Mangiare sano e insieme in famiglia aiuta i bambini

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 17/09/2014 Aggiornato il 17/09/2014

I bambini che mangiano in famiglia costruiscono buone relazioni sociali e ottengono risultati scolastici migliori almeno del 10 per cento rispetto ai coetanei 

Mangiare sano e insieme in famiglia aiuta i bambini

I bambini che mangiano in famiglia hanno più successo sia a livello sociale sia a scuola. Anche in questi tempi di internet e videogiochi, è il modello tradizionale del pasto consumato a tavola, chiacchierando e confrontandosi ogni giorno con i familiari, la scelta vincente. Lo ha rivelato una ricerca condotta dalla University of Oklahoma and Oklahoma State University, negli Stati Uniti. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica  Journal of Family Psychology.

24 mila bambini sotto esame

Gli scienziati hanno analizzato le abitudini alimentari, il comportamento, il rendimento scolastico e le competenze sociali di oltre 24mila bambini presi come campione della ricerca scientifica. Dai risultati è emerso che condividere insieme alla famiglia i pasti può essere davvero vantaggioso per i più piccoli. I bambini dai sei agli undici anni d’età, infatti, che mangiano in famiglia hanno migliori abilità sociali e vanno meglio a scuola di circa il 10 per cento rispetto ai coetanei.

Conta molto la stabilità

I ricercatori non hanno specificato il numero di pasti ideali da condividere con la famiglia, ma sono convinti che ne siano necessari almeno 4 per ottenere dei vantaggi. Gli scienziati hanno cercato di motivare i risultati, per un certo verso sorprendenti, a cui è giunta la ricerca. Del resto, è noto agli psicologi dell’età infantile che i bambini per acquisire sicurezza e fiducia in se stessi hanno bisogno della routine, della stabilità e infatti: “È possibile che le caratteristiche organizzative dei pasti in famiglia – hanno detto i ricercatori – forniscano una struttura, un ordine e una prevedibilità che fornisce stabilità ai bambini”. E quando acquisiscono fiducia e sicurezza, i bambini hanno poi gli strumenti per avere relazioni sociali più soddisfacenti e anche ottenere migliori risultati a livello scolastico.

In breve

UN MOMENTO DI CONDIVISIONE

Secondo quanto afferma una ricerca condotta dagli scienziati dell’Oklahoma University, i bambini che mangiano in famiglia sono avvantaggiati rispetto ai coetanei sia nelle relazioni sociali che nei risultati scolastici. Lo studio è stato condotto su un campione di 24mila bambini. Le motivazioni del fenomeno potrebbero essere nella maggiore sicurezza e stabilità che regalano ai piccoli i pranzi e le cene in famiglia. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Gravidanza e paura di effettuare il tampone vaginale

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante i nove mesi di gestazione, effettuare il tampone vaginale non espone ad alcun rischio, quindi può essere affrontato in assoluta tranquillità.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti