I genitori sono più felici se mettono i figli al primo posto

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/01/2014 Aggiornato il 14/01/2014

Un recente studio dimostra che i genitori più soddisfatti e sereni sono quelli che vivono in funzione dei figli 

I genitori sono più felici se mettono i figli al primo posto

Sono anni che i genitori si sentono ripetere quanto sia importante ritrovare i propri spazi, evitando di dedicarsi esclusivamente ai figli. Tutto sbagliato? Sì, secondo uno studio olandese, condotto da un team di ricercatori dell’Università di Amsterdam e pubblicato sulla rivista Social Psychological and Personality. Infatti, mamma e papà sono più felici se si buttano a capofitto nella gestione dei figli.

Misurato il coinvolgimento

La ricerca ha coinvolto 322 genitori. Gli autori hanno cercato innanzitutto di indagare il loro stato d’animo e di benessere, sottoponendoli a test psicologici. In questo modo, hanno cercato di capire se fossero felici, appagati e soddisfatti della propria vita o se nutrissero malesseri e inquietudine. In un secondo momento, li hanno invitati a rispondere a domande mirate, per capire il loro grado di “figli-centrismo”, ossia il loro livello di coinvolgimento nella vita dei propri figli.

Risultati inaspettati

Incrociando i risultati dei vari test, gli studiosi hanno fatto una scoperta sorprendente. Dall’analisi, infatti, è emerso che i genitori totalmente dediti ai figli sono più felici e soddisfatti di quelli che non rinunciano ai propri interessi. Infatti, la cura e l’impegno dedicati alla crescita dei bambini danno un senso e un significato tutto speciale alla vita. Insomma, rinunciare a se stessi in favore della prole arricchisce e stimola. Le coppie che cercano di barcamenarsi fra famiglia, lavoro, vita sociale e persone, invece, sono risultate le più stressate e le meno appagate.

I consigli per mamma e papà

Stando a questo studio, quindi, mettere al primo posto i propri figli è garanzia di benessere e gioia. Indubbiamente, cercare di conciliare tutto è davvero difficile. Correre da un impegno all’altro può portare più svantaggi che benefici. Meglio, perciò, rinunciare a un’uscita con le amiche, a una sessione di allenamento o all’appuntamento dal parrucchiere? Sicuramente, dedicarsi ai propri figli e seguirli passo passo è importante e piacevole. È bene, però, non annullarsi completamente. Fare una telefonata all’amica, ritagliarsi 10 minuti per un bagno caldo, lasciare una sera i bambini ai nonni o alla baby-sitter non sono traguardi così impossibili. 

In breve

BANDO AI SENSI DI COLPA

Le coppie che, dopo la nascita dei figli, mantengono gli impegni e gli interessi di prima non devono sentirsi in colpa. Essere genitori non significa necessariamente pensare solo ai propri bambini. È bene che ciascuno assecondi le proprie esigenze. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza e paura di effettuare il tampone vaginale

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante i nove mesi di gestazione, effettuare il tampone vaginale non espone ad alcun rischio, quindi può essere affrontato in assoluta tranquillità.   »

Placenta vicina all’OUI: potrebbe allontanarsi?

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel corso della gravidanza la placenta può spostarsi dall'orifizio uterino in quanto l'utero gradualmente si distende in lungo e in largo  »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti