dei calcoli ha nelle divisioni uno dei primi veri ostacoli per i piccoli che la approcciano per la prima volta.

Ovviamente, l’apprendimento dei concetti fondamentali alla base delle modalità con cui risolvere alla perfezione una divisione passa dalle lezioni in classe. Esistono, però, dei metodi e degli escamotage che permettono al bambino di affinare la tecnica e padroneggiare al meglio questo fondamentale della matematica.

Come approcciare le divisioni con un bambino?

Tra i consigli preliminari che ci sentiamo di suggerire non solo in questo specifico caso, ma in linea generale quando si vuole supportare un bambino nello studio, c’è certamente quello di avere sempre pazienza e voglia di ascoltare i bisogni del piccolo e di sostenerlo senza farlo sentire inadeguato. Muniamoci, perciò di creatività e voglia di trascorrere del tempo di qualità insieme, pronti a vincere uniti questa sfida.

Metodi per imparare a fare le divisioni

1. Contestualizziamo la divisione con una storia

Insegnata solitamente attorno ai 7-8 anni, la divisione è preceduta praticamente sempre dall’insegnamento della moltiplicazione. Ecco, perché assicurarsi che il bambino abbia già una buona comprensione delle tabelline e delle altre operazioni renderà più semplice il collegamento alle divisioni. Partendo da ciò, si può rendere lo studio più coinvolgente utilizzando una storia che aiuti a contestualizzare i numeri.

Raccontate ai bambini come la divisione è stata inventata per risolvere problemi pratici come la suddivisione di una torta di compleanno tra amici può aiutarli a vedere la divisione come uno strumento utile nella vita di tutti i giorni. Il primo vero passo per approcciare le divisioni è, però, quello di permettere al bambino di comprendere a fondo i concetti alla base del calcolo, spiegando attraverso esempi come si tratti di un processo di suddivisione di un numero (il dividendo) in parti uguali (il quoziente) tante quante è il valore del secondo numero (il divisore) e che può avanzare qualcosa… (il resto).

2. Oggetti e cibo per fare le divisioni

Utilizzare oggetti reali come le matite o una classica mela (magari facendoci poi merenda insieme) aiuta a introdurre i concetti di divisore, dividendo, quoziente e resto e, al tempo stesso, a focalizzare e rendere tangibile e visivo il concetto alla base di tutto. Chiedete, dunque, loro di suddividere le matite o le fette della mela in gruppi, distribuendoli una alla volta a ciascuno fino a esaurirle tutte. A questo punto, contare insieme quanti oggetti avete in mano voi e quanti ne hanno loro per ottenere il quoziente. Questo metodo introduce alla perfezione al calcolo delle divisioni e si rivela una scelta vincente.

3. Partiamo da divisioni con numeri semplici

Da qui, si può partire a fare i primi veri e propri calcoli. Ovviamente, iniziamo con situazioni semplici da risolvere e con numeri che riescano a restituire un risultato intero, lasciando a un secondo momento i casi particolari e le situazioni meno immediate come la gestione del “resto” e le divisioni per zero. 4 diviso 2, 6 diviso 3 o 10 diviso 5, sono calcoli semplici, che permettono anche di mettere in relazione le divisioni alle moltiplicazioni e alle tabelline, accrescendo la padronanza del mondo dei numeri nei bambini.

4.Divisioni in colonna: aiutiamoci con i colori 

Una volta appreso il meccanismo, possiamo provare ad alzare il livello e proporre una divisione in colonna a due cifre più complessa. prima senza resto, poi con. In questo procedimento, una grossa mano ce la possono dare i colori. Infatti, cambiando colorazione a ogni passaggio, si permette al bambino di dare un senso a quello che vede scritto sul foglio e avere chiara la sequenza dei passaggi compiuti per arrivare al risultato. Non diamo nulla per scontato e riportiamo sul foglio ogni singolo passaggio, dalle moltiplicazioni per calcolare quante volte il divisore “entra” nel dividendo alle sottrazioni per calcolare i vari passaggi.

5. Metodo Montessori per le divisioni: il tavoliere a 81 fori

Un metodo molto utilizzato e intuitivo, che si può insegnare anche in età prescolare, è quello psicomotorio tipico delle scuole montessoriane. Attraverso questa impostazione, infatti, si permette ai piccoli di abbinare gestualità delle mani, oggetti, gioco e apprendimento in qualsiasi tipologia di calcolo. Per quanto riguarda le divisioni, ci si serve di un tavoliere quadrato a 81 fori strutturati su nove righe e nove colonne, con una struttura a griglia simile a quella delle tabelline e una dotazione di palline colorate e nove birilli.

Sulla prima riga (colorata) sono segnati i numeri da 1 a 9, che rappresentano il divisore (o i personaggi della nostra storia a cui distribuire in pari quantità il dividendo, i birilli). I numeri in verticale rappresentano, invece, il quoziente della divisione. Raccolto tutto l’occorrente, si sceglie la divisione da risolvere. Se, per esempio, occorre risolvere 10 diviso 5, verranno posizionati cinque birilli sulla prima riga e dal sacchetto delle palline se ne prendono 10. A questo punto, il bambino distribuirà una pallina a ogni birillo, fino a esaurirle. Il numero verticale raggiunto con le colonne di palline è il risultato dalla divisione, il quoziente.

Giochi per imparare le divisioni divertendosi

Come in molti altri ambiti, una delle chiavi più efficaci per l’apprendimento è l’approccio creativo e capace di coinvolgere i piccoli. In tal senso, anche con le divisioni, passare dal gioco e da attività stimolanti può essere la scelta vincente.

1. Gioco del sole

Il “gioco del sole” è un modo eccellente per introdurre i bambini alle divisioni in modo divertente. Disegnate un grande cerchio sulla lavagna o sul pavimento. I bambini si mettono in cerchio attorno al sole. Ora, un bambino tira un dado e il numero ottenuto rappresenta il divisore. Gli altri bambini dovranno trovare un numero che possa essere diviso per il divisore senza resto e saltare su di esso. Per esempio, se il divisore è 3 e un bambino è su un numero divisibile per 3, prende un punto! Il gioco continua fino a quando tutti i bambini hanno ricevuto la propria ricompensa ricompensa.

2. Tombola della divisione

La tombola è un classico gioco che può essere facilmente adattato per insegnare la divisione ai bambini. Preparate delle cartelle da tambola con operazioni di divisione e dei fogli con risultati. I bambini dovranno risolvere le divisioni e cercare il risultato corrispondente sulle loro cartelle. Questo gioco non solo rafforza la comprensione della divisione ma migliora anche le abilità di risoluzione dei problemi.

3. La divisione del tesoro

Immaginate di essere pirati in cerca di un tesoro nascosto. Nascondete oggetti come monete, caramelle o piccoli giocattoli in una scatola o in una stanza. Ora, i bambini dovranno dividerli equamente tra loro. Ad esempio, se ci sono 12 monete e 4 bambini, quanti ne riceve ognuno? Questo gioco non solo coinvolge i bambini in una caccia al tesoro entusiasmante, ma li mette anche di fronte a situazioni di divisione del mondo reale.

4. Torneo matematico delle divisioni

Organizzate un torneo matematico delle divisioni tra i bambini, in cui affrontano sfide di divisione a coppie o in squadre. Potete creare una serie di carte con problemi di divisione di diversi livelli di difficoltà. Man mano che risolvono i problemi, i bambini accumulano punti. Alla fine, la squadra con il punteggio più alto riceverà una piccola ricompensa. Questo gioco incoraggia la competizione amichevole e la pratica costante.

5. Puzzle matematici per le divisioni

I puzzle matematici possono essere una fantastica risorsa per insegnare la divisione. Trovate puzzle o rompicapi che richiedono la divisione per essere risolti. Per esempio, un puzzle con tessere che rappresentano frazioni può aiutare i bambini a comprendere la divisione come suddivisione in parti uguali.

6. App educative

Utilizzate app educative che rendono la divisione un gioco interattivo. Molte app offrono sfide e premi per incoraggiare il progresso e la pratica costante. Assicuratevi di scegliere app adatte all’età dei vostri bambini. Una piattaforma internet molta apprezzata e ricca di attività e che vi abbiamo già consigliato per lo studio delle tabelline, è WordWall.

7. Carte della divisione

Create un mazzo di carte con divisioni su un lato e le risposte sull’altro. I bambini possono fare squadre e sfidarsi a vicenda a risolvere le divisioni il più velocemente possibile. Questo gioco può essere un modo efficace per migliorare la velocità e la precisione nella divisione.

8. Musica e canti didattici

La musica è un potente strumento didattico. Trovate canzoni o canti didattici sulla divisione che coinvolgano i bambini in modo creativo e divertente. Cantare le tabelline della divisione può aiutare a memorizzare i fatti matematici in modo giocoso.

Insegnare le divisioni ai bambini attraverso il gioco rende l’apprendimento matematico coinvolgente e divertente. I bambini impareranno meglio, divertendosi e sentendosi coinvolti. Sperimentate con questi giochi e metodi e osservate come la matematica possa diventare un’avventura entusiasmante per i vostri piccoli. La divisione non sarà mai stata così divertente!

Foto di copertina di Monstera Production da Pexels

 
 
 

In breve

Aiutare i bambini a comprendere le divisioni non è semplice, ma grazie ad alcuni trucchi e giochi risulterà tutto più semplice e anche la matematica sarà rivelarsi più divertente.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Colesterolo alto in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

14/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Durante la gravidanza un aumento del valore del colesterolo (entro certi limiti) è fisiologico, tuttavia ogni caso va considerato a sé quindi spetta al ginecologo curante stabilire, in base alla storia clinica della singola donna, se l'incremento può essere o no la spia di qualcosa che non va.   »

Bassa statura di una ragazzina in prossimità del menarca: aumenterà ancora un po’?

09/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La statura è influenzata in modo rilevante dalla genetica, ma gioca un suo ruolo anche l'eventualità che il bambino sia nato pretermine. In ogni caso, anche dopo l'arrivo della prima mestruazione (menarca) le ragazze in genere continuano a crescere di alcuni centimetri.  »

Ginnastica prepuziale nei piccolissimi: perché non si deve fare?

08/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Forzare il prepuzio di un piccolino a scendere verso il basso fino a scoprire il pene può essere pericoloso. la fimosi fisiologica è un meccanismo di difesa voluto dalla natura che fa sempre le cose per bene.   »

Fai la tua domanda agli specialisti