Italiani pigri: bicicletta sconosciuta e a scuola in auto

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 21/11/2018 Aggiornato il 21/11/2018

Gli italiani sono un popolo di pigri: poco avvezzi a utilizzare la bicicletta per raggiungere il lavoro o ad accompagnare a scuola i figli a piedi

Italiani pigri: bicicletta sconosciuta e a scuola in auto

A puntare il dito contro gli italiani pigri sono i dati rilevati dalle sorveglianze della popolazione Okkio alla salute e Passi, pubblicati sul sito Epicentro dell’Istituto superiore di sanità (Iss). Sono ancora troppo pochi gli italiani che scelgono di utilizzare la bicicletta. E anche per gli spostamenti brevi, come potrebbe essere il tragitto verso la scuola, preferiscono prendere l’automobile. In questo modo anche i bambini crescono pigri e più a rischio di incorrere nell’obesità infantile.

Inseparabile automobile

L’Italia è tra i primi Paesi al mondo per l’utilizzo dell’automobile nel tragitto verso la scuola. La percentuale di bambini che va a scuola a piedi o in bicicletta è ferma al 27%. Contro il 62% degli scolari accompagnati in automobile. Solo il 10% usufruisce dei servizi di scuolabus. I dati della rilevazione di Okkio alla Salute svolta nel 2016 evidenziano però delle differenze, legate soprattutto a fattori territoriali.

Il Nord è più virtuoso

Al Nord è più facile incrociare un bambino in sella alla bicicletta o a piedi, con una percentuale che si assesta intorno al 30%. Il dato cala al Sud (25%) e al Centro (24%). I ciclisti più virtuosi vivono nella provincia autonoma di Bolzano (60,7%) che stacca tutti. Salgono sul podio con percentuali però di molto inferiori, i liguri (37%) e i lombardi (32%). La “maglia nera” degli italiani pigri spetta al Molise dove solo il 15,5% della popolazione utilizza la bicicletta.

Quanto incide il livello di istruzione

Altri fattori che sembrano influenzare la statistica sono da ricercare nella cittadinanza e nel livello di istruzione dei genitori. I bambini che vanno a scuola in bicicletta o a piedi e hanno entrambi i genitori italiani sono il 23%. Percentuale che sale al 32% quando i genitori sono di cittadinanza mista, e si impenna fino al 53% quando sono stranieri. In tema di istruzione, infine, sono i bambini con genitori con un titolo di studio più basso a prediligere la bicicletta (33%). Si scende al 26% con almeno un genitore laureato e al 24% quando il titolo di studio è medio (almeno uno dei genitori diplomato).

Gli adulti non danno il buon esempio

Stando alla rilevazione Passi, sul fronte adulti, la situazione non è migliore e gli italiani pigri sono la maggioranza. Tra i 18 e 69 anni solo l’11% ha inforcato la bicicletta per spostamenti abituali nell’ultimo mese. La percentuale crolla al 3% in Basilicata e ha ancora in Bolzano il suo picco positivo (27%). Più rosea la casistica quando si tratta di spostarsi a piedi. Il 40% degli adulti fa almeno una passeggiata giornaliera  di 38 minuti.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Su tutti questi dati e rilevazione influiscono la sicurezza dei luoghi e la presenza o meno di piste ciclabili e percorsi pedonali.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti