A letto presto fa bene al bambino… e ai genitori

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/07/2017 Aggiornato il 03/07/2017

Ormai è dimostrato anche scientificamente: mandare a letto presto il piccolo è un toccasana per tutta la famiglia

A letto presto fa bene al bambino… e ai genitori

Una delle imprese più difficili, per un genitore, è far addormentare i propri figli. Ancora più ardua quella di mandarli a letto presto. Eppure, secondo uno studio australiano conosciuto come “Growing Up in Australia“, mettere i bambini a letto presto è un toccasana per la salute di tutta la famiglia.

L’importanza del sonno

“Growing Up in Australia” è uno studio longitudinale iniziato nel 2004 che ha seguito lo sviluppo di oltre 10.000 bambini e famiglie australiane divise in due gruppi: famiglie con bambini di età di 4-5 anni e famiglie con bebè tra 0 e 1 anno. L’obiettivo dello studio era esaminare come ambiente sociale, economico e culturale influissero sulla vita del bambino e in particolare sulla sua salute, al fine di migliorare il sostegno alle famiglie tramite strategie di intervento precoce e di prevenzione. Tra i parametri considerati, il comportamento del bambino riportato dai genitori, qualità della vita, stato di salute generale e mentale dei genitori, l’alfabetizzazione e la proprietà di linguaggio del bambino, il pensiero matematico e l’approccio all’apprendimento. Lo studio ha inoltre valutato l’indice di massa corporea e il girovita del bambino. Con cadenza biennale, i ricercatori hanno poi interrogato le famiglie sul loro modello di sonno e, in generale, sulla salute dei componenti.

L’ora giusta per andare a letto

Esaminando trasversalmente il campione, i ricercatori hanno capito che le ore di sonno erano l’elemento chiave alla base della qualità della vita dei bambini, ma anche dei genitori. In sostanza le famiglie in cui i bambini erano abituati ad andare a letto prima delle 20.30, godevano di una migliore salute mentale rispetto alle famiglie in cui i bambini si coricavano più tardi. Quello che faceva la differenza non era il numero di ore effettivamente passate a dormire dai bambini, ma proprio il fatto che andare a letto presto si rivela un elemento di tranquillità in più per tutti i componenti della famiglia, creando così un’atmosfera più rilassata e serena.

 

 

 
 
 

In breve

POCO SONNO PER TROPPI BAMBINI

Secondo una ricerca presentata da Assirem (Associazione scientifica italiana per la ricerca e l’educazione nella medicina del sonno), il 50% dei bambini dorme meno di quanto dovrebbe. Se un bambino su tre non vorrebbe mai andare a dormire, il 9,6% ha difficoltà nell’addormentarsi e di questi il 7,3% per la presenza di ansia, agitazione o per paura.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Cisti del dotto tireoglosso in una bimba di due anni: si deve operare?

30/05/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

Le cisti del dotto tireoglosso vanno sempre rimosse chirurgicamente, quando farlo dipende dal numero di infiammazioni a cui vanno incontro. La decisione spetta comunque al chirurgo pediatra.   »

Broncospasmo: c’è un modo per prevenirlo?

29/05/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

ll respiro con sibilo espiratorio spesso è legato a un'infezione virale respiratoria ed è molto comune nei bambini piccoli. Tende a sparire in età scolare ma se persiste rende oppurtuno effettuare un test cutaneo per le allergie.   »

Mancato concepimento: può essere colpa di un’incompatibilità di coppia?

29/05/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

L'ipotesi che la gravidanza non si avvi a causa di un'incompatibilità di coppia è attraente per chi si occupa di infertilità, ma non ha alcun fondamento scientifico. Almeno per quanto si è scoperto fino a ora.   »

Dubbio sul valore dell’alfafetoproteina in gravidanza

22/05/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Il dosaggio dell'alfafetoproteina con il miglioramento delle tecnica ecografica ha perso significato come indagine per individuare alcune malformazioni del feto, come la spina bifida.   »

Fai la tua domanda agli specialisti