Fecondazione assistita o adozione: ancora troppe difficoltà

Roberta Camisasca Pubblicato il Aggiornato il 10/08/2018

La strada è in salita per chi vuole un bambino attraverso la fecondazione assistita o adozione: le coppie sono sole fra burocrazia e infinite liste d’attesa

In Italia la fecondazione assistita è ancora una strada in salita. Chi decide di farvi ricorso, rivela in un rapporto la dottoressa Rebecca Abigail Autorino, psicologa clinica e responsabile del progetto “Insieme”, che si occupa di accompagnamento e supporto psicologico e sociale delle coppie, è costretto ad affrontare ostacoli, discriminazioni e disparità legislative. L’infertilità, invece, è un problema che necessita di essere non solo riconosciuto e trattato: cure mediche e accompagnamenti psicologici dovrebbero essere un diritto per ogni coppia. Le cose non cambiano se si vuole adottare un bambino). Insomma, chi vuole un bimbo attraverso la fecondazione assistita o adozione ha davanti a sé un percorso a ostacoli.

Tariffe diverse da Regione a Regione

Riguardo la Procreazione medicalmente assistita il Servizio sanitario nazionale non dà a tutte le coppie la possibilità di accedervi con tariffe uniformate in tutto il territorio nazionale: nonostante questa procedura sia ormai inserita nei nuovi Lea, manca una tariffa unica di rimborso nei centri convenzionati nelle varie regioni, ricorda l’avvocato Gianni Baldini, direttore generale della Fondazione della Pma, che, in collaborazione col Progetto Insieme, la Società scientifica Pamegeiss e le associazioni storiche di pazienti SoS Infertilità e l’Altra Cicogna Onlus, si sta occupando del problema. Le prime coppie hanno già ottenuto possibilità di rimborso e autorizzazioni a effettuare la Pma fuori regione senza affrontare lunghe liste d’attesa nei centri pubblici regionali, come accade in diverse regioni del Sud Italia.

Tempi biblici per le adozioni

Anche gli iter di adozione nazionale e internazionale necessitano di profondi cambiamenti, non solo nelle modalità di accompagnamento delle coppie ma anche nei supporti economici, per l’adozione internazionale, e nei lunghi tempi d’attesa: dai 2 ai 4 anni, per ottenere l’idoneità dal Tribunale per i minorenni. Insomma che sia con fecondazione assistita o adozione, avere un bambino per le coppie infertili è ancora troppo difficoltoso. C’è poi – tutt’altro che di poco conto – il problema delle spese: una recente ricerca del Cergas Bocconi colloca il valore del costo sostenuto dagli enti sul territorio nazionale in almeno 7.500 euro, che si trasferiscono poi sulle famiglie, rendendo molto oneroso il percorso adottivo, specie in un contesto complessivo di crisi economica.

 
 
 

Lo sapevi che?

Secondo l’Anfaa, Associazione nazionale famiglie adottive e affidatarie, ogni anno si registrano mediamente oltre 90 decreti di adozione ogni 100 dichiarazioni di adottabilità.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Posso prendere la spirulina per il ferro basso? Meglio di no

E' normale, in gravidanza, che si verifichi una diminuzione dell'emoglobina nel sangue, ma il ricorso alla spirulina è sconsigliato per porvi rimedio. Si deve invece porre grande attenzione alla dieta ed, eventualmente, assumere il ferro (su prescrizione del ginecologo).  »

Richiamo antivaricella: è da fare in vista del concepimento?

Il richiamo della vaccinazione contro la varicella è senza dubbio da effettuare in vista di una gravidanza. E' importante però essere sicure che il concepimento non sia già avvenuto. Ma non è questo l'unico vaccino con cui è bene "essere in regola" prima del concepimento.   »

Non saranno troppo tutti questi vaccini assieme?

Le vaccinazioni mettono al riparo dal rischio che il bambino sia colpito da malattie terribili, che possono mettere a repentaglio la sua vita. I vaccini combinati sono l'opzione migliore, quindi vanno effettuati senza timori, nella certezza che siano una protezione irrinunciabile.   »

Fai la tua domanda agli specialisti