La sindrome di Down colpisce quasi un bambino su 1.000 nati

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 23/01/2014

Secondo i dati aggiornati, oggi in Italia circa 38 mila persone hanno la sindrome di Down e un bambino su 1.200 ne è colpito 

La sindrome di Down colpisce quasi un bambino su 1.000 nati

In Italia ogni 1.200 bambini nati, uno ha la sindrome di Down, per un totale di circa 38mila persone colpite. Lo hanno rivelato gli esperti riuniti in occasione del Congresso internazionale sulla sindrome di Down.

Il tasso di aborti è elevato

Secondo i dati aggiornati, circa il 9% dei feti presenta una qualche anomalia cromosomica. Tuttavia, solo lo 0,6% dei nuovi nati ne è affetto. Infatti, bisogna considerare che queste malattie, sindrome di Down inclusa, si associano a un’altissima percentuale di aborti spontanei.

Aspettativa di vita più lunga

L’obiettivo del convegno era semplice, ma ambizioso: cambiare il modo di considerare la sindrome di Down. Innanzitutto, come hanno spiegato gli esperti, bisogna smettere di pensare solo al bambino e all’adolescente Down. Oggi, considerato l’allungamento della vita media, è essenziale tener conto anche delle esigenze e dei diritti degli adulti affetti da questa condizione. In secondo luogo, è bene “osservare una persona sotto i suoi molteplici aspetti: l’aspetto biomedico, l’aspetto dello sviluppo motorio, l’azione comunicativo-linguistica, lo sviluppo cognitivo (che non è soltanto l’intelligenza in generale ma comprende anche le funzioni neuro psicologiche di base) così come la salute mentale” ha spiegato Giorgio Albertini, direttore del Dipartimento di Scienze delle Disabilità Congenite ed Evolutive, Motorie e Sensoriali dell’Istituto.

Conta anche l’ambiente

Gli studiosi hanno anche spiegato l’importanza di sfatare i falsi miti e i luoghi comuni. Non è vero che tutti i bimbi down sono uguali, anzi ciascuno di loro è unico. Infatti, ogni bambino ha un patrimonio genetico e neuronale personale ed è influenzato dall’ambiente in cui cresce: la famiglia, la scuola, gli amici, il percorso riabilitativo, la rete sociale.

 

 

In breve

NON È UNA MALATTIA

La sindrome di Down viene spesso considerata una malattia. In realtà, è semplicemente una condizione, una particolarità che fa parte dell’unicità di una persona, esattamente al pari di altre caratteristiche. Il bambino Down è innanzitutto un bambino. Va considerato, quindi, come tutti gli altri. Anche lui ha sentimenti, paure, difficoltà, emozioni, aspettative, progetti, esattamente come i suoi coetanei.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti