Il Covid-19 svuota le culle: si prevedono 10mila nascite in meno

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 20/08/2020 Aggiornato il 20/08/2020

Questo il dato emerso dalle stime dell’Istat. Il Covid rischia di condizionare le nascite nei prossimi anni in un contesto di fecondità già bassa

Il Covid-19 svuota le culle: si prevedono 10mila nascite in meno

In Italia il numero medio di figli per donna oggi è di 1,29, nonostante il desiderio dichiarato del 46% delle coppie sia quello di metterne al mondo due. La caduta della nascite potrebbe subire un’ulteriore accelerazione nel periodo post-Covid-19. Recenti simulazioni, che tengono conto del clima di incertezza e paura creato dalla pandemia, mettono in luce un primo effetto nell’immediato futuro; un calo che dovrebbe mantenersi nell’ordine di poco meno di 10mila nati, ripartiti per un terzo nel 2020 e per due terzi nel 2021.

Paura del futuro

La prospettiva peggiora se si tiene conto anche delle ricadute negative sull’occupazione. I nati scenderebbero a circa 426mila nel bilancio finale del corrente anno, per poi ridursi a 396 mila, nel caso più sfavorevole, in quello del 2021.  È questo lo scenario presentato dal rapporto annuale dell’Istat, Istituto nazionale di statistica.

Nei desideri degli italiani almeno due figli

A fronte di una fecondità reale in costante calo dal 2010 e che ci riporta agli stessi livelli di 15 anni fa, gli italiani continuano a immaginare una famiglia con due figli, evidenziando un significativo scarto tra quanto si desidera e quanto si riesce a realizzare. Ben il 46 per cento degli italiani desidera avere due figli. Il 21,9% tre o più. Solo il 5,5% ne desidera uno. Le aspettative si abbassano a partire dai 40 anni, quando diventa più alta, seppure non maggioritaria, la quota di coloro che ne vogliono solamente uno (20,8 per cento tra 40 e 44 anni).

C’è chi dice no

Secondo l’indagine Istat sarebbero solo 500mila gli individui tra i 18 e i 49 anni che affermano che fare figli non rientra nel proprio progetto di vita: una componente che include, nella metà dei casi, persone che hanno superato i 40 anni e che prendono atto delle difficoltà di avere figli in età avanzata. Altri 2 milioni e 200mila (più della metà ha superato i 40 anni) non ha figli e non intende averne per ragioni di età o perché non ha un partner, o per problemi di salute. Ci sono poi gli indecisi: il 25,4% esprime un desiderio di maternità o paternità senza però saper indicare il numero di figli desiderato.

 

 
 
 

Da sapere!

Il desiderio di avere figli resta comunque elevato, anche quando è difficile realizzarlo. Tra il 2010 e il 2017 il numero di coppie che hanno fatto ricorso alla Pma (Procreazione medicalmente assistita) è aumentato del 12%, il numero di gravidanze ottenute del 24% e il numero di nati vivi del 12%.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti